Le 4 fake news di Open scandalizzano anche i media mainstream

Le 4 fake news di Open scandalizzano anche i media mainstream

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

Come si sa al giornale on-line fondato da Enrico Mentana, Open, è stato attribuito da Facebook un ruolo che fa rabbrividire: quello di arbitro della verità. Open stabilisce cosa sia vero o falso. Questi bollini, marchi di infamia finiscono poi per denigrare i giornalisti di turno, bollandoli con etichette vare. Se ai tempi del Covid-19 si poteva essere definiti complottisti no vax ora è il tempo dei filo-Putin. Non solo, una volte ricevuto il bollo di “falso” alla notizia, il sito viene penalizzato nelle visualizzazioni su Facebook. In tutto questo registriamo un totale silenzio dell’Ordine nazionale dei giornalisti.

Ormai con il conflitto in Ucraina si è creata un’isterica campagna propagandistica per fomentare la terza guerra mondiale, non importa che possa sfociare in uno scontro con armi nucleari.

La guerra si vincerà sul campo di battaglia tuona la NATO. Ergo, Rassegnatevi!

C’è però forse una speranza. Si è creato un corto circuito propagandistico. Infatti, all’interno dello stesso mainstream si sollevano dubbi, se non proprio accuse contro la creatura mediatica di Mentana.

Sul settimanale Panorama, Elisabetta Burba, ha scritto un articolo che mette alla berlina Open con un titolo già eloquente: “Open, il Fact-Checker di Facebook, pubblica quattro fake news in quattro giorni”. E ancora più tagliente il sottotitolo: “Il sito di Mentana ha rilanciato notizie senza verificarle.”

Come si legge nell’articolo, neanche dopo le smentite Open ha provveduto a fare correzioni.

Vi lasciamo a questo link la lettura in dettaglio delle cantonate prese da Open. Siamo buoni a definirle cantonate, siamo in una guerra, le parole pesano come macigni quando c’è lo spettro di una terza guerra mondiale.

Una cosa è certa, il Re della Propaganda pro-NATO è nudo, non ci possono ingannare più con le guerre umanitarie per portare democrazia e diritti umani.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti