"Io capitano". Perché la propaganda di Garrone è già superata

"Io capitano". Perché la propaganda di Garrone è già superata

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Michelangelo Severgnini

Domani verrà presentato al Festival di Venezia il nuovo film di Matteo Garrone "Io Capitano".

Questa non è una recensione, dal momento che il film non è ancora uscito e tantomeno io l'ho visto.

A partire però dalle parole dello stesso Garrone, conosciamo la metodologia di lavoro utilizzata e le fonti a disposizione: "le testimonianze vere di chi ha vissuto l'esperienza".

Pertanto questo è un film superato, nato già vecchio.

Da 5 anni pubblico le testimonianze non di chi ha vissuto l'esperienza (ed ha quindi raggiunto l'Europa e il lieto fine), ma di chi la sta vivendo in questo stesso momento, in diretta dalla Libia.

Questa puntata con i primi messaggi vocali raccolti è stata pubblicata 5 anni fa

 


5 anni fa!!!!!!!

Ne consegue che i racconti ottenuti dai migranti "che ce l'hanno fatta" siano molto diversi da quelli dei migranti che sono ancora lungo il cammino.

Perché? Perché solo una piccola parte poi raggiunge l'Italia e l'Europa. Gli altri restano indietro nelle maglie di mafie e milizie, finendo i loro giorni in stato di schiavitù. E non perché lo vuole l'Europa. Ma perché sono proprietà degli schiavisti africani che non se ne disfano gratuitamente.

Da decenni in Europa si fa una narrazione drogata e auto-assolutoria del fenomeno migratorio.

E la narrazione emergente è quella che io chiamo la "narrazione fiabesca" o "narrazione gloriosa", perché parla esclusivamente di storie a lieto fine oppure strappalacrime per gli sfortunati che annegano.

La vera storia però la raccontano quelli che rimangono indietro, quelli che non ce la fanno, quelli che decidono di tornare a casa perché capiscono di essere tra quella maggioranza di persone che l'Europa non la vedranno mai, quelli con cui Garrone non ha parlato perché si è accontentato di intervistare chi ce l'ha fatta.

Sono i cosiddetti migranti di ritorno. E si esprimono in modo alquanto differente. Anzi, c'è chi accusa i migranti in Europa di contribuire alla diffusione di una narrazione fasulla.

<<Se non hanno il coraggio di dire la verità ai loro fratelli che sono nei loro paesi, noi che siamo ritornati abbiamo preso la decisione di dire, di condividere le informazioni reali che siano informazioni riguardanti l'Europa o riguardanti l'Africa>>, afferma Kouakou Hervé N’dri, migrante ivoriano di ritorno, autore del libro autobiografico “Migrante divenuto schiavo - come Drogba mi ha salvato” che, similmente a quanto raccontano i migranti-schiavi nel film e nel libro “L’Urlo”, spiega un concetto del tutto evidente ormai, che solo la mistificazione e la censura delle Ong può oscurare a nord di Tripoli: migrazione e schiavitù in Africa si sovrappongono.

Garrone, dopo il film su Gomorra che ha sdoganato sul grande schermo la figura sociale del "moderno camorrista", ora si appresterebbe a sdoganare anche quella del trafficante di uomini?
 
 
Qui sotto trovate due post di una pagina gestita dai trafficanti su Facebook.




Non sono le parole di qualcuno disperato che vuole fuggire, come ci farebbe credere Garrone.

Sono le parole di un farabutto che deve circuire uno sprovveduto per vendergli un prodotto scaduto. Sono le parole di un trafficante che cerca di attirare nella trappola un povero ragazzino africano sul quale farà una fortuna.

La propaganda di Garrone non è così diversa.

Questo si deve sapere. 

P.s Non è un caso che il film "L'Urlo" sia censurato mentre il film di Garrone sia a Venezia.

Michelangelo Severgnini

Michelangelo Severgnini

Regista indipendente, esperto di Medioriente e Nord Africa, musicista. Ha vissuto per un decennio a Istanbul. Ora dalle sponde siciliane anima il progetto "Exodus" in contatto con centinaia di persone in Libia. Di prossima uscita il film "L'Urlo"

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti