La rete di tunnel di Hezbollah mette in allarme Israele

La rete di tunnel di Hezbollah mette in allarme Israele

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dopo la guerra di Gaza del 2014, la scoperta di tunnel scavati dall'organizzazione palestinese Hamas ha spinto l'esercito di occupazione israeliana a potenziare la ricerca di tunnel transfrontalieri di Hezbollah. Nel 2013 gli abitanti a nord di Israele riferirono di aver sentito scavare, ma non fu trovato nulla. Le forze di difesa israeliane, successivamente, hanno utilizzato sensori sismici e sistemi radar per localizzare le strutture nel 2018.

Secondo l'Alma Center, intanto, un vasto sistema di tunnel di Hezbollah che collega diverse parti del Libano è stto progettato per trasferire rapidamente e segretamente personale e armi, eludendo le forze di difesa israeliane, .

Nel suo rapporto "Land of tunnels", pubblicato il 12 agosto, i cui risultati indipendenti devono ancora essere confermati, il sistema di tunnel è descritto come abbastanza grande da ospitare pick-up con lanciarazzi multi-barile.

Possibilmente collegando l'area di Beirut, sede centrale di Hezbollah, e l'area della Beqaa al sud del Libano, può apparentemente consentire a "centinaia di combattenti, completamente equipaggiati, di passare furtivamente e rapidamente sottoterra", riferisce l'organizzazione no-profit che si dedica alla ricerca sulla sicurezza sfide ai confini settentrionali di Israele.

 

 

 

Si precisa anche che le strutture sotterranee siano in grado di ospitare il movimento di motocicli, ATV e altri piccoli veicoli "allo scopo di rafforzare le posizioni di difesa o per eseguire un attacco in modo sicuro, protetto e invisibile".

"Secondo noi, la lunghezza cumulativa di tutti i tunnel può raggiungere fino a centinaia di chilometri", secondo il rapporto.

Si ritiene che i tunnel libanesi contengano di tutto, dalle sale di comando sotterranee, alle armi, ai depositi di rifornimenti e agli ospedali da campo, ai pozzi per sparare razzi e missili. I pozzi "si aprono per un breve periodo di tempo allo scopo di ricaricare il lanciatore idraulico con nuova ordinanza", ha aggiunto il rapporto, redatto dal Magg. (res.) Tal Beeri , capo del dipartimento di ricerca di Alma.

"Questo accade da molto tempo in Libano", ha sottolineato Beeri, che ha prestato servizio per 20 anni nella direzione dell'intelligence militare dell'IDF. Ha aggiunto che i tunnel costruiti da Hamas nella Striscia di Gaza erano solo un piccolo esempio di ciò che Hezbollah aveva in Libano.

Si presume, tra l'altro, che la rete di tunnel libanese fosse stata avviata prima del 2006. Nel rapporto si sostiene che il progetto del tunnel è stato il risultato di una stretta collaborazione tra Corea del Nord, Iran e Hezbollah.

Nel 2018, l'operazione israeliana Northern Shield è stata lanciata per individuare e distruggere i tunnel di Hezbollah che attraversano la Linea Blu dal Libano verso il nord di Israele. All'epoca, l'IDF affermò di aver scoperto sei tunnel transfrontalieri offensivi.

 

 

Il nuovo rapporto descrive un secondo tipo di rete di tunnel, utilizzata come infrastruttura locale e situata vicino ai villaggi sciiti. Tuttavia, è il terzo tipo di tunnel, che viene evidenziato nel rapporto come un labirinto di "tunnel interregionali di enorme grandezza, che si estendono per almeno decine di chilometri" in tutto il Libano.

Coloro che stanno dietro i risultati affermano di aver fatto ricorso a testimonianze oculari dei lavori di scavo in corso.

Nel 2008, una fonte di informazione cristiana libanese avrebbe descritto un grande progetto di Hezbollah in "aree del Libano meridionale, iniziato a est di Sidone". L'Alma Center è stato anche apparentemente in grado di mettere le mani su una mappa del Libano meridionale divisa in forme poligonali con cerchi disegnati all'interno.

“Secondo le indicazioni, Hezbollah ha svolto lavori di fortificazione in quelle aree geografiche utilizzando grandi quantità di materiali da costruzione, mentre il lavoro è stato svolto da una società coreana sotto la supervisione di un ufficiale del Corpo delle Guardie della Rivoluzione iraniana”, si evidenzia nell rapporto, suggerendo che la costruzione effettiva è stata condotta dalla Jihad Construction Foundation di Hezbollah.

In definitiva, si avverte il rapporto di Alma, i tunnel consentono un movimento rapido e segreto delle forze e delle armi di Hezbollah .

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra