Le mani della Francia sul Libano. In cosa consiste "l'accordo di Difesa"?

Le mani della Francia sul Libano. In cosa consiste "l'accordo di Difesa"?

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

Parigi finanzierà diversi progetti di sicurezza nella terra dei cedri. Al di là dell'aspetto geopolitico, è il ruolo storico della Francia, che l'Eliseo vuole mantenere a tutti i costi, secondo Joseph Moukarzel, deputato dei francesi all'estero.

Nonostante le crisi e le liti temporanee, il rapporto fraterno tra Francia e Libano continua: il partenariato franco-libanese ha recentemente compiuto un nuovo passo in campo militare.

Il 21 febbraio scorso gli eserciti francese e libanese hanno firmato tre convenzioni sulla difesa, la cooperazione navale, la lotta al terrorismo e il combattimento in montagna. In questa occasione, il comandante in capo dell'esercito libanese, generale Joseph Aoun, ha ricevuto Anne Grillo, ambasciatore di Francia, a Yarzé, alla periferia di Beirut.

 

 

Questo aiuto conferma un p 'di più la posizione privilegiata della Francia nel Paese dei Cedri, secondo Joseph Moukarzel, deputato LREM del 10 ° distretto dei francesi all'estero, che comprende il Medio Oriente e parte dell'Africa:“Non è una novità, la Francia è sempre stata un partner privilegiato in campo militare con il Libano. Anche Stati Uniti e Italia sono partner importanti.”

Tuttavia, a differenza di Washington, Parigi non ha mai emesso una riserva sull'esercito libanese, precisa l'uomo che è anche il capo del quotidiano satirico libanese Ad Dabbour (The Wasp, in arabo). Nel 2016, gli Stati Uniti avevano convinto l'Arabia Saudita a smettere di finanziare i suoi aiuti militari al Libano. Infatti, per paura di vedere Hezbollah acquisire un nuovo arsenale militare, Riyadh aveva annullato il suo aiuto miliardario, che aveva anche compromesso un pesante contratto per la Francia. Ma per rassicurare Parigi, Riyadh ha semplicemente sostituito Beirut: le armi destinate ai soldati libanesi sono finite nelle mani dei soldati sauditi impegnati nella guerra nello Yemen .

La Francia mantiene rapporti con Hezbollah

Parigi quindi agisce con una certa libertà in Libano, a differenza degli altri partner del Paese del Cedro. Macron aveva messo in chiaro nell'agosto 2020 , essendo Hezbollah una componente del popolo libanese, sarebbe stato saggio non andare contro il movimento sciita. Un atteggiamento che rompe con quello di Washington, che ha classificato quest'ultima tra le organizzazioni terroristiche.

"I contatti tra Parigi e Hezbollah sono permanenti", sottolinea prima di precisare che "ovviamente la Francia non vuole che il suo arsenale militare cada nelle mani del partito sciita".

Tuttavia, per quanto riguarda il recente accordo tra i due paesi, si tratta solo di materiale difensivo e di sorveglianza destinato all'esercito libanese. Questo accordo non è stato oggetto di alcun contratto, poiché si tratta di un finanziamento e di una donazione. Il primo accordo, infatti, riguarda il finanziamento da parte della Francia di un centro di soccorso marittimo, all'interno della base navale di Beirut.

“È un imperativo per il Libano: vista la crisi, diverse imbarcazioni improvvisate sono salpate per raggiungere la costa cipriota. Questi aiuti permetteranno alla marina libanese di regolare questo traffico come meglio può ”, spiega il capo stampa franco-libanese.

Gli altri due accordi riguardano il finanziamento della costruzione di un centro cinofilo militare e la donazione di attrezzature per il combattimento in montagna. Questo aiuto è spiegato in particolare dall'obiettivo di sicurezza dei due paesi, specifica Joseph Moukarzel.

"La lotta al terrorismo è una priorità per il Libano, lo sviluppo di capacità di rilevamento di esplosivi e il combattimento in montagna dovrebbero consentire all'esercito libanese di mettere in sicurezza alcune aree porose", sottolinea.

Il rappresentante LREM dei francesi che vivono all'estero fa riferimento qui al confine siriano-libanese e al nord del paese, dove sono segnalate diverse cellule terroristiche dormienti. Inoltre, questo aiuto militare risponde a "un imperativo geopolitico per le autorità francesi": il Libano è infatti la porta della Francia verso l'Oriente.

"Il Libano è in un certo senso appannaggio della Francia"

 "Indipendentemente dai tempi e dalle crisi regionali, la Francia ha sempre risposto 'presente' per aiutare il Libano", ama ricordare il deputato francese. Fervente difensore dell'amicizia franco-libanese, ritiene che "la Francia non abbia mai dubitato del proprio ruolo".

“Qualunque sia l'etichetta politica del presidente francese, l'amicizia franco-libanese è scritta nella pietra. Anche se domani in Francia salirà al potere un governo di estrema destra, il rapporto con il Libano sarà lo stesso ”.

Qui storia e interessi si mescolano. La Francia ha tutto l'interesse a mantenere questa posizione dominante in Libano. Mantiene forti legami con la comunità cristiana, francofila. Il Libano è il fulcro della politica orientale francese. "È in un certo senso la sua riserva privata".

“Il Libano è l'unico Paese che rimane un territorio in cui la Francia è presente in tutti i campi, dall'istruzione al militare, compresa la cultura. Potremmo evocare le relazioni bilaterali della Francia con il Qatar o con gli Emirati, ma non è la stessa cosa ".

Non è la stessa cosa, infatti, poiché i legami tra Francia e Libano sono intrisi di sentimenti. I libanesi difficilmente percepiscono la presenza francese come un'interferenza, sottolinea Joseph Moukarzel, ma più come una "amicizia reciproca".

 "Al popolo libanese piace chiamare la Francia" Oum el Hanoun "", che letteralmente significa "la madre amorevole", fatto che non esclude di criticarla quando si dimostra troppo autoritaria. Per questa ragione Hezbollah si è rammaricato lo scorso settembre del “comportamento condiscendente” di Emmanuel Macron, chiedendo la formazione di un governo in pochi giorni.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Keynes contro il capitalismo di Thomas Fazi Keynes contro il capitalismo

Keynes contro il capitalismo

Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan di Giuseppe Masala Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan

Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti