La Cina lancerà 100 razzi all'anno con il suo quinto cosmodromo

La Cina lancerà 100 razzi all'anno con il suo quinto cosmodromo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Cina prevede di costruire un nuovo sito di lancio nella contea di Xiangshan, nell'est del Paese, riporta il portale Sina, citando una bozza del quattordicesimo piano quinquennale (2021-2025) per grandi progetti nella regione.

Secondo il documento, il cosmodromo, che occuperà 67 chilometri quadrati, includerà un sito di lancio spaziale e un'area di strutture industriali ausiliarie. Si prevede che sarà in grado di effettuare 100 lanci all'anno.

L'investimento totale del progetto sarà di circa 3 miliardi di dollari, di cui 1,83 miliardi saranno stati investiti prima del 2025.

Allo stesso modo, la società Hunan Aerospace Construction Engineering Co. dovrebbe erigere un impianto di prova per l'assemblaggio di razzi spaziali, di circa 4.500 metri quadrati. L'installazione dovrebbe essere completata entro il 31 luglio.

Secondo l'agenzia Reuters, nel 2020 il gigante asiatico ha fatto 39 lanci, tra cui la missione senza equipaggio Tianwen-1 a Marte. Quest'anno, il gigante asiatico spera di lanciare più di 40 razzi in grado di trasportare dozzine di satelliti.

Attualmente, l'Amministrazione spaziale nazionale cinese ha quattro siti di lancio: Taiyuan (nella provincia dello Shanxi), Juiquian (Mongolia interna), Xichang (Sichuan) e Wenchang (nell'isola di Hainan).

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra