La Cina avverte gli USA: Lo Stretto di Taiwan non fa parte delle "acque internazionali"

La Cina avverte gli USA: Lo Stretto di Taiwan non fa parte delle "acque internazionali"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ieri, il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Wang Wenbin, ha affermato che lo Stretto di Taiwan si trova all'interno delle acque territoriali e della zona economica esclusiva della Cina, come definito dalla Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (UNCLOS) e dalla legislazione nazionale. In questo modo, ha sottolineato che la Cina ha diritti sovrani e amministrativi sullo stretto, negando così le affermazioni degli Stati Uniti secondo cui il canale è costituito da "acque internazionali", riporta il South China Morning Post.

"Non esistono 'acque internazionali' nell'UNCLOS", ha detto Wang a Pechino. Sotto UNCLOS, i paesi possono rivendicare come mari territoriali, sui quali hanno la piena sovranità, un'area di 12 miglia nautiche (22 km) dalla costa. Possono anche rivendicare acque fino a 200 miglia nautiche dalla costa come zona economica esclusiva, dove hanno un diritto sovrano sulla colonna d'acqua e sul fondale marino, nonché sulle risorse, ma altri paesi hanno ancora il diritto di navigare o sorvolare quelle acque.

La legge non include una definizione di "acque internazionali", ma il termine è spesso usato informalmente per riferirsi ad acque oltre il mare territoriale o ad aree al di fuori delle zone economiche esclusive che non ricadono sotto la giurisdizione di nessuno Stato.

Sottolineando la posizione di Pechino secondo cui Taiwan è una parte inseparabile della Cina, ha chiarito che i mari territoriali e la zona economica esclusiva della Cina coprono l'intero stretto. "La Cina gode dei diritti sovrani e della giurisdizione sullo Stretto di Taiwan, pur rispettando i diritti legittimi di altri paesi nelle aree marittime rilevanti", ha precisato, ieri, il portavoce del ministero degli Esteri durante la conferenza.

Wang ha fatto i suoi commenti in risposta alle notizie secondo cui funzionari militari cinesi hanno ribadito alle loro controparti statunitensi che lo Stretto di Taiwan, che è di 220 miglia nautiche nella sua massima estensione, non fa parte delle acque internazionali.

Sabato scorso, il ministro della Difesa cinese Wei Fenghe ha comunicato al suo omologo statunitense Lloyd Austin che Pechino è disposta a combattere "fino alla fine" se qualcuno cerca di distruggere Taiwan.

Lo stretto che separa la Cina continentale e Taiwan è stato visto come un potenziale focolaio di tensioni internazionali. Gli Stati Uniti, che non sono firmatari dell'UNCLOS, mantengono una presenza militare di navi e aerei da guerra nell'area. Inoltre, le forze armate statunitensi inviano regolarmente le sue navi vicino alle isole e alle scogliere controllate dalla Cina nel conteso Mar Cinese Meridionale.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti