"In Venezuela non c'è la censura. Il vero nemico è il bloqueo". Intervista al regista venezuelano Rubén Hernández

"In Venezuela non c'è la censura. Il vero nemico è il bloqueo".  Intervista al regista venezuelano Rubén Hernández

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

S’intitola Camino a Carabobo, l’ultimo lavoro del regista venezuelano Rubén Hernández. Lo abbiamo intervistato alla vigilia della prima del suo docu-dramma, che racconta il cammino all’indipendenza del Venezuela, sotto la guida del Libertador Simon Bolivar.

Com’è nata l’idea di Camino a Carabobo e qual è l’estetica che lo guida?

Il nostro “che fare” è far cinema, quotidianamente. Se non stiamo nella fase di ricerca, stiamo realizzando il copione, o organizzando la co-produzione o la distribuzione. Ma il nostro compito è far cinema, permanentemente, e questo è l’importante. Questo docufilm si ispira ai 200 anni dalla Battaglia di Carabobo, il Bicentenario dalla battaglia decisiva per la nostra prima indipendenza. Una data che non potevamo lasciar passare senza celebrarla, e mostrare alle giovani generazioni come si forgiò quella vittoria e quali motivi trasporta al nostro presente di lotta per una seconda indipendenza. Abbiamo girato in vista del 2021, ma il lavoro è stato rallentato a causa della pandemia, e lo abbiamo terminato ora.

Perché è importante riportare al presente la Battaglia di Carabobo?

I motivi per cui stiamo lottando oggi sono gli stessi per cui lottò Bolivar: l’indipendenza, la sovranità, la possibilità di realizzare il nostro modello senza ingerenze esterne. Obiettivi su cui dovrebbe convergere non solo le rivoluzionarie e i rivoluzionari, ma persino chi non è d’accordo con il governo, perché si tratta dell’indipendenza della nazione. Le recenti dichiarazioni di Trump, i suoi progetti per appropriarsi delle nostre risorse con tutti i mezzi, mostrano l’attualità del Bicentenario, la necessità di continuarne gli obiettivi, e la visionarietà di Bolivar quando dice che “gli Stati Uniti sembrano destinati dalla provvidenza ad infestare l'America di miseria in nome della libertà”. Per questo mi piace fare film storici, per mantenere vivo nel presente lo spirito di quella resistenza, e per proiettare nel futuro – il futuro radioso che il nostro paese merita - quegli ideali.

Operación Orión, un film d’azione, duro e poetico, si è ispirato al caso della tenuta Daktari, dove un gruppo di paramilitari stava preparando un golpe contro Hugo Chávez. Pensi di realizzare un film anche sui pescatori di Chuao, che hanno respinto un’invasione di mercenari Usa proveniente dalla Colombia a maggio del 2020?

Operación Orión è ispirato a un progetto di invasione che si stava organizzando nella tenuta Daktari, a 15 km da Caracas, dove oltre 200 paramilitari erano stati contrattati per uccidere il presidente Chávez e scatenare una guerra civile. L’Operación Gedeón è a sua volta fonte di ispirazione cinematografica. Io lavoro con un gruppo di cineasti a un progetto che si chiama Memorie urgenti. Si propone di fare film sulla storia recente di questi 25 anni vertiginosi di rivoluzione, carichi di avvenimenti, da consegnare alle giovani generazioni che sono cresciute in questa fase e non hanno conosciuto i passaggi storici che l’anno preparata, sia quelli passati (che poi non sono così lontani, giacché sul piano storico, 200 anni non sono molti), sia quelli recenti, ricchi di spunti da portare sullo schermo. Nell’ambito di Memoria urgente mi piacerebbe fare un film sull’Operación Gedeón, ma anche su altri eventi che non ti posso anticipare ora, ma sui quali stiamo lavorando perché, come dicevo, amiamo fare film storici.

In paesi come l’Italia, è molto difficile fare film su temi scomodi: a meno di rinunciare ai finanziamenti pubblici, e sopportare il boicottaggio della distribuzione. Come funziona invece in Venezuela? Ti senti libero di esprimere la tua creatività senza censure?

Qui non ci sono censure, si producono contenuti e si pubblicano in tutti gli ambiti possibili. Per tutti noi – attori, registi, produttori – il vero nemico è il bloqueo economico-finanziario che ha colpito un paese dove si producevano in media 30 film all’anno, in maggioranza finanziati dallo Stato e in totale libertà. Oggi, a causa delle misure coercitive unilaterali illegali che aggrediscono il nostro paese, i finanziamenti dello Stato si sono necessariamente ridotti e dobbiamo fare uno sforzo immenso per fare un buon cinema con pochi mezzi. Se prima il CNAC, il Centro Nacional Autónomo de la Cinematografía, poteva finanziare un film con 250.000 dollari, ora con un grande sforzo può erogarne 20.000. Abbiamo appena terminato di girare un film finanziato dal CNAC, un cortometraggio, a cui hanno contribuito, però, altre istanze: governatori, sindaci, imprese private, in uno sforzo congiunto per promuovere l’industria del cinema e i valori nazionali. Questo, però, è possibile per un lavoro come Camino a Carabobo, che può circolare in tutte le piattaforme e i circuiti nazionali. Un film come Operación Orión, invece, per circolare necessita di avere accesso ai circuiti internazionali, e questo per noi non è possibile, perché siamo un paese bloccato, e non possiamo, per esempio, avere un conto all’estero o effettuare transazioni. Tuttavia, così come il nostro presidente, Nicolas Maduro, nonostante attacchi e sabotaggi è riuscito a far fronte all’imperialismo più poderoso del pianeta, con creatività e coraggio, e a preservare la nostra indipendenza e le nostre risorse, anche noi cineasti dobbiamo reinventarci e lavorare al risorgimento culturale del nostro paese. E lo stiamo facendo.

Geraldina Colotti

Geraldina Colotti

Giornalista e scrittrice, cura la versione italiana del mensile di politica internazionale Le Monde diplomatique. Esperta di America Latina, scrive per diversi quotidiani e riviste internazionali. È corrispondente per l’Europa di Resumen Latinoamericano e del Cuatro F, la rivista del Partito Socialista Unito del Venezuela (PSUV). Fa parte della segreteria internazionale del Consejo Nacional y Internacional de la comunicación Popular (CONAICOP), delle Brigate Internazionali della Comunicazione Solidale (BRICS-PSUV), della Rete Europea di Solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana e della Rete degli Intellettuali in difesa dell’Umanità.

Potrebbe anche interessarti

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Meloni al contrattacco di Pasquale Cicalese Meloni al contrattacco

Meloni al contrattacco

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba di Andrea Puccio La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti