Iran, dalle proteste si passa al terrorismo. Theran accusa Usa e Regno Unito

Iran, dalle proteste si passa al terrorismo. Theran accusa Usa e Regno Unito

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Come destabilizzare un paese e farlo precipitare nel caos? Un copione quello che si sta vedendo in Iran che somiglia molto a quello della Siria nel 2011. Proteste legittime che facilmente vengono infiltrate dall’intelligence straniera per fare precipitare paesi non allineati all’occidente in guerre vere e proprie, servendosi di bande armate addestrate e foraggiate di armi, denari e appoggi politici internazionali.

Proprio oggi, per capire meglio che piega stanno prendendo i disordini in Iran, il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC) ha promesso di dare una “risposta decisiva” ai gruppi armati che hanno ucciso almeno due comandanti durante gli scontri con le forze di sicurezza a Zahedan, capoluogo della provincia sudorientale del Sistan e del Baluchestan.

Le violenze sono iniziate il 30 settembre quando, secondo quanto riferito, gruppi armati hanno lanciato un attacco a una stazione di polizia a Zahedan, prima di aprire il fuoco fuori dalla moschea dopo la preghiera del venerdì.

Dopo l'arrivo delle forze di sicurezza sul posto, il comandante dell'intelligence dell'IRGC Ali Mousavi è stato colpito da un proiettile. In seguito, è morto in ospedale.

Ore dopo, anche il generale di brigata dell'IRGC Seyyed Hamidreza Hashemi è stato ucciso dopo aver subito "gravi ferite negli scontri con i terroristi criminali", secondo una dichiarazione ufficiale.

Secondo il governatore del Sistan e del Baluchestan, Hossein Modarres Khiabani, almeno 19 persone sono morte e molte altre sono rimaste ferite durante gli scontri di venerdì.

In una dichiarazione, il gruppo separatista Jaish al-Zulm ha rivendicato l'attacco a Zahedan.

Sabreen News ha pubblicato un video sulle conseguenze delle violenze a Zahedan, commentando le scene di distruzione che queste “non sono le strade della Siria, è il disastro che i terroristi hanno portato sulla città di Zahedan. Vogliono trasformare l'Iran in Siria, ma si sbagliano".

 


Gli scontri violenti fanno parte di ciò che l'intelligence iraniana sostiene siano rivolte sponsorizzate da Stati Uniti e Regno Unito che cercano di destabilizzare la Repubblica islamica. I disordini sono stati innescati dalla morte della ventiduenne Mahsa Amini, caduta in coma mentre era sotto custodia della polizia prima di morire in ospedale pochi giorni dopo.

Amini è stata arrestata dalla polizia di sicurezza morale per il presunto uso improprio dell'hijab, un capo di abbigliamento obbligatorio per le donne in Iran. Mentre la maggior parte dei media occidentali sostiene che la ragazza sia stata  "pesantemente picchiata" dalla polizia, il filmato diffuso da Teheran mostra che Amini crolla improvvisamente dopo aver parlato con un funzionario della sicurezza in una sala d'attesa affollata.

La famiglia di Amini ha criticato le proteste, sostenendo che queste “non rappresentano i loro intenti”.

Il ministero dell'intelligence iraniano ha ribadito in una dichiarazione rilasciata ieri che "gli elementi principali dietro le rivolte erano in gran parte cittadini stranieri", compresi i membri del gruppo anti-iraniano Mujahedin-e-Khalq Organization (MEK).

“Negli ultimi giorni, le forze che mantengono l'ordine e la sicurezza del paese hanno affrontato una varietà di gruppi simili a sette, agenti di agenzie di spionaggio straniere, nonché il coinvolgimento diretto dei governi statunitense e britannico e dei loro seguaci sauditi”, si legge nella dichiarazione.

L'intelligence iraniana, tra l’altro ha comunicato, di aver arrestato almeno 49 membri del MEK per "incitamento alle rivolte", nonché 77 membri di gruppi separatisti nella regione del Kurdistan iracheno (IKR).

L'IRGC ha recentemente condotto attacchi aerei sull'IKR, presumibilmente prendendo di mira "gruppi terroristici".

Di recente armi ed esplosivi sono stati sequestrati ai confini della Repubblica islamica. Durante le violente proteste sono stati arrestati anche cittadini provenienti da Germania, Polonia, Italia, Francia, Paesi Bassi e Svezia.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata di Paolo Maddalena "Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta? di Francesco Santoianni Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti