Israele bombarda, entrano nuovi aiuti a Gaza, ma senza carburante è catastrofe. A rischio 130 bambini nelle incubatrici

Israele bombarda, entrano nuovi aiuti a Gaza, ma senza carburante è catastrofe. A rischio 130 bambini nelle incubatrici

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Potrebbe essere una buona notizia, ma rappresenta una goccia nell’oceano. Un secondo convoglio di camion che trasportano aiuti è in viaggio verso Gaza dopo aver attraversato il valico di frontiera egiziano di Rafah ma, come confermano i funzionari dell'UNRWA, il tanto atteso convoglio non include il carburante, senza il quale le operazioni di aiuto dovrebbero interrompersi entro mercoledì notte.

La vita di quasi 130 neonati nelle incubatrici degli ospedali di Gaza è a rischio a causa dell'esaurimento del carburante, secondo l'UNICEF.

La situazione degli sfollati è altrettanto drammatica. Il numero di residenti della Striscia di Gaza che hanno abbandonato le loro case a causa della forte escalation del conflitto israelo-palestinese ha raggiunto 1,5 milioni, riferisce Al Mayadeen, citando le autorità dell'enclave. 

Mentre Gaza è sotto “assedio totale”, l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) afferma che quasi 550.000 persone hanno cercato protezione nei rifugi di emergenza gestiti dall’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi in Medio Oriente, UNRWA,  si trovano in “terribili condizioni”. condizioni" che stanno peggiorando.

In mezzo ai continui bombardamenti su Gaza, i palestinesi riferiscono di aver ricevuto nuovi avvertimenti da parte dell'esercito israeliano di spostarsi nel sud della Striscia di Gaza assediata.

Il bilancio delle vittime continua a salire come riferiscono fonti locali. A Gaza sono stati uccisi 4.651 palestinesi, i feriti sono 14.245.

Nella Cisgiordania occupata il bilancio è di 90 palestinesi uccisi e 1.400 feriti.

Solo nelle ultime 24 ore le forze israeliane hanno ucciso 266 palestinesi, soprattutto nella parte meridionale della Striscia di Gaza, ha riferito un portavoce del ministero della Sanità.

Il dottor Ashraf al-Qudra ha dichiarato che 117 delle vittime sono bambini.

Sul fronte dei combattimenti, Hamas ha riferito che i suoi combattenti hanno respinto un attacco di terra israeliano vicino a Khan Younis lungo il confine di Gaza.

Gli Stati Uniti promettono di “non esitare” a rispondere se il conflitto di Gaza dovesse uscire dai suoi confini

Per lanciare un segnale “distensivo, Washington promtette che adotterà "misure appropriate" nel caso in cui il conflitto tra Israele e Hamas superi i suoi confini e si diffonda in tutta la regione, ha avvertito, oggi, il segretario alla Difesa Lloyd Austin.

"Se qualche gruppo o paese cerca di espandere questo conflitto e approfittare di questa sfortunata situazione a cui stiamo assistendo, il nostro consiglio è: non farlo", ha annunciato. "Manteniamo il diritto di difenderci e non esiteremo a prendere le misure appropriate", ha assicurato.

Austin ha riconosciuto che gli Stati Uniti sono "preoccupati" che i combattimenti possano diffondersi in tutto il Medio Oriente e mettere in pericolo le forze militari statunitensi. "Siamo preoccupati per una possibile escalation. In effetti, quello che stiamo vedendo è la prospettiva di una significativa escalation di attacchi contro le nostre truppe e il nostro popolo in tutta la regione", ha affermato. 

"Ed è per questo che faremo tutto il necessario per garantire che le nostre truppe siano nella giusta posizione, siano protette e abbiamo la capacità di rispondere", ha detto Austin, dopo aver annunciato, ieri, il dispiegamento di sistemi di difesa aerea nella regione in risposta ai recenti attacchi  contro le truppe statunitensi, nonché a una serie di forze aggiuntive.

Washington ritiene che queste misure rafforzeranno gli sforzi di deterrenza regionale. "Aumenteranno la protezione delle forze americane nella regione e contribuiranno alla difesa di Israele", ha sottolineato.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti