Licenziamenti per motivi disciplinari: Regalo di Natale del governo dei "migliori"

Licenziamenti per motivi disciplinari: Regalo di Natale del governo dei "migliori"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il 2021 volge alla conclusione, tempo di bilanci. Fra i tanti emerge quello sui licenziamenti. Tantissimo, secondo l'Istat sono stati sono negli ultimi 3 mesi ben 55.000. Un regalo padronale ben confezionato da 3 mesi

Si potrebbe pensare che siano dovuti alla crisi economica dovuta alla pandemia da Covid-19.

Invece no. Sono licenziamenti mascherati. In pratica le aziende continuando ad intascare la Cassa integrazione CIG-Covid, ma licenziano, come ha denunciato il Si Cobas, "per giusta causa" (cioè disciplinari). Tali licenziamenti sono aumentati del 70% rispetto al periodo pre-pandemico.

Il sindacato di base precisa che le aziende "preferiscono 'mascherare' i tagli di personale attraverso l'espediente dei licenziamenti disciplinari, continuando tranquillamente a "mungere" gli ammortizzatori sociali dalle casse dello stato col pretesto di crisi aziendali che in molti casi sono del tutto inventate."

"Come abbiamo più volte ribadito, stiamo assistendo a uno stato di emergenza a senso unico, nel quale l'unico interesse che sta a cuore allo stato è la difesa, senza se e senza ma, non della salute, bensì dei profitti." conclude il Si Cobas.

La lotta contro i licenziamenti sarà sicuramente, ce ne saranno ancora tanti e con svariati pretesti, dovrà ricompattare lavoratori e sigle sindacali, nessuna esclusa anche quelle confederali, partendo dalla loro base, per rilanciare un'opposizione sociale al Governo Draghi.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti