La NATO contro la Russia come la Germania nazista nel 1941?

La NATO contro la Russia come la Germania nazista nel 1941?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L’imperialismo ha deciso di alzare la posta: tramite le continue provocazioni dell’Ucraina gli USA vogliono lanciarsi un’aggressione aperta alla Russia. Con i media occidentali pronti a spalleggiare le azioni di Washington con una narrazione volta a dipingere la Russia come l’aggressore e i paesi occidentali aggrediti e costretti sulla difensiva da Mosca. Insomma, un totale ribaltamento della realtà dei fatti.

Questo thread su Twitter che abbiamo tradotto inquadra perfettamente la fase che stiamo vivendo.

————————
Con un'escalation del conflitto in Ucraina sempre più probabile, assisteremo a un aumento della propaganda anti-russa proveniente sia dai media mainstream che da frammenti della sinistra online. Per noi è importante stabilire una posizione chiara riguardo a Russia e Ucraina.

Prima di iniziare, chiarirò che la Russia NON è socialista e che il suo sistema politico è decisamente reazionario. Ci sono anche buoni argomenti che la Russia è una potenza imperialista, almeno in senso tecnico. Dobbiamo essere sfumati su questo argomento come comunisti e antimperialisti.
Sono d'accordo che la Russia si adatti alla definizione di un potere imperialista, ma è molto minore di fronte al blocco imperiale anglo-europeo, che ha quasi monopolizzato l'imperialismo globale con gli Stati Uniti egemoni. La Russia è un piccolo negozio al dettaglio mentre gli Stati Uniti sono Amazon.
Possiamo discutere tutto il giorno sulla legittimità dell'intervento della Russia in Crimea e nel Donbass, ma il nocciolo della questione è che l'Ucraina (in particolare la Crimea) è assolutamente CRITICA per la sicurezza dello Stato e del popolo russo. I media occidentali descrivono le azioni della Russia lì come atti aggressivi, ma il conflitto in Ucraina è stato avviato dal colpo di stato Euromaidan sostenuto dalla NATO nel 2014, che ha posto elementi di estrema destra / filo-occidentali nel controllo dell'Ucraina (si nota la bandiera dell'Esecito Insurrezionale Ucraino?). L'obiettivo finale di questo colpo di stato era portare l'Ucraina nella NATO e sostituire la base navale russa strategicamente vitale a Sebastopoli con una base NATO. Questo è il motivo per cui la Russia ha annesso la Crimea e ha sostenuto i separatisti nel Donbass, l'Ucraina è il ventre molle della Russia e una base NATO in Crimea rappresentava una minaccia esistenziale per la Russia.

Per queste ragioni, direi che l'intervento russo in Crimea e nell'Ucraina orientale è principalmente guidato dalla sicurezza / autodifesa piuttosto che dal dominio imperiale. È vero il contrario per l'attività della NATO in Ucraina, che cerca di dare scacco matto alla Russia aggiungendola (e la Bielorussia) all'alleanza occidentale. Se la NATO fosse stata in grado di trascinare con successo quei due paesi nella sua sfera, avrebbe raggiunto un livello di successo nella distruzione della Russia che è paragonabile all'operazione Barbarossa della Germania nazista nel 1941. La pacificazione della Russia potrebbe essere un duro colpo al movimento che si oppone alla presa monopolizzata dell'Occidente sull'imperialismo e sul capitalismo globale. Questo risultato deve essere ferocemente contrastato dai comunisti di tutto il mondo, anche se la Russia stessa non è comunista. Non innamorarti della propaganda di guerra.

L'attuale Stato russo è un buon esempio di "il nemico del nostro nemico è nostro amico". Sostengo i comunisti russi contro il governo di Putin, ma allo stato attuale, quel governo è un baluardo contro la principale minaccia imperialista. Sarebbe un enorme errore strategico per il movimento comunista globale se dovessimo rimanere in silenzio, o addirittura sostenere, l'aggressione della NATO contro la Russia. La grande strategia dell'Impero americano dalla fine della seconda guerra mondiale si è basata sul mantenere l'Eurasia divisa in modo da prevenire l'ascesa di una forza che può seriamente sfidare i cinque secoli di egemonia occidentale sul pianeta. Tutti i grandi imperi europei dell'epoca colombiana sono unificati sotto la bandiera della NATO, con l'impero americano come suo difensore. La tendenza alla monopolizzazione sotto il capitalismo si applica anche all'imperialismo e gli Stati Uniti hanno ottenuto quel monopolio. L'Impero ora cerca di distruggere tutta la sua concorrenza rimanente, che include la Russia. Questo NON DEVE succedere.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti