Le prime "ingerenze" Usa nelle proteste nel sud della Siria

Le prime "ingerenze" Usa nelle proteste nel sud della Siria

Foto Joe Wilson membro repubblicano del Congresso USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il leader religioso siriano druso Sheikh Hikmat al-Hijri ha parlato al telefono con l'eminente membro repubblicano del Congresso statunitense Joe Wilson il 20 settembre per discutere delle attuali proteste antigovernative in Siria. Lo ha riferito il giornalista siriano residente negli Stati Uniti Maher Sharaf al- Din.


Lo sceicco Hijri ha anche avuto telefonate con il deputato democratico Brendan Boyle  il 19 settembre e con il rappresentante repubblicano French Hill il 15 settembre.

Le proteste sono scoppiate a Suwayda il 16 agosto dopo che il governo siriano ha aumentato gli stipendi dei dipendenti pubblici ma ha tagliato i sussidi per il carburante in un contesto di crollo del valore della sterlina siriana.

Da allora le proteste settimanali sono continuate, con i manifestanti che hanno fatto rivivere gli slogan delle proteste del 2011 che chiedevano il rovesciamento del governo siriano e del presidente Bashar al-Assad.

Una fonte della sicurezza siriana ha informato The Cradle  che Sheikh Hijri, uno dei tre leader religiosi drusi conosciuti come gli Sceicchi della Ragione (Mashayak al-Aql) ha svolto un ruolo fondamentale nel cambiamento delle richieste dei manifestanti, passando dalle protese per la crisi economica ad aspirazioni separatiste. La fonte ha ricordato che i disaccordi di Hijri con il governo siriano lo hanno portato a stabilire legami con i partiti del Golfo Persico, promuovendo al contempo internamente il sostegno al separatismo a Suwayda. 

I membri del Congresso Wilson, Hill e Boyle sono noti per il loro attivismo a sostegno delle sanzioni statunitensi sulla Siria che hanno causato la crisi economica che ha stimolato le manifestazioni di Suwayda.

A maggio hanno co-sponsorizzato una legislazione che mira a bloccare la normalizzazione delle relazioni tra il governo siriano e gli stati arabi e a inasprire le sanzioni economiche statunitensi sulla Siria approvate nel 2019 come parte del Caesar Act.

Il disegno di legge anti-normalizzazione richiede l’utilizzo di “l’intera gamma di poteri”, comprese  le sanzioni , per “scoraggiare le attività di ricostruzione in qualsiasi area sotto il controllo di Bashar al-Assad”.

Nel 2021, James Jeffrey, l’ex inviato statunitense in Siria, si era vantato  del fatto che gli Stati Uniti avevano “schiacciato l’economia del paese attraverso le sanzioni”, mentre Andrew Tabler, un altro ex alto funzionario statunitense per la politica siriana, a sua volta era orgoglioso del  fatto che le sanzioni statunitensi avevano causato un calo della valuta siriana portandola al collasso che, come conseguenze avevano causato “corrispondenti tagli ai sussidi del regime che hanno esacerbato la carenza di carburante e cibo per i siriani”.

Il deputato Boyle è noto anche per il suo attivismo a favore di Israele. Si è fermamente opposto  al movimento per il boicottaggio, il disinvestimento e le sanzioni (BDS) oltre a battersi contro i tentativi palestinesi di unirsi alla Corte penale internazionale (CPI) per sporgere denuncia di crimini di guerra contro l’esercito israeliano.

Tutte e tre le telefonate tra Sheikh Hijri e i membri del Congresso sono state agevolate  dalla Syria Emergency Task Force (SETF), un gruppo di difesa con sede negli Stati Uniti che ha svolto un ruolo cruciale nel promuovere un regime change in Siria dal 2011.

Il gruppo ha anche svolto un ruolo chiave nell’approvazione della legislazione statunitense per imporre sanzioni economiche alla Siria, compreso il Caesar Act.

Il SETF ha uffici a Washington DC e Little Rock, Arkansas, ed è finanziato da agenzie come il Dipartimento di Stato americano e il Foreign and Commonwealth Office del Regno Unito.

La SETF è guidata dal siro-americano Moaz Moustafa. Prima dello scoppio della guerra in Siria, ha lavorato per il Comitato Nazionale Democratico, la  rete di notizie Al-Jazeera e gruppi che promossero i regime change in Libia ed Egitto.

 Moustafa e la SETF hanno acquisito notorietà nel 2013 quando aiutarono  il senatore John McCain a intrufolarsi in Siria per incontrare i gruppi armati salafiti del cosiddetto Esercito siriano libero (FSA). McCain è stata tra le voci più forti negli Stati Uniti che chiedevano il rovesciamento di Assad in Siria. 

Il viaggio fu organizzato da Moustafa e dall'ex direttrice politica della SETF Elizabeth O'Bagy, che ha lavorato anche per il think tank filoisraeliano Institute for the Study of War e in seguito è diventata membro dello staff del senatore McCain.

Moustafa ha anche avuto un ruolo nel portare il presunto disertore siriano, Caesar, negli Stati Uniti per testimoniare davanti al Congresso e ispirare l’approvazione  delle sanzioni Caesar, che secondo alcuni analisti avrebbero rapidamente spinto la Siria verso la carestia.

Il disertore ha fatto uscire dalla Siria 55.000 foto che affermavano di mostrare civili assassinati dal governo siriano durante la detenzione nelle sue prigioni. Tuttavia, come ha mostrato il giornalista Rick Sterling, le fotografie mostravano principalmente civili morti durante il conflitto. Inoltre, come ha riconosciuto Human Rights Watch, quasi la metà delle foto mostrano soldati siriani morti e vittime di autobombe e altre violenze da parte dei gruppi di opposizione islamica. Pertanto, quasi la metà delle foto mostra il contrario di quanto affermato da Caesar.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti