La denuncia di Mosca all’Onu: Spionaggio OSCE a favore di Kiev

La denuncia di Mosca all’Onu: Spionaggio OSCE a favore di Kiev

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il vice rappresentante permanente della Russia presso le Nazioni Unite, Dmitri Polianski, ha assicurato che i membri della Missione speciale di monitoraggio (SMM) in Ucraina del Segretariato dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) stanno svolgendo attività di spionaggio per conto di Kiev.

"Abbiamo trovato prove che la Missione speciale di monitoraggio dell'OSCE in Ucraina, invece di osservare e registrare le violazioni del cessate il fuoco, si è limitata allo spionaggio per conto di Kiev ", ha denunciato, ieri, Polianski in una sessione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite dedicata alla crisi in Ucraina.

Secondo l'alto diplomatico, nel bel mezzo di questo lavoro, gli ufficiali dell'SMM hanno "trasmesso i dati" ottenuti dalle telecamere di sorveglianza all'esercito ucraino in modo che correggessero la direzione dei loro attacchi e fossero più precisi. "La raccolta di prove su questo sviluppo molto scoraggiante è in corso", ha aggiunto.

La missione OSCE in Ucraina avrebbe consegnato anche armi all'esercito ucraino, che, a sua volta, avrebbe utilizzato veicoli blindati di tale organizzazione, ha rivelato Polianski. " L'OSCE fino ad oggi non ha detto nulla . Ovviamente questo intacca la fiducia in qualsiasi organizzazione internazionale quando vediamo che la sua amministrazione è dominata dai paesi occidentali. Gli appelli alla pace o al cessate il fuoco si rivelano ipocrisia", ha sottolineato.

Ucraini come "carne da cannone"

Polianski ha ribadito che Mosca ha prove che l'esercito ucraino ha utilizzato i civili come "scudi umani" mentre cercano di salvarsi a tutti i costi e ha effettuato "bombardamenti indiscriminati delle proprie città" per incolpare le truppe russe.

A questo proposito, il rappresentante ha fatto riferimento alla situazione dell'acciaieria Azovstal, ultimo punto di resistenza ucraino nella città di Mariupol, dove i profughi civili della zona avrebbero potuto trovarsi nella struttura solo come ostaggi dei nazionalisti.

A suo avviso, l'Occidente usa gli ucraini solo come "carne da cannone nella guerra per procura con la Russia". "La preoccupazione dei colleghi occidentali per l'Ucraina e gli ucraini è circostanziale ed egoistica ", ha lamentato.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo di Francesco Santoianni Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti