Il problema degli Stati Uniti non è il razzismo ma il capitalismo

Il problema degli Stati Uniti non è il razzismo ma il capitalismo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Antonio Di Siena 


Mettetevi bene in testa una cosa.



Il principale problema degli Stati Uniti non è il razzismo.

Il razzismo è solo la conseguenza di un modello economico, sociale e politico costruito sullo sfruttamento dei ricchi nei confronti dei poveri. Dei pochi sui molti. Un sistema rodato e raffinato perché abilmente mascherato dalla narrazione della “democrazia più evoluta del mondo”.

Un meccanismo diabolico che per poter funzionare ha bisogno della costante atomizzazione della società americana. Della sua suddivisione non già in classi, ma in minoranze. E poco importa che esse siano etniche, sessuali o religiose. L’importante è che i neri si sentano contrapposti ai bianchi, gli asiatici agli ispanici, i gay agli etero, le lesbiche ai trans, i protestanti agli avventisti, i cattolici ai musulmani.

Un selvaggio tutti contro tutti che, per quanto causato da gigantesche differenze economiche, viene alimentato dalla retorica dei diritti civili rappresentati come la principale prova della disuguaglianza. Una feroce guerra fra poveri sorvegliata a vista (per impedire che si trasformi in qualcosa che possa mettere effettivamente in pericolo il potere costituito) dalla contrapposizione più finta di tutte, quella fra i partiti politici democratico e repubblicano.

Smettetela di parlare di razzismo in un paese che ha eletto Obama presidente e da decenni ha elevato le minoranze ad un rango ben più importante del popolo nella sua interezza. Il problema del razzismo negli USA è un’efficacissima arma di distrazione di massa sventolata ad orologeria ogni qual volta la disastrosa condizione sociale di milioni di poveri americani emerge dalla coltre di propaganda che la avvolge da più di mezzo secolo. E che si regge anche grazie al costante, certosino, lavoro di quella stessa sinistra liberale che, mentre vi parla di razzismo ad ogni piè sospinto, alimenta costantemente le differenze di classe.

Il problema degli Stati Uniti è solo uno e si chiama capitalismo. Se non lo capite siete parte del problema.

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti