Il 31 gennaio Draghi a Genova per il PNRR: prepariamo la giusta accoglienza

Il 31 gennaio Draghi a Genova per il PNRR: prepariamo la giusta accoglienza

Sandro Pertini alla grande manifestazione a Genova nel 1960 che provocò la caduta del governo fascista Tambroni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il 31 Gennaio il presidente del Consiglio dovrebbe venire a illustrare i contenuti del PNRR a Genova, semprecché non cambi qualcosa con la sua probabile elezione a Presidente della Repubblica. Non crediamo gli convenga restare al governo nella situazione esplosiva che ha abbondantemente contribuito a determinare, pertanto se ce la farà, lascerà qualcun altro a raccogliere i frutti avvelenati del disastro che verrà.

Una seria e nutrita manifestazione di protesta, sarebbe una grande occasione di riscatto per una città che è stata medaglia d’oro partigiana, fulcro di immensi scioperi generali, grandi lotti sociali e sindacali che ebbero il proprio culmine negli anni ‘60/70. Una città che fu scintilla della caduta del governo fascista Tambroni. A 40 km da qui, in quel di Stella (SV), nacque Sandro Pertini, il più grande e amatissimo Presidente della Repubblica Italiana. La città dei camalli, delle immense lotte dei lavoratori portuali. La città all’interno del famoso triangolo industriale, Milano-Torino-Genova, che ha prodotto la ricchezza dell’Italia del boom economico e dei diritti dei lavoratori.

Una città, Genova, che negli ultimi 30-40 anni ha conosciuto solo declino, imbarbarimento, regressione, tristezza. Una città che oggi non sembra avere più nulla da dire e da dare. Una popolazione di anziani ricchi, è la città più vecchia d’Europa e quella con la rendita procapite più alta d’Italia, dove gli unici servizi in espansione sono quelli per la cura agli anziani. Una città  mortifera, asfittica, triste, isolata, maleducata, ormai ricordata non per il suo glorioso passato remoto ma per il suo inglorioso passato prossimo. La mattanza della Diaz, l’uccisione di Carlo Giuliani, il declino industriale, la disoccupazione, la strage del Ponte Morandi, il degrado delle infrastrutture, le alluvioni causa della scellerata cementificazione che continua ancora. Una città in cui nessuno che non ci sia nato vorrebbe vivere.

Però oggi, forse a causa dell’esasperazione per un regime ottuso e crudele di diritti negati, di repressione; uno Stato vendicativo, autoritario, fazioso, nemico dei cittadini liberi e solo compiacente con i servi ubbidienti e proni; un vero e proprio regime oscurantista…

Però oggi nei caruggi e attorno al porto qualcosa sembra reagire sotto le macerie. Non sappiamo se sarà il riscatto, ma qualcosa di muove. Abbiamo visto la grande protesta dei portuali contro lo strumento di repressione e discriminazione chiamato ipocritamente green pass e prima ancora contro le navi che trasportano morte, armi di distruzione. La buona partecipazione alle proteste del sabato contro il suddetto green pass, ancora attiva e affollata dopo 28 lunghe settimane. Le innumerevoli e accese proteste locali per le dozzine di anacronistici problemi da città del “terzo mondo”, a dispetto della sua ricchezza procapite.

Con l’ottimismo della volontà cerchiamo perciò di fare tutti la nostra parte e cogliere l’occasione della visita di Mario Draghi in città per fargli sapere che Genova vuole tornare ad essere una città  LIBERA, VIVA, UMANA.

Mina Mini  matilda.collettivo@gmail.com

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci di Francesco Erspamer  Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano" di Francesco Santoianni Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano"

Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano"

Informazione e democrazia: possiamo dare lezioni ai russi? di Savino Balzano Informazione e democrazia: possiamo dare lezioni ai russi?

Informazione e democrazia: possiamo dare lezioni ai russi?

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

L'attacco al salario e il golpe del 1992 di Pasquale Cicalese L'attacco al salario e il golpe del 1992

L'attacco al salario e il golpe del 1992

DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO di Gilberto Trombetta DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO

DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti