Il capo della Marina tedesca costretto alle dimissioni per aver detto che Putin e la Russia "meritano rispetto"

Il capo della Marina tedesca costretto alle dimissioni per aver detto che Putin e la Russia "meritano rispetto"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il capo della Marina tedesca, il vice-ammiraglio Kay-Achim Schoenbach, si è dimesso il giorno seguente aver affermato che la Crimea "non tornerà mai più", e che Vladimir Putin e la Russia "probabilmente meritano rispetto". 

Semplici parole di buon senso ma che evidentemente in questa Europa che si autodefinisce liberal-democratica non possono essere proferite. Se invece avesse offeso la Russia e Putin, oppure lanciato parole di fuoco guerrafondaie avrebbe ricevuto plauso unanime, in patria così come nel resto d’occidente.

Schoenbach ha chiesto al ministro della difesa Christine Lambrecht di “essere sollevato dalle funzioni con effetto immediato", e il ministro ha accettato le sue dimissioni, secondo quanto riferito da Reuters. 

Parlando a un evento organizzato da un think tank indiano a Nuova Delhi venerdì, il vice-ammiraglio ha respinto come "sciocchezza" l'idea che la Russia fosse "interessata ad avere una piccola e minuscola striscia di terra ucraina e integrarla nel loro paese".

Schoenbach ha proseguito affermando che ciò che il presidente Putin vuole è che l'Occidente "rispetti" la Russia, aggiungendo che "è facile dargli il rispetto che chiede davvero - e probabilmente anche che merita". Affrontando la questione della Crimea, il comandante della marina tedesca ha affermato che la "penisola è andata" e "non tornerà mai più - questo è un fatto".

I commenti di Schoenbach, che sono stati fatti in veste privata, hanno suscitato una controversia diplomatica, con il ministero degli Esteri ucraino che ha convocato l'ambasciatore tedesco nel paese, Anka Feldhusen, nella giornata di sabato. Kiev ha definito le sue osservazioni come "inaccettabili".

Il ministero della Difesa tedesco ha immediatamente preso le distanze dalle dichiarazioni definendole come controverse, con il portavoce che si è affrettato a prendere le distanze affermando che le dichiarazioni non riflettono "in alcun modo la posizione" del ministero, sia "in termini di contenuto che di scelta delle parole".

L’ormai ex capo della Marina di Berlino ha poi scritto su Twitter che non avrebbe dovuto parlare in quel modo e ha descritto le sue osservazioni come un "chiaro errore". 

Insomma, nel paese leader dell’Unione Europea non si può chiedere rispetto per la Russia, il suo presidente e anche il popolo russo di conseguenza. Pena l’allontanamento dal proprio incarico.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti