I fatti in Sudan "fonte di preoccupazione" per Israele

I fatti in Sudan "fonte di preoccupazione" per Israele

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il nuovo intervento dei militari in Sudan dove sono stati tratti in arresto i membri civili del Consiglio di sovranità di transizione e alcuni ministri del governo di transizione. La situazione pare avrebbe destato delle preoccupazione in quel di Israele, come riporta ‘Un altro punto di vista’: 

«Il quotidiano Israel Hayom ha riportato che "gli sviluppi in Sudan sono fonte di preoccupazione sia per Israele che per l'amministrazione di Joe Biden", sottolineando che "l'esercito deve essere sostenuto proprio come Al-Borhan perché quest'ultimo tende a rafforzare i rapporti con gli Stati Uniti e Israele più di Hamdouq."

Israel Hayom ha aggiunto che "gli sviluppi in Sudan possono essere una fonte di preoccupazione sia per Israele che per l'amministrazione di Joe Biden, poiché Washington sta cercando di spingere Khartoum a completare il processo di normalizzazione, inviare un rappresentante permanente sudanese ufficiale in Israele e aprire un'ambasciata lì".

Il giornale israeliano ha sottolineato che "il Sudan è l'unico paese, tra tutti i paesi dell'accordo abramitico, che non ha avviato azioni diplomatiche. L'intero paese si trova a un bivio, poiché la sua relazione con Gerusalemme è direttamente influenzata da questo aspetto.

Il giornale ha stimato che "una celebrazione ufficiale israelo-sudanese della firma dell'accordo alla Casa Bianca potrebbe provocare una grande rabbia nelle strade del Sudan, che è stato per anni uno dei paesi leader nella sua politica anti-Israele".

Ha osservato che "con le continue proteste, sarà difficile far avanzare il processo di normalizzazione in Sudan. Va tenuto presente che non è stato il primo ministro del governo sudanese, Abdallah Hamdouq, a favorire la normalizzazione dei rapporti con Israele, bensì la leadership militare guidata da Abdel Fattah Al-Borhan".

Nello stesso contesto, una fonte israeliana ha criticato la posizione di Washington su quanto sta accadendo in Sudan, e ha detto al quotidiano Israel Hayom che "nella situazione attuale, è meglio sostenere l'esercito e il suo leader, il presidente del Consiglio di transizione, Abdel Fattah Al-Borhan, e non il primo ministro Abdallah Hamdouq."

La fonte israeliana ha spiegato che “il golpe era inevitabile. Per anni, il presidente sostenuto dai militari e il primo ministro si sono impegnati in una situazione di stallo in direzioni opposte. Era quindi chiaro che ciò avrebbe portato a una situazione del genere”.

La fonte ha aggiunto che “i due leader sudanesi sono consapevoli che lo Stato ha l'obbligo di rafforzare le sue relazioni con l'Occidente. Ma la situazione in Sudan ricorda molto la situazione in Egitto alla fine dell'era di Hosni Mubarak", considerando che" il Sudan è uno stato non democratico e per 30 anni è stato abituato al governo di un solo uomo, o Omar al-Bashir”.

La fonte israeliana ha anche affermato: "Sapere che l'esercito sudanese è la parte più potente del Paese, sapendo che" Al-Borhan è il leader supremo, gli sviluppi avvenuti questa sera in particolare, lasciano sperare in una maggiore stabilità in Sudan, vitale per la regione, e anche per rafforzare i rapporti con gli Stati Uniti, l'Occidente e Israele”.

Oggi, lunedì, il capo del Consiglio sovrano sudanese, Abdel Fattah Al-Borhan, ha annunciato lo scioglimento del Consiglio sovrano e del governo e di imporre lo stato di emergenza nel Paese, convocando le elezioni nel luglio 2023”.

Allo stesso modo, il Ministero dell'Informazione sudanese ha dichiarato che "quello che è successo oggi in Sudan è un colpo di stato militare", invitando "le masse popolari a interrompere ogni azione militare fino a quando il tentativo di colpo di stato non venga messo fuori combattimento", chiedendo il rilascio dei detenuti.

Il ministero dell'Informazione sudanese ha annunciato "l'arresto di membri del Consiglio di sovranità di transizione, della componente civile e di alcuni ministri del governo di transizione". Ha detto che "le forze militari congiunte stanno trattenendo il primo ministro sudanese Abdallah Hamdouq nella sua casa, premendo con forza contro di lui per costringerlo a rilasciare una dichiarazione a favore del colpo di Stato”».

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...