Il colonnello Wilkerson svela le manovre su Taiwan dell'amministrazione Bush

Il colonnello Wilkerson svela le manovre su Taiwan dell'amministrazione Bush

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Un'intervista senza precedenti – pubblicata sul social network X - con il Colonnello Lawrence Wilkerson rivela dettagli inediti sulle azioni dell'amministrazione Bush nei confronti della Cina, mettendo in luce una tensione interna di proporzioni significative.

L'ex capo di stato maggiore di Colin Powell durante la presidenza di Bush, Col. Lawrence Wilkerson, ha fornito una testimonianza storica straordinaria sull'approccio dell'amministrazione Bush verso la Cina, rivelando dettagli finora sconosciuti.

Wilkerson ha svelato uno scontro interno di rilevanza durante l'amministrazione Bush, con i "falchi" come Donald Rumsfeld e Dick Cheney, che desideravano provocare la Cina in una guerra riguardante Taiwan, contrapposti a coloro che cercavano di mantenere la pace, come Colin Powell e Richard Haas, con il supporto diretto di Bush.

Una delle situazioni descritte da Wilkerson riguarda la minaccia di Chen Shui-bian di indire un referendum sull'indipendenza a Taiwan. Wilkerson, insieme a Powell e Haas, cercò di convincere il ministro degli esteri cinese Wang Yi a non prestare attenzione alle provocazioni di Chen Shui-bian, assicurando che avrebbero impedito che ciò accadesse. Nel frattempo, Rumsfeld e Cheney mandavano un inviato a Taipei quasi settimanalmente per incoraggiare Chen Shui-bian a procedere, sfidando deliberatamente una "linea rossa" invalicabile per la Cina. La situazione si risolse solo quando Bush fu informato e decise di condannare pubblicamente Chen Shui-bian.

Wilkerson ha sottolineato che è stato necessario combattere strenuamente contro il Vicepresidente e il Segretario della Difesa per evitare lo sviluppo di una nuova guerra fredda con la Cina, un obiettivo che entrambi cercavano di perseguire. Powell dedicò i suoi quattro anni principalmente a evitare una guerra con la Cina, contrastando le azioni del Vicepresidente e del Segretario della Difesa.

La conclusione di Wilkerson è quindi categorica: "Quell'amministrazione era pazzesca. Stavano cercando di agire in Medio Oriente e contemporaneamente provocare la Cina. È follia, non trovo una parola migliore, è follia. L'arroganza del potere ha generato una quantità incredibile di follia".

L'intervista rivela uno sconcertante quadro delle dinamiche interne durante l'amministrazione Bush e delinea la complessità delle relazioni tra gli Stati Uniti e la Cina. Le rivelazioni del Colonnello Lawrence Wilkerson gettano luce su una fase cruciale della storia contemporanea, evidenziando tensioni e decisioni che avrebbero potuto avere conseguenze globali.

La vicenda dietro la minaccia di un referendum sull'indipendenza a Taiwan mette in risalto il ruolo ambivalente degli attori chiave, con alcuni diplomatici che lavoravano attivamente per prevenire una crisi, mentre altri spingevano per una provocazione consapevole. La figura di Chen Shui-bian emerge come una pedina in un gioco geopolitico complesso, dove gli interessi strategici degli Stati Uniti venivano messi anteposti alla stabilità nella regione asiatica. Ieri come oggi, aggiungiamo amaramente.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti