La Turchia potrebbe acquistare caccia russi Su-35 e Su-57 se gli USA rifiutano di vendere nuovi F-16

La Turchia potrebbe acquistare caccia russi Su-35 e Su-57 se gli USA rifiutano di vendere nuovi F-16

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Turchia sospesa tra l’acquisto di caccia statunitensi e russi. Ankara è stata unilateralmente esclusa dal programma F-35 dopo la decisione di dotarsi dei sistemi di difesa missilistica S-400 prodotti dalla Russia, quindi sfumati gli F-35 per cui aveva già anche anticipato i pagamenti ha richiesto agli Stati Uniti la consegna di caccia F-16. Sullo sfondo però resta la possibilità che la Turchia acquisisca caccia Su-35 e Su-57 di fabbricazione russa se non dovesse arrivare un accordo con Washington. 

"Se gli Stati Uniti non approvano un accordo sugli F-16 dopo la situazione con gli aerei F-35, non rimarranno alternative per la Turchia. La questione degli aerei Su-35 e Su-57 potrebbe emergere di nuovo in qualsiasi momento”, ha affermato Ismail Demir, presidente delle Industrie della Difesa turche  (SSB). 

Il 17 ottobre il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato che gli Stati Uniti potrebbero vendere caccia F-16 alla Turchia dopo la decisione di escludere Ankara dal programma di sviluppo del caccia F-35 di quinta generazione. L'agenzia di stampa Reuters ha riferito il 17 ottobre che la Turchia aveva presentato una richiesta agli Stati Uniti per l'acquisto di 40 caccia F-16 e l'ammodernamento di circa 80 aerei da guerra di questo tipo operativi nell'aeronautica turca.

Mosca e Ankara hanno firmato un accordo nel 2017 sulla consegna di sistemi di difesa aerea S-400 di fabbricazione russa alla Turchia, rendendola così il primo membro della NATO ad acquistare quest'arma di difesa aerea dalla Russia.

La decisione di Ankara di acquistare il sistema di fabbricazione russa ha fatto infuriare gli Stati Uniti e la NATO. Finora Washington non ha abbandonato i suoi sforzi volti a forzare la Turchia affinché abbandoni l’armamento russo. 

La Turchia non ha ceduto alle pressioni degli Stati Uniti e ha affermato che manterrà il sistema S-400. Washington ha risposto escludendo Ankara dal programma statunitense di sviluppo del cacciabombardiere F-35 di quinta generazione.

Quindi nei cieli della Turchia voleranno caccia di fabbricazione russa?

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Renatino è un crumiro infelice di Giorgio Cremaschi Renatino è un crumiro infelice

Renatino è un crumiro infelice

ComeDonChisciotte, lo spettacolo triste dei falliti "scoop" di Fanpage di Francesco Santoianni ComeDonChisciotte, lo spettacolo triste dei falliti "scoop" di Fanpage

ComeDonChisciotte, lo spettacolo triste dei falliti "scoop" di Fanpage

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa di  Leo Essen Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione... di Pasquale Cicalese Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti