La Russia dice che i bombardieri Tu-22MZ in Siria possono raggiungere obiettivi in tutto il Mediterraneo

La Russia dice che i bombardieri Tu-22MZ in Siria possono raggiungere obiettivi in tutto il Mediterraneo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

I voli dei bombardieri Tu-22MZ dalla base aerea di Khmeimim in Siria hanno confermato che gli aerei possono raggiungere obiettivi in tutto il Mar Mediterraneo, ha affermato Sergey Kobylash, comandante delle forze aeree a lungo raggio della Russia in un’intervista rilasciata al giornale Independent Military Review.

"L'atterraggio e il funzionamento degli aerei Tu-22MZ alla base aerea di Khmeimim è un evento storico", ha dichiarato. "In primo luogo, gli equipaggi della forza aerea a lungo raggio si sono esercitati utilizzando un nuovo campo d'aviazione e hanno segnalato la presenza della forza aerea a lungo raggio nella regione del Mediterraneo".

Gli equipaggi hanno anche praticato l'impegno con la Marina nella localizzazione di installazioni marittime e "hanno confermato che i Tu-22MZ hanno capacità di portata per obiettivi in tutto il Mar Mediterraneo", ha detto Kobylash.

Il Tupolev Tu-22 è l’ultimo bombardiere sviluppato nell'URSS durante la Guerra fredda, può contare su un'ampia scelta di armamenti ed un'elevata velocità di crociera grazie ai quali è in grado di neutralizzare obiettivi sia terrestri che navali svolgendo, all'occorrenza, anche missioni di ricognizione. Ha ricevuto il battesimo del fuoco nella Prima Guerra Cecena (1995) ed è stato successivamente impiegato sia in Ossezia del Sud (2008) che in Siria.

 

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo