Il Nicaragua chiede agli USA di rispettare la sentenza dell'Aia e pagare il loro "debito storico" con Managua

Il Nicaragua chiede agli USA di rispettare la sentenza dell'Aia e pagare il loro "debito storico" con Managua

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Nicaragua presenta una protesta contro gli Stati Uniti in seno all’ONU. Su richiesta del presidente Daniel Ortega, il ministro degli Esteri nicaraguense Denis Moncada ha inviato una lettera ufficiale al segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, in cui ricorda la storica inadempienza degli Stati Uniti per aver appoggiato le aggressioni armate che cercavano di rovesciare la Rivoluzione Sandinista.

Il governo nicaraguense ha inoltre richiesto alle Nazioni Unite di riprodurre la nota ufficiale a tutti gli Stati membri.

“In un momento in cui le Nazioni Unite e altri forum stanno discutendo il tanto meritato risarcimento che dovrebbe essere stabilito per compensare i danni causati dalla schiavitù e dal cambiamento climatico, tra gli altri, il Nicaragua coglie l'occasione per ricordare che esiste un debito storico nei confronti del popolo nicaraguense che 37 anni dopo non è stato saldato dagli Stati Uniti. Non si tratta di un obbligo ancora da stabilire o soggetto al parere consultivo di un organo giudiziario. È un obbligo chiaramente stabilito in una sentenza definitiva della massima autorità giudiziaria internazionale, la Corte internazionale di giustizia", si legge nella lettera.

Il testo si riferisce alla sentenza della Corte Internazionale di Giustizia del 27 giugno 1986, dopo che il principale organo giudiziario dell'ONU aveva dato ragione al Nicaragua nella sua richiesta di risarcimento contro gli Stati Uniti per aver promosso e finanziato le operazioni del gruppo ribelle "Los Contras", che cercava di rovesciare il governo del Fronte Sandinista di Liberazione Nazionale (FSLN), al potere dal 1979.

All'epoca, gli Stati Uniti non riconobbero la sentenza, sostenendo che la Corte non aveva giurisdizione sul caso; tuttavia, hanno mantenuto la stessa posizione fino ad oggi, ma nel 1991, l'allora presidente nicaraguense Violeta Chamorro, sostenuta da Washington, sospese il caso.

Il Nicaragua osserva che il 27 giugno 1986 la Corte ha stabilito che l'amministrazione statunitense deve risarcire il Nicaragua per tutti i danni causati dalle attività militari e paramilitari contro il processo politico del Paese.

L'esecutivo nicaraguense denuncia che il suo paese ha subito a causa degli Stati Uniti danni umani, danni materiali diretti, costi di difesa, perdite causate dall'embargo. Anche altri danni, come le perdite sociali in materia di istruzione, salute, lavoro, sicurezza sociale, nonché le perdite di potenziale di sviluppo e produzione.

"Sebbene la Corte abbia riconosciuto che in una situazione di aggressione armata come quella condotta dagli Stati Uniti, nessun risarcimento - né economico né morale - potrebbe compensare la devastazione del Paese, la perdita di vite umane e le ferite fisiche e psicologiche del popolo nicaraguense, la Corte ha deciso che gli Stati Uniti avevano l'obbligo legale di risarcire economicamente il Nicaragua per tutti i danni causati", si legge ancora.

Il presidente Daniel Ortega denuncia che, da tutti i punti di vista, "il diritto allo sviluppo della nazione è stato irrimediabilmente colpito (...) l'economia ha subito una riorganizzazione totale per permettere alla popolazione di sopravvivere nelle condizioni di aggressione a cui è stata sottoposta dagli Stati Uniti in tutti gli aspetti della vita economica e sociale del Paese, oltre all'aggressione militare e paramilitare".

Nel documento si legge che il valore stimato dei danni nel marzo 1988, quando la Memoria fu presentata insieme a tutta la documentazione di supporto, era stimato in 12 miliardi di dollari. "Questo importo non riflette i danni successivi a quella data, le cui conseguenze sono oggi verificabili. Ad esempio, ancora oggi il sistema di sicurezza sociale del Paese continua a pagare le pensioni ai feriti di guerra e alle loro famiglie, compresi quelli che facevano parte delle forze controrivoluzionarie finanziate illegalmente dagli Stati Uniti, che non si sono mai assunti il costo sociale di queste illegalità”.

Tuttavia, i danni per i quali Managua ha chiesto il risarcimento non riflettevano la totalità dei danni effettivi, ma erano limitati agli atti sui quali la Corte aveva giurisdizione. La quantificazione dei danni è stata approvata dalla Commissione Economica per l'America Latina delle Nazioni Unite (CEPAL).

"Il risarcimento dovuto al Nicaragua rimane non pagato. Il Nicaragua ha interrotto il procedimento davanti alla Corte per la determinazione dell'importo dovuto, ma in nessun momento ha rinunciato al pagamento del debito, cioè al diritto di ricevere il risarcimento. Il Nicaragua non ha mai ricevuto nulla a cui non aveva diritto (come il diritto a non essere aggredito) in cambio dell'interruzione del procedimento davanti alla Corte".

Il documento denuncia anche il fatto che il Nicaragua continua ad essere oggetto di una "nuova forma di aggressione" che richiama la storica sentenza della Corte Internazionale di Giustizia in un contesto di aggressione della Casa Bianca contro i Paesi non allineati con Washington sotto forma di sanzioni economiche.

Come evidenziato dal governo sandinista del Nicaragua, gli Stati Uniti hanno ancora una volta confermato di usare due pesi e due misure in materia di diritti umani, e non rispettare la sovranità degli altri Stati.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti