Lavrov: "Le tracce del colonialismo sono evidenti nelle politiche dei paesi occidentali"

Lavrov: "Le tracce del colonialismo sono evidenti nelle politiche dei paesi occidentali"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

"Purtroppo, le tracce della politica del colonialismo sono evidenti nelle politiche dei paesi occidentali quando chiedono che il mondo intero si ponga a loro favore e contro il resto [dei paesi]", ha dichiarato oggi durante la sua visita in Uganda. Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.

Le sue dichiarazioni sono state rilasciate durante la conferenza stampa dopo i colloqui con il suo omologo ugandese, Sam Kutesa, e il presidente del paese africano, Yoweri Museveni.

In questo modo, Lavrov ritiene che le dichiarazioni e le azioni dell'Occidente mettano in evidenza il pensiero del blocco neocoloniale e condanna i suoi tentativi di risolvere le sue discrepanze con la Russia attraverso l'Ucraina.

Il capo della diplomazia russa ha invece soiegato che le discussioni sulla risoluzione della crisi energetica e alimentare nel mondo “non dipenderanno dallo stato d'animo” delle controparti occidentali. Al riguardo, ha elogiato il governo del Paese africano per il suo rifiuto di schierarsi nel conflitto ucraino, sottolineando di aver compreso che le suddette crisi "non hanno nulla a che fare" con l'operazione militare speciale nella nazione europea.

Di recente, Lavrov ha ricordato che i paesi occidentali hanno esacerbato la crisi alimentare mondiale imponendo sanzioni contro la Russia che hanno colpito le sue esportazioni agricole. Ha anche ribadito che le ragioni principali della crisi alimentare che minaccia il mondo includono la pandemia da coronavirus, la massiccia emissione di banconote non sostenute dai paesi occidentali e la siccità senza precedenti in Africa.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente