Il cavaliere oscuro che sta portando gli Stati Uniti in guerra contro la Cina

Il cavaliere oscuro che sta portando gli Stati Uniti in guerra contro la Cina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


 
di Andre Vltchek*
 
 
La situazione sta diventando esplosiva, veramente esplosiva.


 
Sembra avvicinarsi sempre più una guerra - almeno una nuova guerra "fredda" ideologica.
 
Ma avviene all'ombra del COVID-19 e passa quasi inosservata.
 
Il cavaliere oscuro che odia la Cina in modo viscerale, senza conoscere nulla di quel paese, è alla guida della crociata che sta spingendo il suo presidente in uno scontro con il paese più popoloso della Terra. Questa persona si chiama Peter Navarro.
 
Non che il presidente sia "innocente". Sotto di lui, la Casa Bianca è diventata un paradiso di fanatismo e di sentimenti razzisti anti-cinesi.
 
Non solo la Cina, ma anche l'Iran, il Venezuela, Cuba e la Russia. Gli Stati Uniti sono oggi il quartier generale globale della guerra contro i sistemi molto più logici e umani, socialisti.
 
Le spie rosse lampeggiano. Tutti gli indicatori sono rivolti verso il basso; economici, sociali e medici. Più disastrosa diviene la politica interna dell'Impero, più aggressivamente si comporta nei confronti del mondo. Le navi da guerra statunitensi vengono ripetutamente impiegate, vicino a Taiwan e al Mar Cinese Meridionale. Sono vicino alle acque territoriali dell'Iran e del Venezuela.
 
E gli insulti, insulti terribili, volano ogni giorno.
 
Trump e Navarro stanno abusando pubblicamente della pazienza della Cina, senza vergogna. Non c'è diplomazia, né restrizioni. La nazione che solo pochi mesi fa si trovava sola, di fronte a un nemico sconosciuto, in lotta ad un costo altissimo ma che ha rapidamente sconfitto la pandemia, in tutto il suo vasto territorio, è ora insultata giorno dopo giorno.
 
Tutto ciò avviene spudoratamente e con arroganza.
 
Il mondo resta a guardare. Parte di esso resta incredulo e oltraggiato, e l'altra parte in modo letargico e sottomesso, come sempre.
 
Il 19 aprile 2020, il New York Post riportava:
 
“Domenica il consigliere commerciale della Casa Bianca Peter Navarro ha invitato la Cina a dimostrare che un laboratorio di Wuhan non abbia avuto alcun ruolo nella pandemia di coronavirus - e ha accusato la nazione di accumulare dispositivi di protezione individuale e trarre profitto dall'epidemia.
 
Navarro ha insultato la Cina su "Sunday Morning Futures" di Fox News, accusando il Paese di intraprendere diverse azioni che hanno aggravato la crisi in corso e "portato alla morte di molte persone in tutto il mondo".
 
“Prima di tutto, il virus è stato generato in Cina. In secondo luogo, hanno nascosto il virus dietro lo scudo dell'Organizzazione mondiale della sanità. La terza cosa che hanno fatto è stata accumulare dispositivi di protezione individuale e ora ne stanno approfittando ", ha detto Navarro.
 
Il presidente degli Stati Uniti Trump, seguendo il consiglio di Navarro, ha già tagliato tutti i finanziamenti all'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), qualcosa fino a poco tempo fa inimmaginabile, considerando che il Pianeta è nel mezzo di una guerra contro il virus e l'OMS è in prima linea.
 
Ma l'OMS è accusata di "colludere con la Cina comunista", che questa amministrazione vede sempre più come il suo più grande nemico.
 
Il giorno dopo, il 20 aprile 2020, Reuters ha pubblicato un rapporto sull'accusa di Peter Navarro nei confronti della Cina di aver negato i dati su COVID-19:
 
"Uno dei motivi per cui potrebbero non averci fatto entrare e darci i dati su questo virus in anticipo, è che stanno correndo per ottenere un vaccino e pensano che questa sia solo una gara d'affari competitiva, è una proposta commerciale in modo che può vendere i vaccini al mondo ", ha detto Navarro alla Fox Business Network."
 
"Ma li batteremo. Li batteremo a causa della leadership del presidente Trump. Li batteremo perché HHS ha già una corsa di cavalli a cinque compagnie", ha detto Navarro, riferendosi al Dipartimento di salute e servizi umani Usa "
 
Gli attacchi contro la Cina sono al limite dell'isteria. Trump e i suoi consiglieri sembrano essere completamente disperati.
 
E questa estrema disperazione, questa paura di perdere la presa del potere, in tutto il mondo, è estremamente pericolosa per la sopravvivenza dell'umanità.
 
La Cina, ma anche la Russia, sono state estremamente pazienti. Usano la diplomazia, invece di minacce e insulti. Stanno osservando il comportamento dei leader degli Stati Uniti con un certo divertimento, come se fosse il comportamento di un bambino viziato che sta facendo un capriccio. Ma la loro pazienza ha dei confini. Una volta che l'atteggiamento degli Stati Uniti inizierà a danneggiare la vita dei cittadini cinesi o russi, due paesi grandi e indipendenti saranno costretti ad agire. E gli Stati Uniti stanno spingendo, come se, paradossalmente, il confronto fosse l'unica possibilità per la sua sopravvivenza.
 
Spingono, provocano su tutti i fronti: dal Mar Cinese Meridionale e da Taiwan a Hong Kong, dal Venezuela all'Iran, dall'insulto alla Cina e alla Russia, a una bizzarra battaglia già combattuta sul fronte COVID-19.
 
Un graffio, un piccolo errore nelle acque territoriali iraniane o nel Mar Cinese Meridionale e la fragile pace potrebbe andare in fiamme. I nervi sono tesi.
 
Il mondo ha tollerato, a disagio ma tollerato, il comportamento aggressivo di Washington, per anni e decenni. Ma ora, con la confusione di COVID-19 e con l'imminente collasso economico e finanziario globale, quasi tutti i paesi sono estremamente nervosi. Questo non è lo stesso mondo in in cui vivevamo solo un anno fa.
 
Trump, Navarro e gli altri del loro "campo" dovrebbero essere molto cauti, se vogliono evitare una tragedia globale.
 
Sfortunatamente, non sembrano cercare di evitare un conflitto. Stanno cercando di provocarne uno, in ogni caso!
 
 
*
 
Questo deve essere denunciato ogni giorno: non si può chiamare la Cina, un paese che ha subito l’attacco del coronavirus e l'ha sconfitto, da solo e con grande determinazione e sacrificio. Insultarlo con epiteti del tipo "un paese che ha infettato il mondo", o "un paese che sta approfittando della crisi “ è volgare, scorretto e criminale.
 
Semmai, la Cina ha aiutato quasi tutto il mondo a combattere questa pandemia. Ha inoltre condiviso rapidamente le competenze e aiutato le nazioni che sono state maggiormente colpite, con consigli e attrezzature mediche di valore inestimabile.
 
Dichiarazioni come quelle del consigliere commerciale della Casa Bianca Peter Navarro che invitano la Cina a dimostrare che un laboratorio di Wuhan non abbia avuto alcun ruolo nella pandemia di coronavirus, sono estremamente irresponsabili, pericolose e potrebbero facilmente portare a conseguenze terribili.
 
Molti esperti in tutto il mondo, in realtà credono che siano stati gli Stati Uniti ad aver portato il virus in Cina. Nelle settimane prossime, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha twittato una delle teorie, secondo cui sia stato l'esercito americano a portare il nuovo coronavirus nella città di Wuhan.
 
Ma alla fine, i funzionari cinesi hanno deciso di non puntare le dita in direzione di Washington, almeno per ora, in quanto si tratta di argomenti estremamente esplosivi e in tempi eccezionalmente instabili.
 
Gli Stati Uniti, tuttavia, hanno interpretato come deboli queste mosse sagge e concilianti del governo cinese e del Partito comunista. Hanno ribaltato le carte e iniziato attacchi meschini, forti di una loro presunta immunità.
 
Alla fine, Washington ha attraversato tutte le linee. E ora è diventato quasi certo che la sua propaganda non rimarrà senza risposta.
 
*
 
Gli attacchi contro la Cina sono ingiusti e razzisti.
 
Odorano di supremazia culturale e di un complesso di superiorità.
 
Il mondo occidentale in generale e gli Stati Uniti in particolare hanno portato morte e distruzione a centinaia di milioni di esseri umani, in tutto il mondo. Washington non ha alcun mandato morale per giudicare moralmente nessun paese del nostro pianeta, e sicuramente nessuno verso la Cina, paese che non ha mai avuto una storia di imperialismo o di crimini contro l'umanità.
 
"Nascondere fatti" o usare la guerra chimica e biologica è qualcosa in linea con Washington e la sua "politica estera". La Cina non ha cronache di tale comportamento.
 
Bisogna solo ricordare l'Indocina, l'Iraq, Cuba e molti altri luoghi, per vedere di cosa sia capace Washington.
 
Sia Trump che Navarro sono completamente ignoranti nei confronti della Cina. La mancanza di conoscenza di Navarro sul paese che continua a provocare, è stata esposta anche da innumerevoli membri della sempre connivente accademia degli Stati Uniti.
 
Sia per Trump che per Navarro, la Cina è il sacco da boxe politico ed economico più conveniente. È governato dal Partito Comunista, ha un grande successo, sia economico che sociale. E deve il suo successo all'entusiasmo e al duro lavoro della sua gente, non al colonialismo o all'imperialismo, non al saccheggio delle altre nazioni. Pertanto, offre un modello alternativo totalmente nuovo al nostro pianeta. E le alternative non sono consentite, da Washington, Londra e Parigi.
 
In sintesi: per i neocon e i suprematisti occidentali, la Cina è il più grande incubo. Mostra chiaramente che è possibile un mondo diverso.
 
* Traduzione dell'Antidiplomatico
 
 
[Originally published by NEO – New Eastern Outlook – a journal of the Russian Academy of Sciences]
 
Andre Vltchek is a philosopher, novelist, filmmaker and investigative journalist. He has covered wars and conflicts in dozens of countries. Five of his latest books are “China Belt and Road Initiative”, China and Ecological Civilization” with John B. Cobb, Jr., “Revolutionary Optimism, Western Nihilism”, a revolutionary novel “Aurora” and a bestselling work of political non-fiction: “Exposing Lies Of The Empire”. View his other books here. Watch Rwanda Gambit, his groundbreaking documentary about Rwanda and DRCongo and his film/dialogue with Noam Chomsky “On Western Terrorism”. Vltchek presently resides in East Asia and Latin America, and continues to work around the world. He can be reached through his website, his Twitter and his Patreon.
 

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa di Pasquale Cicalese 30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti