In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Per trovare, in italiano, notizie sulla Cina non puoi andare nei grandi media, ma nei siti aziendali o economici.

Mentre la finanza, e i grandi gruppi industriali, che controllano i media, danno l'ordine di dare in pasto al popolino notizia circa la "dittatura" cinese e il prossimo crollo economico (è dal 1997 che lo scrivono), sempre loro, assieme ad una miriade di aziende, vengono informate da siti come classhnsilkroad, un'agenzia italo cinese che copre notizie di affari di aziende italiane in quel paese.

Così, oggi, Michele Geraci, professore di economia a Shanghai, ma soprattutto autore del Memorandum Italia Cina del 2019, in qualità di sottosegretario, ci informa che quel paese punta sempre più sui consumi.

Se prima la crescita sbalorditiva era dovuta agli investimenti, che coprono il 42% del pil (contro il 17% nostro), da un pò di anni la dirigenza cinese ha deciso di frenare per avere come driver i consumi, principalmente perché vuole aumentare i salari.

Così capita che quest'anno i salari salgano più del pil.

I livelli di investimento non sono più sostenibili, anche perché ci sono poche aree profittevoli, il resto già coperto, dunque si punta sulla reflazione salariale come pivot della crescita, seppur più bassa, basta, ai fini della coesione sociale, che i salari crescano più del pil, come sta succedendo.

Chi ha letto Piano contro mercato sa che gli investimenti, fatti dai colossi pubblici, avevano come obiettivo la produttività totale dei fattori produttivi, per avvicinarsi agli standard occidentali.

Ci sono quasi riusciti, gli investimenti continueranno, ma in misura minore ,afferma Geraci.

L'aumento della produttività totale dei fattori produttivi, unito alla Legge sul Lavoro, ha come effetto un ventennale aumento spettacolare dei salari.

Non contenti di ciò, i cinesi da alcuni anni puntano sul salario sociale globale di classe, sanità, istruzione, assistenza, pensioni, per dare un impulso fiscale ai salari. Quello che hanno smantellato da noi e che con Draghi riprende la tosatura, vedi pensioni.

La tesi del mio libro è che la dirigenza  cinese ha ripreso modelli della nostra Prima Repubblica. Tra i miei contatti ho settantenni, sessantenni, ma anche ventenni. Non faccio altro che trasmettere memoria di un tempo che fu e che ora si ritrova in Asia. Per rivendicarlo, per rinfacciare a questi barbari che ci dominano da un trentennio che un'alternativa esiste.

I media continueranno a buttare fango sulla Cina, per occultare le dinamiche progressive socio economiche di quel paese, al fine di continuare con il massacro interno. Sporco gioco. Fino a quando verrà svelato dalla massa di italiani.

Pasquale Cicalese

Pasquale Cicalese

 

Economista. Ha aperto un canale telegram: pianocontromercato
 
 

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti