Israele ha occultato "il più serio disastro ambientale" degli ultimi anni

Israele ha occultato "il più serio disastro ambientale" degli ultimi anni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

"Le autorità israeliane hanno chiuso chilometri di spiagge poiché la contea è nel mezzo del  'più grave disastro ecologico degli ultimi anni'" a causa di una fuoriuscita di petrolio a poche decine di miglia dalla costa nel Mar Mediterraneo, la cui origine è sconosciuta.

Il  ministero della Protezione ambientale ha  indicato che il catrame "sta sporcando e contaminando le spiagge" a partire da mercoledì scorso. È in corso un importante sforzo di pulizia e conservazione che ha incluso il supporto dell'esercito israeliano. 

Non si sa nemmeno da quanto tempo è avvenuta la fuoriuscita di petrolio. Si ipotizzano una settimana o forse di più.

L'area colpita da queste perdite di petrolio è di 106 miglia e comprende le coste della Striscia di Gaza. Un impatto è stato registrato anche sulla costa meridionale del Libano.

"Il disastro a cui stiamo assistendo negli ultimi giorni sulle spiagge di Israele è il più grave disastro ecologico degli ultimi anni, e le sue conseguenze ne vedremo ancora più avanti", secondo le autorità ambientali del regime israeliano.

Intanto, con una mossa insolita, come riporta Fox News : un giudice israeliano ha emesso un ordine di bavaglio sulle indagini e su ogni dettaglio ad esse relativo, compreso il nome o l'identità dei sospettati, le navi coinvolte, la destinazione e il porto di partenza.

Maya Jacobs, CEO di Zalul, una ONG israeliana che protegge i mari e i corsi d'acqua del paese, ha lanciato un appello per rimuovere l'ordine di bavaglio e condurre un'indagine trasparente."Le compagnie che causano i rischi ambientali come il petrolio e le compagnie di navigazione hanno una grande influenza sul governo israeliano", ha denunciato.

Centinaia di tartarughe marine, uccelli e altre creature marine sono state morte a centinaia a causa del disastro, che ha ulteriormente incluso migliaia di volontari che si precipitano per salvare la fauna selvatica ferita dai grandi globuli di catrame.

Il coinvolgimento di Libano e Striscia di Gaza avrebbe implicazioni economiche e sociali ancora più devastanti. Il Libano già vive una crisi economica aggravata dall'esplosione al porto di Beirut dello scorso agosto, mentre Gaza doveva affrontare già le limitazioni sulla pesca da parte del regime israeliano.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci di Francesco Santoianni I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta? di Antonio Di Siena Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti