"La leadership estone ha delibertamente distrutto le relazioni con la Russia", Mosca espelle l'ambasciatore di Tallin

"La leadership estone ha delibertamente distrutto le relazioni con la Russia", Mosca espelle l'ambasciatore di Tallin

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I paesi baltici da tempo spiccano per revanchismo, revisionismo, intolleranza e russofobia. Estonia, Lettonia e Lituania sono tra i paesi facenti parte del cosiddetto patto di Tallinn: un gruppo di 9 paesi europei, capeggiati dall’imperialismo britannico, che si sono impegnati "a perseguire collettivamente la consegna di una serie di donazioni senza precedenti, tra cui carri armati, artiglieria pesante, difesa aerea, munizioni e veicoli da combattimento di fanteria" a favore dell'Ucraina. 

L’Estonia è in prima fila nella consegna di armi al regime di Kiev e il primo ministro estone Kaja Kallas si è distinta per una infuocata retorica bellica nei confronti della Russia. Tallinn ha fatto di tutto per recidere finanche i legami diplomatici con Mosca. 

Quindi la Russia ha deciso di declassare le relazioni diplomatiche con l'Estonia a Incaricato d'affari ad interim, intimando così all'ambasciatore estone a Mosca Margus Laidra di lasciare la Russia entro il 7 febbraio 2023. Una dichiarazione in tal senso è stata pubblicata sul sito web del Ministero degli Esteri russo, secondo quanto riporta ERR. Inoltre, afferma che negli ultimi anni la leadership estone sta distruggendo di proposito l'intero complesso di relazioni con la Russia.

"Negli ultimi anni la leadership estone ha deliberatamente distrutto l'intero complesso delle relazioni con la Russia. La russofobia totale e la coltivazione dell'ostilità verso il nostro Paese sono state elevate da Tallinn al livello di politica statale”.

Il comunicato sottolinea che la misura è una risposta alla decisione dell'Estonia di ridurre le dimensioni dell'ambasciata russa a Tallinn.

Secondo la dichiarazione, l'ambasciatore estone Margus Laidre è stato convocato presso il Ministero degli Esteri russo il 23 gennaio dove gli è stata espressa una “forte protesta contro le azioni delle autorità estoni" e che Laidre avrebbe dovuto lasciare la Russia il 7 febbraio 2023.

Come ricorda il portale, l'11 gennaio l'Estonia ha deciso di ridurre l'ambasciata russa a Tallinn dal 1° febbraio 2023 a otto diplomatici e 15 membri del personale amministrativo, tecnico e di servizio. Attualmente l'ambasciata russa conta 21 diplomatici e 23 dipendenti senza status diplomatico. Il Ministero degli Esteri estone ha dichiarato che in questo modo garantirà la parità con il numero di dipendenti dell'ambasciata estone a Mosca. 

La Russia ha quindi promesso di adottare misure di ritorsione. 

A questo punto un altro paese baltico ferocemente anti-russo, la Lettonia, ha annunciato che ridurrà la sua presenza diplomatica in Russia a partire dal 24 febbraio in segno di solidarietà con l'Estonia, secondo quanto dichiarato dal ministro degli Esteri lettone Edgars Rinkevics.

"A causa della brutale aggressione russa in corso contro l'Ucraina e in solidarietà con l'Estonia, la Lettonia ridurrà il livello delle relazioni diplomatiche con la Russia a partire dal 24 febbraio, chiedendo alla Russia di agire di conseguenza", ha scritto sul suo account Twitter. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente