Il Brasile considera "gravi" le "menzogne" diffuse da Israele su Lula

Il Brasile considera "gravi" le "menzogne" diffuse da Israele su Lula

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il ministro degli Esteri brasiliano, Mauro Vieira, ha definito "grave" il fatto che il governo israeliano abbia diffuso "menzogne" sul presidente del suo Paese, Luiz Inácio Lula da Silva. 

"Che il Ministero degli Esteri si rivolga in questo modo a un capo di Stato di un Paese amico, il Presidente Lula, è insolito e ripugnante. Che il ministero degli Esteri ricorra sistematicamente a dichiarazioni distorte e menzognere è offensivo e grave", ha dichiarato Vieira in una dichiarazione rilasciata da Itamaraty (ministero degli Esteri) a Bloomberg e Reuters, come riportato da Globo.

Lo stesso documento descrive la situazione come "una pagina vergognosa nella storia della diplomazia di Israele", che ha usato un "linguaggio scurrile e irresponsabile" per rivolgersi al leader brasiliano.

I commenti del ministro degli Esteri brasiliano si riferiscono a un post sui social media del suo omologo, Israel Katz, in cui esigeva da Lula delle scuse.

"Milioni di ebrei in tutto il mondo stanno aspettando le tue scuse, come osi paragonare Israele a Hitler", si legge nel testo.  

Allo stesso modo, un account collegato al governo israeliano ha affermato, in inglese, che Lula nega l'Olocausto. 

Il giorno prima, Lula aveva affermato che la situazione nella Striscia di Gaza è paragonabile all'Olocausto, perché si tratta di "una guerra di un esercito altamente preparato contro donne e bambini". 

Questo ha fatto sì che Tel Aviv lo dichiarasse persona non grata e ha scatenato una crisi diplomatica tra i due Paesi, che hanno già richiamato i rispettivi ambasciatori per consultazioni.

"Lula ha ragione"

Intanto dopo aver incassato il sostegno dei governi dell’America Latina e dei paesi dell’ALBA-TCP, anche il Comitato Popolare del Centro di San Paolo si schiera con il leader brasiliano lanciando la petizione “Lula ha ragione”. 

L'iniziativa fa riferimento alle parole del presidente che descrive l'offensiva militare israeliana nella Striscia di Gaza come un "genocidio" e paragona la situazione dei palestinesi che vivono nel territorio con quella degli ebrei che affrontarono la politica di sterminio nazista in Germania negli anni '30 e '40.

La campagna ha creato un proprio sito web (www.lulatemrazao.com) per raccogliere firme a favore di quella che definisce "la storica dichiarazione del presidente Lula ad Addis Abeba, in Etiopia, che ha reso ancora più chiaro ed evidente il genocidio praticato dal governo Netanyahu contro il popolo palestinese”. 

"Confrontando le pratiche criminali del regime sionista con i metodi nazisti dell'Olocausto, ha mostrato al mondo, in modo molto chiaro, la dimensione della tragedia umanitaria in corso", si legge nel testo della petizione a favore del Presidente.

L’offensiva militare israeliana sulla Striscia di Gaza, iniziata il 7 ottobre 2023, ha già prodotto più di 29.000 morti civili, tra cui 13.000 bambini, secondo le statistiche ufficiali delle entità che sostengono i rifugiati palestinesi. Si stima inoltre che siano circa 8.000 i corpi dispersi sotto le macerie, il che porterebbe il numero totale delle vittime a oltre 37.000. Questo numero rappresenta circa l'1,68% della popolazione del territorio palestinese, ovvero circa 2,3 milioni di persone.

Inoltre, il manifesto afferma che "lo Stato di Israele non può usurpare e mancare di rispetto alla memoria ebraica delle sofferenze nei campi di sterminio per attaccare, in modo simile, un altro popolo".

In conclusione, il testo evidenzia che “contro le parole del presidente Lula si levano le voci più reazionarie del pianeta e del nostro Paese, complici del genocidio comandato dal governo Netanyahu”.

"In solidarietà con il leader del popolo brasiliano, sottoscriviamo questo manifesto. Presidente Lula, al suo fianco ci sono i popoli del mondo, le forze democratiche e il meglio che l'umanità ha da offrire".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti