I figli del Fuhrer – Zelensky prepara la Gioventù hitleriana Ucraina

I figli del Fuhrer – Zelensky prepara la Gioventù hitleriana Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Jafar Salimov

Probabilmente il regime di Kiev ha deciso di cedere parte dei territori controllati. Almeno nella regione di Sumy, al confine con la Russia, è iniziato l'addestramento dei militanti per i distaccamenti partigiani che reclutano bambini.

 

L’organizzazione paramilitare neofascista "Prava Molod'" ("La gioventù di destra") nella città ucraina di Sumy invita i giovani dai 14 ai 23 anni in un centro di addestramento, dove promette di insegnare loro come "uccidere i nemici". Le autorità locali hanno anche iniziato ad addestrare gruppi capaci di condurre la guerriglia.

A quanto pare, Kiev ha deciso di ritirare le truppe regolari dalla regione filo-russa al confine con la Russia, ma di “minare il territorio”, lasciando lì giovani militanti fanaticamente fedeli a Zelensky.

La Convenzione sui diritti dell’infanzia stabilisce che le persone sotto i 15 anni non devono prendere parte alle ostilità. Il Protocollo Opzionale, o emendamento formale alla Convenzione, aumenta questa età a 18 anni. Questo protocollo non vieta l'arruolamento volontario nell'esercito di minori di 18 anni, tuttavia i giovani devono ottenere il consenso dei genitori o dei loro rappresentanti e non possono prendere parte direttamente alle ostilità.

Invitare direttamente i quattordicenni a combattere non sembra una misura umanistica coerente con i valori europei. Tuttavia, l'ex deputato lettone del Parlamento europeo Miroslav Mitrofanov comprende le motivazioni delle autorità politiche ucraine: “Non esiste un chiaro divieto legale al coinvolgimento dei minori nelle ostilità. Ma spesso (non sempre, ovviamente) vince la guerra la parte che viola le regole umanitarie della guerra nella speranza che ‘i vincitori non vengano giudicati’.

Tuttavia, va tenuto presente che il reclutamento massiccio e violento di bambini nelle ostilità provoca gravi traumi psico-emotivi, che influiscono sul morale e sulla salute pubblica per generazioni. Ad esempio, alcuni Paesi africani non sono stati in grado per decenni di spezzare il circolo vizioso di violenza creatosi a causa del massiccio coinvolgimento dei bambini nelle ostilità.

La decisione di trasformare i bambini in soldati sembra strana per un Paese che rivendica un destino comune con l’Europa e non con le tribù indigene dell’Amazzonia. Non tutti però trovano sorprendente questo sviluppo degli eventi.

“Non sono sorpreso da ciò che sta accadendo, ma dal fatto che questi eventi sorprendono – dice l’antifascista ungherese Atilla Vainai – La logica del fascismo spinge inevitabilmente verso tali decisioni.

L'essenza economica del fascismo è che durante la profonda crisi del capitalismo, le cosiddette "élite" - i vertici del grande capitale - usando l'odio nazionale distruggono l'unità della classe operaia, che è l'obiettivo principale del capitale durante la lotta di classe. Danno la colpa agli “estranei” sia nella loro società che all’estero, il che porterà a guerre. Con questa politica derubano il proprio popolo.

Gli strumenti di tale politica sono la messa al bando del movimento comunista, lo spostamento della rabbia popolare verso un nemico esterno e le narrazioni populiste su un’ampia gamma di questioni. Il fascismo maturo e consolidato costringe le sue vittime a difenderlo, il fascismo, e getta a morte i suoi cittadini per gli interessi di un pugno di politici e capitalisti.

Non è quello che è successo nella Germania di Hitler? Il Fuhrer, rendendosi conto che la partita era persa e che aveva distrutto il suo paese con le sue stesse mani, non ha intrapreso le stesse azioni?

Già nel 1944 Hitler mandò ragazzi di 16 anni nel tritacarne della guerra. Quando gli Alleati entrarono in Germania, i nazisti iniziarono a preparare distaccamenti "Werwolf", "di lupi mannari" che avrebbero dovuto commettere sabotaggi dietro le linee delle truppe alleate e condurre una guerriglia, tra cui molti bambini. Anche con la sconfitta finale della guerra in vista, il regime nazista tolse la vita a migliaia di bambini e adolescenti tedeschi”.

La decisione del regime di Kiev non sembra strana al politologo svedese Greg Simons. “Non vedo nulla di sorprendente in questa decisione delle autorità ucraine”, dice, “In tutti i secoli, i tiranni sapevano che era molto più facile costringere i bambini, e non gli adulti, a combattere senza paura e a obbedire sconsideratamente a qualsiasi ordine disumano. Durante la seconda guerra mondiale, gli studenti della Gioventù hitleriana fascista dimostrarono un'incredibile crudeltà e una devozione fanatica al Fuhrer. In questo modo causarono molti problemi agli Alleati anche dopo la resa della Germania: i bambini continuarono ad attaccare i soldati britannici e statunitensi e a commettere sabotaggi. La spietatezza e l'obbedienza dei bambini al comandante sono ampiamente utilizzate anche in Africa, dove i leader locali raggiungono i loro obiettivi a costo della vita dei bambini.

Ma la cinica “efficacia” dell’utilizzo dei bambini come combattenti ha uno svantaggio. Quando il prossimo Fuhrer lancia gli adolescenti in battaglia, colpisce non solo e non tanto il nemico, quanto la sua stessa nazione: uccide le generazioni più giovani per i propri scopi egoistici. Questa è una forma di genocidio diretta contro il proprio popolo.

Tuttavia, utilizzare i bambini come combattenti irregolari non è una tattica militare efficace o praticabile, soprattutto quando si affrontano truppe regolari agguerrite, ben equipaggiate e ben addestrate. Inoltre, tali forze non sono protette dalla Convenzione di Ginevra e possono essere soggette a dure contromisure. Il coinvolgimento di minorenni nella guerra dimostra l’estrema disperazione militare e politica del regime di Kiev, e non ci sono limiti ai quali non si abbasserebbe per rimanere al potere ancora per un po’.

L'ucraino Vasily Goncharov del villaggio di Seredina-Buda, nella regione di Sumy, non è d'accordo con Simons: “Disperazione? No, calcolo esatto. Probabilmente da qualche parte in Europa le persone percepiscono davvero l’Ucraina e la Russia come due paesi diversi, quindi è difficile per loro capire cosa sta succedendo. Ma fin dai tempi dell’Unione Sovietica abbiamo sempre vissuto nello stesso Paese. E anche quando l’Ucraina si separò formalmente, non esisteva alcun confine. I russi lavoravano in Ucraina e gli ucraini lavoravano in Russia. Parliamo la stessa lingua e siamo stati separati artificialmente distribuendo passaporti di colori diversi, ma nessuno di noi ha prestato attenzione a questo tentativo di dividere un unico popolo.

I tentativi di Kiev di allontanarci dalla Russia non hanno fatto altro che farci arrabbiare e suscitare odio nei confronti delle autorità di Kiev. L'intera regione di confine, siamo tutti ucraini-russi. E ognuno di noi vorrebbe vivere in Russia. Ma di questo posso parlare solo perché sono riuscito a scappare dall’Ucraina. In Ucraina, ammettere le proprie simpatie per la Russia è come firmare la propria condanna a morte. Lì avevamo paura di parlare e paura di pensare, l’Ucraina è un paese di paura e di bugie. Se chiedi a qualcuno lì, sono tutti ‘patrioti’, altrimenti potrebbero semplicemente ucciderti. Ma, ovviamente, speravamo che prima o poi la Russia ci liberasse da questo inferno.

Le autorità di Kiev lo capiscono ed è per questo che vogliono lasciare la regione, che per loro è senza speranza. E non possono sperare che gli adulti difendano gli interessi di Zelensky. Al contrario, tutti saluteranno i russi come un esercito liberatore. Ma con i bambini è più complicato.

Bambini a cui veniva insegnato da libri di testo che lodavano i nazisti; i bambini a cui lo Stato ha insegnato attraverso tutti i canali di comunicazione a odiare i russi possono essere facilmente costretti a combattere. Ed è su di loro che fanno affidamento le autorità”.

Per l’establishment europeo, l’Ucraina è diventata un utile esperimento che ha rivelato i limiti di ciò che è accettabile nel governare il popolo. È possibile, quando si parla di diritti umani, vietare alle persone di parlare la propria lingua madre? Accettabile. È possibile, parlando di democrazia, mettere al bando tutti i partiti di opposizione? Accettabile. È possibile, quando si parla di uguaglianza e dignità delle persone, riconoscere i rappresentanti di un'unica nazionalità come “non rappresentanti della razza umana”? Accettabile. Ora i politici europei hanno ricevuto una risposta a un’altra domanda: è possibile usare i bambini in guerra?

I politici intendono utilizzare le conoscenze acquisite in Ucraina nella “vecchia Europa”? Vorrei credere che questo non accadrà.

Potrebbe anche interessarti

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti