La Cina reagirà se lo speaker della Camera dei rappresentanti USA incontra il presidente di Taiwan

La Cina reagirà se lo speaker della Camera dei rappresentanti USA incontra il presidente di Taiwan

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Cina minaccia ritorsioni se il presidente della Camera degli Stati Uniti Kevin McCarthy incontrerà la presidente taiwanese Tsai Ing-wen durante la sua prevista visita negli Stati Uniti il mese prossimo, ha dichiarato Zhu Fenglian, portavoce dell'Ufficio per gli Affari di Taiwan del Consiglio di Stato, in una conferenza stampa tenutasi mercoledì.

Alla domanda dei giornalisti della China Central Television sulle notizie del previsto viaggio di Tsai negli Stati Uniti e del suo eventuale incontro con il presidente della Camera bassa del Congresso statunitense, Zhu ha affermato che questa e altre simili mosse dei leader taiwanesi sono una provocazione volta a promuovere l'indipendenza dell'isola a livello internazionale.

"Se avrà un contatto con il presidente della Camera McCarthy, sarà un'altra provocazione che viola gravemente il principio di una sola Cina, danneggia la sovranità e l'integrità territoriale della Cina e distrugge la pace e la stabilità nello Stretto di Taiwan".

In questo senso, ha sottolineato che Pechino si oppone fermamente a questo incontro, assicurando che, se dovesse aver luogo, è pronta ad adottare "misure per contrattaccare risolutamente", senza fornire ulteriori dettagli.

Ha quindi esortato Washington ad attenersi rigorosamente al principio di una sola Cina e a non organizzare la visita di Tsai o permetterle di contattare funzionari statunitensi, rispettando così l'impegno a non sostenere l'indipendenza di Taiwan con azioni concrete.

Durante la conferenza stampa di mercoledì, a Mao Ning, portavoce del Ministero degli Esteri cinese, è stato chiesto quale fosse la sua posizione in merito, ricordando che il viaggio di Tsai si basa su decenni di relazioni tra Washington e Taipei. Ha risposto che gli errori del passato non possono giustificarne di nuovi.

Secondo la Reuters, mercoledì Tsai dovrebbe recarsi in Guatemala e Belize, con tappe a New York e Los Angeles. Anche se l'incontro non è stato confermato ufficialmente, si prevede che possa incontrare McCarthy durante il suo soggiorno nello Stato della California alla fine del suo viaggio.

Intanto la protesta monta anche a Taiwan. Più di 30 gruppi politici dell'isola hanno inscenato martedì una protesta contro la "visita tradimento” della leader regionale Tsai Ing-wen negli Stati Uniti e la collusione tra i politici statunitensi e il Partito Democratico Progressista (DPP) per danneggiare l'isola. L'"indipendenza di Taiwan" è un vicolo cieco. La riunificazione pacifica è la via d'uscita migliore per risolvere la questione di Taiwan, sostengono i manifestanti. 

Gli analisti ritengono che il viaggio di Tsai si inserisce nel cosiddetto piano di "distruzione di Taiwan" ideato dagli Stati Uniti per indebolire la Cina continentale, che comprende l'installazione di mine lungo la costa dell'isola di Taiwan, l'estensione del periodo di servizio dei soldati maschi a Taiwan e il controverso All-out Defense Mobilization Readiness Act.

Wu Jung-yuan, presidente del Partito Laburista e anche organizzatore del Forum per la pace negli Stretti, ha detto che Tsai sa chiaramente che la strada dell'"indipendenza di Taiwan" è un atto suicida, eppure inganna la gente per perseguire questa strada; inoltre è chiarissima sul fatto che gli Stati Uniti sono il più grande guerrafondaio del mondo, sabotano la pace mondiale e sono il nemico comune dei popoli del mondo, ma lei sta spingendo la gente dell'isola in una fossa di fuoco. Questo spiega il perché della protesta scattata contro la collusione di Tsai con gli Stati Uniti.

Wang Wu-lang, segretario generale dell'Associazione per i diritti dei lavoratori, ha dichiarato al Global Times che Tsai ha persino conferito l'Ordine della Stella Brillante all'ex consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Robert O'Brien, che ha fatto una serie di dichiarazioni sconvolgenti su Taiwan, come la proposta di distruggere l'industria dei semiconduttori dell'isola. Wang ha dichiarato che questo smaschera la brutta faccia dell'autorità del DPP che collude con gli imperialisti statunitensi e giapponesi e con le forze separatiste "indipendentiste di Taiwan".

Wang Wu-lang ha affermato che la collusione dimostra che la retorica dei politici statunitensi sulla "difesa di Taiwan" è solo una facciata, perché il suo vero tentativo è quello di trasformare l'isola in un campo di battaglia e di trattare la popolazione dell'isola come uno strumento di guerra. Sempre più persone a Taiwan hanno visto oltre l'illusione creata dall'autorità del DPP.

"Oggi siamo tutti arrabbiati! Dobbiamo alzarci in piedi e protestare contro il tradimento di Tsai nei confronti di Taiwan e dire no a Tsai, alle forze "indipendentiste di Taiwan" e agli Stati Uniti. Solo quando il popolo si alzerà in piedi da solo, Taiwan potrà avere una speranza. L'indipendenza di Taiwan è un vicolo cieco. La riunificazione pacifica è la migliore via d'uscita per Taiwan", ha dichiarato al Global Times Wang Chuan-ping, vicepresidente del Partito Laburista.

Per quanto riguarda i tentativi di Tsai di chiedere il sostegno degli Stati Uniti per aiutare l'autorità del DPP a mantenere i "legami diplomatici" con altri Paesi, come l'Honduras che ha recentemente tagliato i "legami diplomatici" con Taiwan, Wang Chuan-ping ha spiegato che Tsai vorrebbe il sostegno degli Stati Uniti a questo proposito, ma riporre le speranze negli Stati Uniti per stabilizzare la situazione è simile a un'idiozia senza senso.

Wang Wu-lang ha respinto le voci secondo cui la visita di Tsai avrebbe spostato i problemi di sussistenza interni all'isola, affermando che le difficoltà affrontate dalla popolazione dell'isola, come la carenza di beni di prima necessità, l'aumento dei prezzi degli alloggi e i bassi salari, non sarebbero state facilmente occultate dalla visita di Tsai.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti