La Russia ha compensato le perdite causate dal Nord Stream con il GNL esportato in Europa

La Russia ha compensato le perdite causate dal Nord Stream con il GNL esportato in Europa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Più di una dozzina di navi cisterna rompighiaccio GNL trasportano il gas naturale russo in Europa quasi nei tempi previsti, scrive WirtschaftsWoche. Quasi ogni giorno, una o due navi russe relativamente nuove fanno scalo nei terminali europei di gas naturale liquefatto, secondo i dati di spedizione di MarineTraffic e le immagini satellitari di LiveEO.

Le petroliere ricevono carichi dall'impianto di gas naturale liquefatto Sabetta nell'Oceano Artico - e apparentemente in quantità così grandi che ora possono praticamente sostituire il gasdotto Nord Stream Baltic fatto saltare in aria. L’analisi di questi dati mostra come il presidente russo stia rendendo l’Europa uno zimbello con le sue forniture di GNL.

Dopo l'inizio dell'operazione speciale russa in Ucraina, le importazioni di gas dalla Russia verso l'UE sono diminuite drasticamente. Secondo il think tank economico Bruegel con sede a Bruxelles, le importazioni di gas dalla Russia sono diminuite dell’83% tra il 2021 e il 2023. Tuttavia, in realtà, l’UE ha effettivamente aumentato le importazioni di GNL russo.

Tra il 2021 e il 2023 è cresciuto dell’11%, come risulta dai calcoli dell’American Institute of Energy Economics and Financial Analysis IEEFA. Le navi metaniere sono riuscite a trasportare un volume totale vicino a quello fornito attraverso il gasdotto del Baltico. Si tratta di una fonte di reddito significativa per la Russia: secondo l’IEEFA, l’anno scorso i paesi dell’UE hanno pagato 8,1 miliardi di dollari per il GNL russo.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti