John Pilger: Il "grande gioco" di distruggere i paesi

John Pilger: Il "grande gioco" di distruggere i paesi

Nella foto (AFP) giovani sostenitori del governo comunista afgano marciano per le strade della capitale Kabul il 28 Aprile 1979 per festeggiare il primo anniversario della rivoluzione sostenuta da Mosca

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di John Pilger * - RT

25 agosto 2021

 

Mentre uno tsunami di lacrime di coccodrillo travolge i politici occidentali, la storia viene soppressa. La libertà che l'Afghanistan ha conquistato oltre una generazione fa è stata distrutta dagli Stati Uniti, dalla Gran Bretagna e i loro "alleati".

Nel 1978, il movimento di liberazione nazionale guidato dal Partito Democratico Popolare dell'Afghanistan (PDPA) rovesciava la dittatura di Mohammad Daud, il cugino del re Zahir Shar. Fu una rivoluzione immensamente popolare che colse di sorpresa gli inglesi e gli americani.

I giornalisti stranieri a Kabul, riferiva il New York Times, rimasero sorpresi nello scoprire che "quasi tutti gli afghani che hanno intervistato hanno dichiarato [di essere] felici del colpo di stato". Il Wall Street Journal riportava che "150.000 persone... hanno marciato per onorare la nuova bandiera... i partecipanti sono apparsi sinceramente entusiasti".

Il Washington Post scriveva che "la lealtà afgana al governo non può essere messa in discussione". Laico, modernista e, in misura considerevole, socialista, il governo presentò un programma di riforme visionarie che includeva la parità di diritti per le donne e le minoranze.

I prigionieri politici furono liberati e gli archivi della polizia pubblicamente bruciati.

Sotto la monarchia, l'aspettativa di vita era di 35 anni; un bambino su tre moriva durante l'infanzia. Circa il 90% della popolazione era analfabeta. Il nuovo governo introdusse l'assistenza medica gratuita. Fu lanciata una campagna di alfabetizzazione di massa.

Per le donne, i guadagni non avevano precedenti; alla fine degli anni '80, metà degli studenti universitari erano donne, e le donne costituivano il 40% dei medici dell'Afghanistan, il 70% dei suoi insegnanti e il 30% dei suoi dipendenti pubblici.

I cambiamenti furono così radicali che rimangono vividi nei ricordi di coloro che ne beneficiarono.

Saira Noorani, una donna chirurgo fuggita dall'Afghanistan nel 2001, ha ricordato:

Ogni ragazza potrebbe andare al liceo e all'università. Potevamo andare dove volevamo e indossare quello che ci piaceva... Andavamo nei bar e al cinema per vedere gli ultimi film indiani il venerdì... tutto ha cominciato ad andare storto quando i mujahedin hanno iniziato a vincere... queste erano le persone che l'occidente ha supportato.”

Per gli Stati Uniti, il problema con il governo PDPA era che fosse sostenuto dall'Unione Sovietica. 

Eppure non è mai stato il "fantoccio" deriso in Occidente, né il colpo di stato contro la monarchia è stato "sostenuto dai sovietici", come sostenevano all'epoca la stampa americana e britannica.

Il segretario di Stato del presidente Jimmy Carter, Cyrus Vance, scrisse in seguito nelle sue memorie: “Non avevamo prove di alcuna complicità sovietica nel colpo di stato."

Nella stessa amministrazione c'era Zbigniew Brzezinski, consigliere per la sicurezza nazionale di Carter, un emigrato polacco e fanatico anticomunista ed estremista morale la cui duratura influenza sui presidenti americani è scaduta solo con la sua morte nel 2017.

Il 3 luglio 1979, all'insaputa del popolo americano e del Congresso, Carter autorizzò un programma di "azione segreta" da 500 milioni di dollari per rovesciare il primo governo laico e progressista dell'Afghanistan. 

Questo è stato chiamato in codice dalla CIA Operation Cyclone.

I 500 milioni di dollari furono usati per corrompere e armare un gruppo di fanatici tribali e religiosi conosciuti come i  Mujahedin. Nella sua storia semi-ufficiale, il giornalista del Washington Post Bob Woodward ha scritto che la CIA ha speso 70 milioni di dollari solo in tangenti. Descrive un incontro tra un agente della CIA noto come "Gary" e un signore della guerra chiamato Amniat-Melli: “Gary mise un mucchio di soldi sul tavolo: 500.000 dollari in file di banconote da 100 dollari. Credeva che sarebbe stato più impressionante dei soliti $ 200.000, il modo migliore per dire che siamo qui, siamo seri, ecco i soldi, sappiamo che ne avete bisogno ... Gary avrebbe presto chiesto al quartier generale della CIA e avrebbe ricevuto $ 10 milioni in contanti."

Reclutato da tutto il mondo musulmano, l'esercito segreto americano fu addestrato in campi in Pakistan gestiti dall'intelligence pakistana, dalla CIA e dall'MI6 britannico. 

Altri sono stati reclutati in un college islamico a Brooklyn, New York, vicino a quelle Torri Gemelle che verranno poi abbattute. Una delle reclute era un ingegnere saudita di nome Osama Bin Laden.

L'obiettivo era diffondere il fondamentalismo islamico in Asia centrale e destabilizzare e infine distruggere l'Unione Sovietica.  

Nell'agosto 1979, l'ambasciata degli Stati Uniti a Kabul riferì che "i maggiori interessi degli Stati Uniti... sarebbero stati esauditi dalla scomparsa del governo del PDPA,  nonostante qualunque battuta d'arresto che avrebbe comportato per le future riforme sociali ed economiche in Afghanistan".

Rileggete le parole sopra che ho messo in corsivo. Non capita spesso che un tale intento cinico sia espresso in modo così chiaro. Gli Stati Uniti dicevano che un governo afghano genuinamente progressista ed i diritti delle donne afghane potevano andare all'inferno.

Sei mesi dopo, i sovietici fecero la loro mossa fatale in Afghanistan in risposta alla minaccia jihadista creata dagli americani alle loro porte. 

Armati con missili Stinger forniti dalla CIA e celebrati come "combattenti per la libertà" da Margaret Thatcher, i  mujahedin  alla fine cacciarono l'Armata Rossa dall'Afghanistan.

Definendosi ora l'"Alleanza del Nord", i Mujahedin erano dominati da signori della guerra che controllavano il commercio di eroina e terrorizzavano le donne rurali.

I talebani erano una fazione ultra-puritana, i cui mullah vestivano di nero e punivano banditismo, stupri e omicidi ma bandivano le donne dalla vita pubblica.

Negli anni '80, ho preso contatto con l'Associazione Rivoluzionaria delle Donne dell'Afghanistan, conosciuta come RAWA, che aveva cercato di allertare il mondo sulla sofferenza delle donne afgane. Durante il periodo dei talebani, nascondevano le telecamere sotto il  burqa  per filmare le prove delle atrocità, e facevano lo stesso per esporre la brutalità dei mujahedin sostenuti dall'occidente  . 'Marina' di RAWA mi ha detto: "Abbiamo portato la videocassetta a tutti i principali gruppi di media, ma non volevano sapere..."

Nel 1996, il governo illuminato del PDPA cadde. Il presidente, Mohammad Najibullah, era andato alle Nazioni Unite per chiedere aiuto. Al suo ritorno, fu impiccato a un lampione.

"Confesso che [i paesi] sono pezzi su una scacchiera ", disse Lord Curzon nel 1898, "su cui si sta svolgendo una grande partita per il dominio del mondo".

Il viceré dell'India si riferiva in particolare all'Afghanistan. Un secolo dopo, il primo ministro Tony Blair ha usato parole leggermente diverse.

"Questo è un momento da cogliere", dichiarò dopo l'11 settembre. “ Il caleidoscopio è stato scosso. I pezzi sono in movimento. Presto si sistemeranno di nuovo. Prima che lo facciano, riordiniamo questo mondo intorno a noi".

Sull'Afghanistan aggiunse: "Non ce ne andremo [ma assicureremo] una via d'uscita dalla povertà che è la sua miserabile esistenza".

Blair ha fatto eco al suo mentore, il presidente George W. Bush, che ha parlato alle vittime delle sue bombe dallo Studio Ovale: “Il popolo oppresso dell'Afghanistan conoscerà la generosità dell'America. Mentre colpiamo obiettivi militari, lasceremo anche cibo, medicine e rifornimenti agli affamati e ai sofferenti… ”

Quasi ogni parola era falsa. Le loro dichiarazioni di preoccupazione erano crudeli illusioni per una ferocia imperiale che "noi" in Occidente raramente riconosciamo come tale.

Nel 2001, l'Afghanistan è stato colpito e dipendeva dai convogli di emergenza dal Pakistan.

Come ha riferito il giornalista Jonathan Steele, l'invasione ha causato indirettamente la morte di circa 20.000 persone poiché le forniture alle vittime della siccità sono state interrotte e le persone sono fuggite dalle loro case.

Circa 18 mesi dopo, ho trovato bombe a grappolo americane inesplose tra le macerie di Kabul, spesso scambiate per pacchi di soccorso gialli lanciati dall'aria. Hanno fatto esplodere le membra dei bambini affamati e in cerca di cibo.

Nel villaggio di Bibi Maru, ho visto una donna di nome Orifa inginocchiarsi presso le tombe di suo marito, Gul Ahmed, un tessitore di tappeti, e di altri sette membri della sua famiglia, inclusi sei bambini e due bambini che sono stati uccisi nella porta accanto.

Un aereo americano F-16 era uscito da un cielo azzurro e aveva sganciato una bomba Mk82 da 500 libbre sulla casa di fango, pietra e paglia di Orifa. Orifa era assente in quel momento. Quando tornò, raccolse le parti del corpo.

Mesi dopo, un gruppo di americani arrivò da Kabul e le diede una busta con quindici biglietti: un totale di 15 dollari. "Due dollari per ciascuno dei miei familiari uccisi", ha raccontato.

L'invasione dell'Afghanistan è stata una frode.

Sulla scia dell'11 settembre, i talebani hanno cercato di prendere le distanze da Osama Bin Laden. Erano, per molti aspetti, un cliente americano con il quale l'amministrazione di Bill Clinton aveva fatto una serie di accordi segreti per consentire la costruzione di un gasdotto da 3 miliardi di dollari da parte di un consorzio di compagnie petrolifere statunitensi.

In massima segretezza, i leader talebani erano stati invitati negli Stati Uniti e intrattenuti dall'amministratore delegato della compagnia Unocal nella sua villa in Texas e dalla CIA nel suo quartier generale in Virginia. 

Uno degli affaristi fu Dick Cheney, in seguito vicepresidente di George W. Bush.

Nel 2010, ero a Washington e ho organizzato un colloquio con la mente dell'era moderna di sofferenza dell'Afghanistan, Zbigniew Brzezinski. Gli ho citato la sua autobiografia in cui ammetteva che il suo grande piano per attirare i sovietici in Afghanistan aveva creato "alcuni musulmani agitati".

"Hai qualche rimpianto?" Ho chiesto.

Rimpianti! Rimpianti! Quali rimpianti?"

Quando guardiamo le attuali scene di panico all'aeroporto di Kabul e ascoltiamo giornalisti e generali in lontani studi televisivi che lamentano il ritiro della "nostra protezione", non è il momento di prestare attenzione alla verità del passato in modo che tutta questa sofferenza non accada mai? ancora? 

*Uno dei più grandi giornalisti viventi. Il film di John Pilger del 2003, "Breaking the Silence", è disponibile per la visione su

http://johnpilger.com/videos/breaking-the-silence-truth-and-lies-in-the-war-on-terror

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti