La Provincia dell'Alberta in Canada classificherà il Covid come influenza stagionale

La Provincia dell'Alberta in Canada classificherà il Covid come influenza stagionale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

"La variante Delta del Covid-19 causerebbe un'infezione più grave delle varianti scoperte in precedenza e si diffonderebbe facilmente come la varicella”, quanto sostengono i Centers for Disease Control and Prevention, la massima autorità sanitaria federale statunitense, in un documento riservato ottenuto dal Washington Post, è propedeutico a un cambio di approccio alla pandemia negli Stati Uniti: meno restrizioni, nuovamente obbligo di mascherine anche per i vaccinati. Insomma, dei passi indietro nonostante le vaccinazioni per il diffondersi della cosiddetta variante delta. 

Tutt’altra strategia ha invece deciso il governo dell’Alberta, in Canada, dove l’obiettivo ufficiale dal prossimo 16 di agosto, è quello di portare il Covid-19 allo stesso dell'influenza stagionale, con misure di contenimento più o meno simili. 

“Con una forte adesione alla campagna di vaccinazione, l'Alberta porterà gradualmente le misure Covid-19 in linea con altri virus respiratori per garantire la capacità del sistema sanitario”, ha affermato la dott.ssa Deena Hinshaw, responsabile della sanità della Provincia canadese. 

"Mentre i casi di Covid-19 potrebbero aumentare nei prossimi mesi, un'ondata di ricoveri e altri esiti gravi è molto meno probabile grazie ai vaccini", ha aggiunto Hinshaw.

Questa è proprio la grande scommessa: con i vaccini le persone colpite da Covid-19 non si ammaleranno gravemente - pensano le autorità dell’Alberta - e quindi il sistema sanitario non sarà colpito da un eventuale aumento dei contagi. I malati Covid non andranno a intasare gli ospedali, questa è l’unico parametro che il governo dell’Alberta ha deciso di tenere in considerazione. E così, il numero di casi positivi non è più considerato particolarmente importante.

Alla domanda su quale limite massimo di casi giornalieri il governo avrebbe tollerato, Hinshaw non ha fornito un numero preciso.

Ma altre statistiche contano davvero.

A partire da mercoledì, 84 persone sono state ricoverate in ospedale con Covid-19, di cui 18 in terapia intensiva. I ricoveri non stanno aumentando al ritmo dei nuovi casi - scrive il Calgary Herald - a questo punto, per merito delle vaccinazioni.

Questi calcoli porteranno il 16 agosto alla quasi completa revoca delle misure restrittive. Non ci sarà più l’obbligo di indossare le mascherine e nessun obbligo di mascherine a scuola, salvo in caso di focolai.

Inoltre le persone trovate positive al Covid-19 non dovranno più isolarsi. Le persone malate dovrebbero restare a casa, afferma a tal proposito la dottoressa Hinshaw, ma potranno scegliere in autonomia cosa fare. Sarà poi scoraggiato il test degli asintomatici. Dopo il 16 agosto, non ci saranno più hotel di isolamento o supporto per la quarantena. I centri di test chiuderanno, spostando i compiti agli studi medici e alle reti di cure primarie, o agli ospedali, quando la malattia dovesse rivelarsi con maggiore gravità.

La Provincia dell’Alberta indica una strada per l’uscita dalla pandemia che ancora attanaglia gran parte del mondo. Perché che senso ha spingere sulle campagne vaccinali per poi rimanere sostanzialmente invariate restrizioni di ogni sorta e continuare ad evocare confinamenti dalla dubbia efficacia nel contrasto della diffusione del virus? Sarebbe questo il miglior modo di stimolare la vaccinazione e avviarsi verso l’uscita dalla pandemia.

Ma è questo quel che davvero vogliono le èlite dominanti?

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti