Il "gioco di prestigio" per finanziare la guerra in Ucraina

 Il "gioco di prestigio" per finanziare la guerra in Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di John Miles

Il senatore Rand Paul ha criticato la spesa in deficit degli Stati Uniti che finanzia i conflitti in Ucraina, a Gaza e in tutto il mondo.
Il senatore Rand Paul (R-KY) ha criticato entrambi i principali partiti politici del Paese domenica scorsa, esprimendo preoccupazione per la spesa bipartisan destinata alla guerra per procura degli Stati Uniti in Ucraina.

"La mia ragione principale per oppormi all'invio di denaro all'Ucraina è che non abbiamo denaro", ha spiegato il legislatore di orientamento libertario in un'intervista radiofonica con l'amministratore delegato e conduttore di talk radio John Catsimatidis.
"Il denaro deve essere preso in prestito", ha continuato. "In pratica dobbiamo alla Cina mille miliardi di dollari, loro hanno comprato mille miliardi di dollari del nostro debito.

In pratica dobbiamo prendere in prestito denaro dalla Cina per inviarlo all'Ucraina".
Gli osservatori hanno da tempo messo in guardia sulle conseguenze della spesa in deficit, che è aumentata a dismisura negli anni '80 in seguito a grandi tagli fiscali e che da allora è continuata. Gli Stati Uniti hanno tradizionalmente finanziato il loro debito vendendo obbligazioni del Tesoro a Paesi stranieri, e la Cina è diventata uno dei maggiori detentori. Ma nel 2008 il governo statunitense si è trovato senza acquirenti sufficienti per rispondere alle turbolenze finanziarie della Grande Recessione, spendendo miliardi di dollari per salvare il sistema bancario del Paese.

La Federal Reserve ha risposto al dilemma acquistando essa stessa i Treasury statunitensi: il governo ha stampato denaro per consentire alla banca privata di farlo. La strategia ha suscitato notevoli preoccupazioni per l'ampliamento dei poteri della Fed, con il timore che la stampa di denaro necessaria possa favorire l'inflazione.

Nel frattempo, la dinamica che consente agli Stati Uniti di perseguire una massiccia spesa in deficit - ovvero lo status del dollaro USA come valuta di riserva globale - è sempre più messa in discussione. Le banche centrali hanno iniziato a diversificare le loro partecipazioni dal dollaro come copertura contro la minaccia di sanzioni statunitensi e altre misure di ritorsione, mentre i Paesi stranieri perseguono gradualmente il commercio denominato nelle proprie valute.

"La dedollarizzazione significa la fine del potere americano, perché il potere americano si basa sulla capacità di pagare le fatture stampando denaro", ha osservato l'economista statunitense Paul Craig Roberts. "Ciò significherebbe una massiccia inflazione statunitense. Sarebbe un tipo di inflazione che deriva dal collasso della moneta. Le autorità monetarie non possono farci nulla. Questo tipo di inflazione è la vera inflazione, quella mortale".

Paul ha insistito sul fatto che i legislatori dovrebbero smettere di finanziare la guerra sempre più donchisciottesca di Kiev contro la Russia e spingere invece il Paese a cercare una soluzione negoziata al conflitto.

"È l'unica cosa [l'adesione alla NATO] che, in realtà, l'Ucraina... potrebbe negoziare", ha osservato il legislatore.
"Se fossero disposti a negoziare di essere un Paese neutrale, non alleato dei russi e non alleato dell'Occidente, ma aperto al commercio con entrambi, si potrebbe negoziare il ritiro delle truppe", ha aggiunto. "Non c'è alcuna garanzia che i russi ritirino le truppe, ma varrebbe la pena di fare un'offerta".

Gli Stati Uniti sono intervenuti per mandare a monte almeno due opportunità di negoziare la fine della guerra nel Donbass e hanno lavorato per minare l'attuazione dei cosiddetti accordi di Minsk negli anni precedenti. I commentatori neoconservatori hanno apertamente promosso il conflitto come un modo per indebolire la Russia, con Mosca che si sarebbe "impantanata" nei combattimenti in una strategia che ricorda il coinvolgimento dell'Unione Sovietica in Afghanistan decenni fa.

In realtà, negli anni successivi al lancio dell'operazione militare speciale, la Russia si è rafforzata, diventando più indipendente dall'Occidente, aumentando la propria capacità industriale ed espandendo la propria economia. 
Nel frattempo, l'egemonia del dollaro è stata minacciata dalle misure punitive degli Stati Uniti contro Mosca, Washington è scesa sempre più in basso nel debito e l'alleanza militare della NATO si è rivelata una tigre di carta.

Queste tendenze suggeriscono che non è la Russia a "impantanarsi", ma piuttosto gli Stati Uniti, la cui posizione di egemone globale appare ogni giorno più fragile.

Traduzione de l'AntiDiplomatico

*Corrispondente di Sputnik specializzato in politica, economia e affari internazionali. Laureato all'Università del Mississippi, i suoi viaggi lo hanno portato in Bolivia, Brasile e Regno Unito. Oltre a scrivere per Sputnik, è un regista e fotografo amatoriale e in precedenza ha lavorato nel graphic design a New York City.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti