La Cina avverte: "gli Stati Uniti si faranno del male" se non cambiano la loro posizione su Taiwan

La Cina avverte: "gli Stati Uniti si faranno del male" se non cambiano la loro posizione su Taiwan

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Oggi il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha avvertito che "gli Stati Uniti si faranno del male" se non cambiano la loro posizione su Taiwan e aderiscono al principio della Cina unica.

"Se gli Stati Uniti continueranno a fare marcia indietro sulla questione di Taiwan, mineranno fondamentalmente la pace attraverso lo Stretto di Taiwan e alla fine si danneggeranno", ha dichiarato il ministro degli Esteri in un seminario intitolato "Kissinger e le relazioni Cina-USA".

"Le relazioni sino-americane non possono deteriorarsi ulteriormente e bisogna prendere la decisione giusta: correggere la cognizione strategica e abbandonare la mentalità della Guerra Fredda, consolidare la base politica e gestire adeguatamente le differenze, uscire dalla logica della concorrenza e migliorare gli scambi e la cooperazione," ha spiegato Wang nel suo discorso.

Allo stesso modo, il capo della diplomazia cinese ha sottolineato che le relazioni tra Pechino e Washington "affrontano sempre più sfide" e il loro clima "è molto anormale". Wang ritiene che “l'estrema ansia degli Stati Uniti sia del tutto superflua”, poiché l'obiettivo principale della Cina è concentrarsi sullo sviluppo del Paese.  

Tuttavia, ha affermato che, nel caso in cui Washington "ciecamente" si inclini verso relazioni basate sulla "grande competizione di potere”, un tale fatto "spingerà solo la Cina e gli Stati Uniti allo scontro e al conflitto", così come il mondo intero in "divisione e disordini".

Per Wang "costruire un mondo interconnesso, diversificato, inclusivo, sicuro e condiviso è una responsabilità e un obbligo che sia la Cina che gli Stati Uniti devono assumersi".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti