Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Paolo Desogus

L’esito del voto francese era da tempo annunciato, vissuto quasi con fatalismo. La domanda ora è, siamo alla vigilia dell’estrema destra all’Eliseo?

Da tempo la Francia non sa più chi è. Il tracollo del gollismo, dopo la “cura Sarkozy”, l’irrisolto rapporto con la Germania e con l’Ue, la crisi dell’influenza in Africa, l’elefantismo dei mezzi militari senza un quattrino per rendere l’esercito operativo, la questione dell’immigrazione, l’ampliamento delle diseguaglianze sociali, il carattere predatorio delle élites economiche, il contrasto tra Parigi e il resto del paese e infine un tenore economico di molto al di sopra delle potenzialità industriali ed economiche del paese hanno generato un mix micidiale che rischia di esplodere.

A questo si aggiunge la crisi istituzionale nascosta sotto il tappeto: il presidenzialismo francese non funziona e il doppio turno taglia le ali, lasciando che al governo salgano le forze moderate o, come nel caso di Macron, le forze estremiste neoliberali travestite da moderate.

L’assenza della rappresentanza si unisce alla presenza nel paese di una vera e propria oligarchia finanziaria che rispetto ai potentati italiani resta ancorata al paese, senza tuttavia possedere ormai più nulla delle antiche borghesie nazionali. Gli oligarchi francesi hanno verso il paese un rapporto rapace e tengono attraverso il controllo dei media le istituzioni in ostaggio.

Macron è stato il loro uomo. È dunque comprensibile che il voto si esprima sotto forma di rivolta contro di lui. Ora, il voto anticipato per il parlamento rischia di trasformarsi in un pericolosissimo azzardo. Macron, seppure in un linguaggio elegante, sta sfidando i francesi. Sta dicendo loro: “fate sul serio?”
Il rischio è che il voto si trasformi in un referendum sul macronismo e sulle sue politiche. Temo il peggio. Del resto da diversi anni mi capita di sentire che prima o poi i lepenisti andranno al potere. Non credo che questo risultato sia scritto nelle stelle, di sicuro però il macronismo ha portato il paese in un binario morto.

Paolo Desogus

Paolo Desogus

Professore associato di letteratura italiana contemporanea alla Sorbonne Université, autore di Laboratorio Pasolini. Teoria del segno e del cinema per Quodlibet.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti