Idlib, Raqqa, Aleppo, cosa succede al confine tra Siria e Turchia?

Idlib, Raqqa, Aleppo, cosa succede al confine tra Siria e Turchia?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Non si può escludere che gli ultimi eventi in Siria tra le province di Raqqa, Idlib e Aleppo, possano avere una relazione con la guerra in Ucraina.

Il presidente turco Recep Erdogan vuole esercitare pressione sulla NATO-USA attaccando le zone controllate dalle milizie curde per impedire l’ingresso di Svezia e Finlandia che secondo Ankara ospitano militanti del PKK, considerati terroristi? Vuole avere mano libera dalla Russia dopo che ha giocato un ruolo da mediatore nel conflitto con l’Ucraina? O semplicemente prendere altri territori della Siria?

Saranno i prossimi giorni a dare delle risposte più chiare, lo scenario è in piena definizione.

Il portale arabo Rai Alyum ha riferito che rinforzi militari, tra cui armi avanzate, munizioni e materiale logistico, sono entrati nel territorio siriano ieri notte attraverso il valico di frontiera di Bab al-Salam di Tal Abyad e Bab al-Salama, vicino alla città di Azaz, ad Aleppo e poi trasferite nelle postazioni che l'esercito turco mantiene occupate nel nord del Paese arabo.

Intanto, sempre ieri sera, decine di miliziani appartenenti al gruppo Faylaq Al-Sham sostenuto dalla Turchia sono stati uccisi e feriti dopo una grande esplosione in un deposito di munizioni al confine siriano-turco a nord del governatorato di Idlib.

Secondo le fonti locali, l'esplosione è avvenuta la sera del 1 giugno in un grande magazzino che custodiva armi, munizioni e missili appartenenti al gruppo estremista vicino alla città di confine di Babska.

"La causa dell'esplosione è ancora sconosciuta, nonostante le notizie contrastanti secondo cui sarebbe stato preso di mira da un drone non identificato, ma non ci sono ancora conferme in merito", hanno aggiunto le fonti.

Un video dell'esplosione è circolato sui social media, mostrando frammenti di missili e detriti proiettati verso l'esterno, provocando una serie di vittime civili mentre diversi missili sono atterrati nei campi profughi circostanti.

 

Inoltre, emergono nuove notizie secondo le quali due missili sono atterrati all'interno dei confini della Turchia, sebbene non siano state segnalate vittime.

Testimoni oculari affermano che "un gran numero di ambulanze ha partecipato al trasporto di morti e feriti negli ospedali da campo nel nord di Idlib".

Inoltre, emerge che l'esplosione è avvenuta mentre i miliziani di Faylaq Al-Sham, con l'aiuto dell'intelligence turca, si stavano preparando a trasferire missili dal deposito alle loro posizioni nella campagna meridionale di Idlib vicino ai posti di blocco dell'esercito arabo siriano (SAA).

Dopo l'esplosione, droni ed elicotteri turchi sono stati visti entrare nello spazio aereo siriano dalla direzione del valico di Bab Al-Hawa e hanno iniziato a ispezionare l'area.

Al momento, non esiste un bilancio delle vittime accurato, poiché la milizia sostenuta dalla Turchia si è rifiutata di rivelare le proprie perdite.

L'esplosione è avvenuta lo stesso giorno in cui le truppe turche hanno lanciato diversi attacchi a Idlib, comprese le postazioni occupate dalla coalizione guidata dagli Stati Uniti, segnando la prima volta che le forze di Ankara hanno preso di mira posizioni detenute dai suoi alleati della NATO in Siria.

L'attacco è arrivato come parte dell'inizio dell'ultima operazione militare turca nel nord della Siria, che mira a stabilire una "zona sicura" lunga 30 chilometri lungo i confini meridionali della Turchia per frenare quelle che Ankara vede come minacce dei gruppi curdi.

Solo pochi giorni prima, le forze russe avevano effettuato attacchi aerei contro le postazioni controllate da gruppi armati sostenuti dalla Turchia al confine siriano-turco, per la prima volta dall'inizio delle loro operazioni in Siria. Ulteriori attacchi delle forze russe contro i ribelli sostenuti dalla Turchia hanno avuto luogo il 29 maggio.

L'occupazione turca della Siria settentrionale è stata ripetutamente condannata sia da Damasco che da Mosca, così come da gruppi curdi residenti nel nord del Paese( i quali però favoriscono l’occupazione statunitense).

Il 20 maggio, il ministero degli Esteri siriano ha ufficialmente condannato l'ultima operazione della Turchia in Siria, definendola "colonialismo".

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti