Il NYT rivela: il Pentagono ha nascosto le vittime civili dei suoi attacchi in Asia

Il NYT rivela: il Pentagono ha nascosto le vittime civili dei suoi attacchi in Asia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 

Un articolo intitolato "Registri nascosti del Pentagono rivelano modelli di fallimento in un attacco aereo mortale", rivela che il vero numero di vittime provocate dagli attacchi dagli Usa nell'Asia occidentale è stato molto più alto delle 1.417 vittime riportate dall'esercito americano in Iraq e Siria, ed i 188 segnalati in Afghanistan.

La serie di documenti, su oltre 1.300 segnalazioni di vittime civili a causa degli attacchi aerei in questione, conferma come queste offensive siano state contrassegnate da intelligence "profondamente imperfetta", obiettivi frettolosi e spesso imprecise e la morte di migliaia di civili, molti dei quali bambini, ha riportato ieri il quotidiano americano The New York Times .

 Nonostante il sistema altamente codificato del Pentagono per l'esame delle vittime civili, le promesse di trasparenza e responsabilità hanno lasciato il posto all'opacità e all'impunità", si sottolinea nel testo.

Come si spiega l'articolo, le morti di civili sono state spesso il risultato di un "pregiudizio di conferma" da parte dell'esercito americano che ha scambiato i civili per terroristi o non è riuscito a garantire che nessun civile fosse presente negli edifici attaccati.

Tuttavia, il testo dettaglia, meno di una dozzina di risarcimenti sono stati effettuati alle vittime di Washington, nonostante il fatto che molti siano rimasti con disabilità che hanno richiesto costose cure mediche. "Ci sono pochi sforzi documentati per identificare le cause profonde o le lezioni apprese", si osserva.

Il Pentagono pubblica regolarmente brevi riassunti degli attacchi  con vittime civili e recentemente ha ordinato una nuova indagine ad alto livello sull'attacco aereo del 2019 in Siria. "Ma nei rari casi in cui i fallimenti sono pubblicamente riconosciuti, tendono a essere caratterizzati come sfortunati, inevitabili e rari", conclude il rapporto.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti