La Francia invierà altre 600 truppe nel Sahel africano. Quando la frustrazione sul campo cresce e gli alleati riducono la partecipazione

La Francia invierà altre 600 truppe nel Sahel africano. Quando la frustrazione sul campo cresce e gli alleati riducono la partecipazione

Parigi schiererà altri 600 soldati per combattere i jihadisti in Africa, affrontando il problema di coinvolgere gli alleati nella sua missione, non senza trovare l'ostilità delle popolazioni locali

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Con queste truppe aggiuntive, il numero di soldati francesi di stanza nella regione a sud del deserto del Sahara aumenterà a 5.100 entro la fine di febbraio, ha dichiarato il ministro della Difesa Florence Parly, ieri. La mossa è destinata a rafforzare le forze coinvolte nell'operazione Barkhane guidata da Parigi, mirata contro diversi gruppi jihadisti, come lo Stato islamico nel Grande Sahara (ISIS-GS), che è collegato all'ISIS presente in Iraq e Siria.



"La lotta al terrorismo è la nostra priorità. Nel Sahel, la Francia è in prima linea", ha affermato Parly.
 
La maggior parte dei rinforzi sarà impiegata per garantire la zona transfrontaliera tra Niger, Mali e Burkina Faso. Un'altra parte del contingente appena schierato lavorerà con gli eserciti degli stati del Sahel del G5, un gruppo composto da cinque vicini, Mauritania, Mali, Burkina Faso, Niger e Ciad. Parigi intende inoltre estendere la missione di formazione dell'UE nella regione.
 
La presenza militare nel Sahel ha tuttavia avuto un costo. A novembre, 13 soldati francesi sono morti in una collisione di elicotteri mentre inseguivano i terroristi in Mali. La tragedia ha suscitato una rinnovata attenzione sulla missione in Africa e ha spinto il presidente Emmanuel Macron a promettere di inviare altri 220 soldati nella regione a gennaio. 
 
 
L'operazione Barkhane non sembra affrontare una forte opposizione in Francia. Persino il capo del della destra francese, Marine Le Pen, che di solito è molto critico nei confronti delle politiche di Macron, ha sostenuto l'aumento delle truppe nel Sahel, ma alcuni critici chiedono che i soldati francesi vengano riportati a casa. Jean-Luc Melenchon, leader del partito di sinistra di La France Insoumise, ha sostenuto che l'operazione non ha un "chiaro obiettivo politico" e ha chiesto il ritiro delle truppe.
 
Video France24
 

 
 
 
 
Vi sono state anche crescenti proteste in paesi come il Mali e il Niger che chiedono la partenza delle truppe francesi. Bruciando le bandiere nazionali francesi e portando cartelli con scritto "Via la Francia", i manifestanti hanno sostenuto che Parigi non è in grado fi proteggere la popolazione e non fa che aumentare la violenza negli stati africani.
 
Parigi ha lottato per tenere a bordo i suoi alleati nella missione del Sahel. La scorsa settimana, Parly ha avvertito il segretario alla Difesa americano Mark Esper che i tagli previsti alle operazioni militari statunitensi in Africa "limiteranno gravemente" l'efficacia della lotta contro i terroristi. A dicembre, i media tedeschi hanno rivelato che Berlino aveva respinto la richiesta della Francia di creare una task force congiunta in Mali.
 
 

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti