L'Express, "l'Ucraina deve vincere" e quell'ambiguo pugno chiuso

L'Express, "l'Ucraina deve vincere" e quell'ambiguo pugno chiuso

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Le strade di Parigi sono piene del manifesto del settimanale "L'Express", che, come mostra la fotografia, inneggia e incita alla "vittoria" dell'Ucraina, con un ambiguo pugno chiuso: "L'Ucraina deve vincere".




Nel numero in edicola ci sono firme considerate "prestigiose" o che tali si auto-considerano, in testa a tutti il solito Bernard Henry-Lévy, l'eterno esponente dell' "armiamoci e partite", un personaggio ormai a dir poco patetico.

Contemporaneamente, solo tre giorni fa, il quotidiano tedesco "Suddeutsche Zeitung" pubblicava una bella intervista a un filosofo autentico, Juergen Habermas, che certo non è un pacifista, ma che sulla guerra in Ucraina dice cose sempllicemente ovvie. Incitare alla vittoria dell'Ucraina significa essere irresponsabili. Kiev non ha alcuna possibilità di battere Mosca, e pensarlo significa essere imbecilli, gridarlo significa essere in malafede; ma soprattutto insistere con armi e propaganda per la continuazione della guerra, vuol dire esporre l'Europa e il mondo al rischio serio della catastrofe nucleare.


Morale? Esistono intellettuali che hanno preservato autonomia di giudizio, e sono in grado di esercitare un pensiero critico, e tentanto di accendere il faro dell'intelligenza nella buia notte dell'ignoranza; ma sono una esigua minoranza in un mare di pappagalli ammaestrati che ripetono le bestialità ispirate dai loro pregiudizi (antislavi, antirussi e pure antcomunisti dato che comunque costoro identificano Putin con Lenin, a dispetto di ogni evidenza e di ogni logica), oppure eseguire gli ordini di scuderia, provenienti dai loro padroni. E sostenere a spada tratta l'irresponsabile Zelensky, presentarlo come un eroe, concedergli la parola ovunque, dedicargli copertine di riviste, dargli premi e via seguitando, implica volere che continui il massacro del popolo ucraino e la distruzione di un territorio.

Eppure basta un Habermas che prende parola a darci un minimo di speranza: forse non tutto è perduto. Persino dai circoli pollitici USA è arrivato, per ora a mezza voce, l'invito agli ucraini a "perseguire solo obiettivi irraggiungibili"; ossia toglietevi dalla testa che potete riconquistare Crimea e Donbass, o addirittura sconfiggere la Federazione Russa.
Insomma, a dispetto degli "intellettuali" dell' "Express", foglio nato come "laico e progressista", qualche elemento per rincuorarci c'è, e nella prospettiva dell'anniversario del 24 febbraio, inizio della seconda fase del conflitto (la prima fase è incominciata nel 2014, ricordiamolo sempre: ora persino quel tristo figuro di Stoltenberg - nomen omen! - lo ha ammesso, candidamente) facciamo di tutto per fermare la guerra. Questo deve essere il nostro imperativo, questa la nostra lotta.
Dunque, basta propaganda bellica, basta invio di armi, basta scherzare col fuoco. Il nostro motto deve essere oggi più che mai: STOP THE WAR.

Angelo D'Orsi

Angelo D'Orsi

Laureato, in Filosofia del Diritto, con Norberto Bobbio, nel 1972. Professore ordinario di Storia delle dottrine politiche all'Uuniversità di Torino. Autore di "Gramsci. Una nuova biografia."

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti