L'incontro tra Turchia e Siria a Mosca potrebbe portare a un piano di pace

L'incontro tra Turchia e Siria a Mosca potrebbe portare a un piano di pace

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Steven Sahiunie*– Strategic Culture

Gli incontri e i riallineamenti tra Siria e Turchia, mediati dalla Russia, possono produrre cambiamenti duraturi in Medio Oriente.

ministri degli Esteri di Turchia e Siria si incontreranno a Mosca. Questo è l'incontro a più alto livello tra i due paesi che sono stati su fronti opposti della guerra USA-NATO alla Siria per regime change dal 2011.

L'esito di quell'incontro, e l'atteso incontro di follow-up tra il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e il presidente siriano Bashar al-Assad, potrebbe costituire la base per la ripresa della Siria, aggirando la risoluzione 2254 delle Nazioni Unite, che non ha prodotto risultati.

Gli Stati Uniti hanno perso la guerra, ma hanno utilizzato milizie armate per continuare ad occupare parti della Siria e per imporre una situazione di stallo che impedisce una soluzione pacifica e la ripresa per la Siria. L'America non è più l'unica superpotenza e le decisioni prese nel nuovo Medio Oriente non dipendono più dagli ordini del Dipartimento di Stato USA.

Erdogan è candidato alla rielezione a giugno e deve affrontare una forte opposizione. L'economia soffre e la gente incolpa i rifugiati siriani per la perdita di posti di lavoro e mali sociali. Erdogan e l'opposizione promettono di far fare i bagagli ai profughi.

Il mercato di esportazione turco in Siria nel 2011 rappresentava la metà dell'intero mercato di esportazione globale per la Turchia. Questo è andato perso quando Damasco ha vietato tutte le importazioni turche a causa della loro partecipazione alla guerra in Siria. Erdogan potrebbe ripristinare il mercato siriano ricucendo il rapporto.

Per vincere le lezioni, Erdogan propone un riavvicinamento ad Assad. Gli Stati Uniti hanno espresso il loro disappunto per qualsiasi tentativo di qualsiasi paese di ricucire le relazioni con la Siria. Tuttavia, Erdogan non si lascerà influenzare dall'opinione o dalle minacce degli Stati Uniti, alla luce del fatto che gli Stati Uniti sostengono, addestrano e forniscono armi alle milizie curde (SDF e YPG) legate a un'organizzazione terroristica vietata a livello internazionale (PKK), che hanno ucciso migliaia in Turchia in tre decenni di terrorismo. I curdi sanno che la Turchia è un alleato molto più importante per gli Stati Uniti, e gli Stati Uniti non combatteranno mai contro la Turchia per salvare i curdi. L'ex inviato degli Stati Uniti in Siria, James Jeffrey, ha detto ai curdi che dovrebbero ricostruire il loro rapporto con Damasco per avere protezione. Gli Stati Uniti non hanno mai sostenuto una "patria" per i curdi.

Siria e Turchia sono unite nel loro obiettivo di smilitarizzare il nord-est curdo della Siria. Siria e Turchia condividono un nemico comune (i curdi) e un alleato comune (la Russia). Questa potrebbe essere la base per formare una nuova politica estera tra i due vicini.

Siria

Funzionari siriani hanno incontrato i loro omologhi turchi e del Golfo Arabo . Alcune ambasciate arabe a Damasco sono state riaperte e Assad ha effettuato una visita negli Emirati Arabi Uniti.

L'amministrazione Assad a Damasco controlla la stragrande maggioranza del territorio siriano. Le eccezioni sono: la provincia di Idlib nel nord-ovest è sotto l'occupazione di Hayat Tahrir al-Sham, un gruppo terroristico islamico radicale che era l'ex ramo di Al Qaeda in Siria, e la regione dell'amministrazione curda nel nord-est sotto l'occupazione di circa 600 Stati Uniti truppe e due milizie curde locali (SDF e YPG) che seguono un'ideologia politica comunista inizialmente promossa dal leader del PKK incarcerato, Abdullah Ocalan.

Alla Siria e alla Russia è stato impedito di attaccare e liberare Idlib dal controllo terroristico. Gli Stati Uniti usano i tre milioni di civili che vivono sotto occupazione come scudi umani per prevenire gli attacchi. Gli Stati Uniti e i loro alleati nelle Nazioni Unite chiedono che le forniture alimentari e mediche delle Nazioni Unite vengano consegnate a Idlib. I civili vengono nutriti e vestiti, ma anche i terroristi e le loro famiglie. La comunità internazionale sta sostenendo il benessere dei terroristi, che sono lì per volere degli Stati Uniti, per impedire la pace e la ripresa in Siria. Nonostante il protocollo delle Nazioni Unite che richiede a tutti i membri delle Nazioni Unite di combattere Al Qaeda, o i loro affiliati, ovunque sulla terra, gli Stati Uniti e la Turchia hanno eluso il protocollo e usano i terroristi come guardie dello stallo politico che gli Stati Uniti hanno imposto alla Siria.

Gli Stati Uniti

Washington ha mantenuto un controllo ferreo sulla Siria attraverso l'uso delle sanzioni statunitensi e una brutale occupazione militare che ha impedito ai cittadini siriani di rifornirsi di carburante per i trasporti e il riscaldamento domestico e di generare elettricità. Le case, gli ospedali, le scuole e le imprese siriane hanno tra i 15 minuti e un'ora di elettricità in quattro intervalli al giorno a causa delle sanzioni imposte dagli Stati Uniti, che non hanno colpito il governo siriano, ma hanno portato il popolo siriano alla disperazione. Le macchine per la dialisi renale richiedono costantemente elettricità. Un generatore a benzina può bastare in caso di blackout, ma le sanzioni Usa impediscono anche l'importazione di benzina. Come possono sopravvivere i siriani?

Nonostante Richard Haass abbia scritto nel 1998 che le sanzioni statunitensi sono inefficaci e immorali contro i civili, il Dipartimento di Stato americano si aggrappa alle sanzioni come strumento per il regime change.

Iran

L'Iran e la Siria sono stati uniti nella loro resistenza all'occupazione delle alture del Golan e delle fattorie di Shebaa in Palestina. L'Iran si è schierato fermamente con la Siria durante l'attacco USA-NATO alla Siria perché è una chiave nella rotta terrestre dall'Iran al Libano. Negli ultimi tempi si stanno aprendo alcune crepe nei rapporti tra Damasco e Teheran. L'incontro del presidente iraniano Ebrahim Raisi a Damasco è stato recentemente rinviato. Alcuni esperti ritengono che l'Iran abbia chiesto troppo alla Siria e, con nuove opportunità per migliorare le relazioni con il Golfo Persico e la Turchia, la Siria potrebbe impiegare del tempo per valutare le sue opzioni.

Israele, Arabia Saudita e altri paesi arabi vogliono vedere l'Iran fuori dalla Siria. Finché l'Iran sarà in Siria continueranno gli attacchi aerei israeliani, che sono stati mortali e distruttivi.

Ci sono stati 32 raid israeliani nel 2022 che hanno distrutto e colpito 91 obiettivi, tra cui infrastrutture civili, edifici, depositi di armi e veicoli. Ottantotto militari sono stati uccisi e 121 feriti negli attacchi.

Arabia Saudita

L'Arabia Saudita è il più grande cliente di vendite militari straniere degli Stati Uniti , con oltre $ 100 miliardi di casi attivi. Negli Stati Uniti c'è un detto: "Il cliente ha sempre ragione".

Forse questo potrebbe spiegare perché gli Stati Uniti non intraprendono alcuna azione contro l'Arabia Saudita anche quando ci sono stati problemi mortali, o quando Biden ha chiesto al principe ereditario Mohammed bin Salman (MBS) di pompare più petrolio, e lui ha rifiutato.

MBS sta facendo enormi riforme, che includono l'allentamento delle restrizioni sulle donne e la creazione di nuove opportunità turistiche e sportive internazionali.

MBS e Netanyahu sono uniti su una questione comune: impedire all'Iran di ottenere un'arma nucleare, nonostante l'Iran insista nel volere capacità nucleari per scopi pacifici, come la produzione di energia e la ricerca medica. Netanyahu ha affermato che una delle sue principali priorità in carica sarà normalizzare le relazioni con l'Arabia Saudita.

La Lega Araba

Il prossimo Summit della Lega Araba si svolgerà in Arabia Saudita , tradizionalmente programmato ogni anno a marzo. A seconda dell'esito degli incontri da qui alla primavera, la Siria potrebbe eventualmente essere reintegrata e occupare il proprio posto al tavolo. Nella regione si stanno verificando grandi cambiamenti che coinvolgono le relazioni tra i paesi arabi e gli Stati Uniti, la Cina e la Russia. L'Arabia Saudita è al posto di guida e utilizzerà l'hosting del vertice per proiettare la propria posizione come mediatore di potere del Medio Oriente.

Israele

Il ministro degli Esteri israeliano Eli Cohen ha annunciato che il prossimo vertice degli Accordi di Abramo si terrà in Marocco nel marzo 2023.

Gli Stati Uniti avevano mediato nel 2020 gli Accordi di Abramo per la normalizzazione delle relazioni tra Israele, Marocco, Emirati Arabi Uniti e Bahrein. Successivamente, il Sudan ha aderito agli accordi. Le aree di interesse comune sono: difesa, investimenti, agricoltura, turismo ed energia.

Gli incontri e i riallineamenti tra Siria e Turchia, mediati dalla Russia, possono produrre cambiamenti duraturi in Medio Oriente e riunire i nemici come nuovi amici. L'occupazione israeliana della Palestina continuerà ad essere la prima causa di instabilità e violenza nella regione. Alimenta l'estremismo religioso e il terrorismo. Se Israele apprezza l'instaurazione di relazioni con i suoi vicini arabi, deve prima guardare ai suoi vicini più prossimi a Gaza e in Cisgiordania. Il Medio Oriente e il mondo attendono un vertice di pace per avviare il processo di pace per Israele e Palestina, e il paese ospitante non saranno probabilmente gli Stati Uniti

*È un pluripremiato giornalista siro-americano residente in Siria. È specializzato sulle questioni del Medio Oriente. È apparso in TV e radio in Canada, Russia, Iran, Siria, Cina, Libano e Stati Uniti.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti