I crociati della "Cancel Culture" di oggi e come difenderci

I crociati della "Cancel Culture" di oggi e come difenderci

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Nora Hoppe*


La cultura e le arti di una società, di una civiltà possono essere viste come un barometro del suo sviluppo e della qualità del suo stato. Confucio, che considerava la musica come la più nobile di tutte le arti, disse: "Se si desidera sapere se un regno è ben governato, se la sua morale è buona o cattiva, la qualità della sua musica fornirà la risposta".

Le arti – nelle loro forme più vere e nobili – hanno sempre rappresentato una seria minaccia per i poteri dispotici, perché rappresentano la libertà di spirito e l'indipendenza di pensiero.

Durante il Terzo Reich, i nazisti si impegnarono alla "Cancel Culture" censurando varie forme di musica, letteratura, film, opere teatrali che erano considerate un "insulto al sentimento tedesco" e che condannarono come "Entartete Kunst" [arte degenerata]. Promuovevano invece opere che esaltavano i valori di "sangue e suolo" della purezza razziale, del militarismo e dell'obbedienza.


In tempi di decadenza imperiale romana, le arti non avevano un terreno fertile da cui svilupparsi, poiché le arti precedenti erano state "cancellate" o pervertite a fini propagandistici. Edward Gibbons descrisse lo stato della cultura durante il Declino dell'Impero Romano: "... quest'epoca di indolenza passò senza aver prodotto un solo scrittore di genio originale o che eccellesse nelle arti della composizione elegante. [...] Le bellezze dei poeti e degli oratori, invece di accendere un fuoco come il loro, ispirarono solo fredde e servili imitazioni [...] Il nome di poeta fu quasi dimenticato; quello di oratore fu usurpato dai sofisti. Una nube di critici, di compilatori, di commentatori oscurò il volto del sapere, e al declino del genio seguì presto la corruzione del gusto".

Nelle sue "Satire" (scritte nel 100-127 d.C.), Giovenale descrive la degenerazione di Roma durante la sua vita, deridendo i costumi e le credenze di molti dei suoi contemporanei e fornendo una visione dei sistemi di valori e della morale prevalenti di quell'epoca. Alcuni esempi delle deviazioni e dei fastidi che lo spinsero a scrivere questa "categoria di mali" includono "eunuchi che si sposano, donne d'élite che gareggiano nella caccia alle bestie, e la feccia della società che diventa improvvisamente ricca grazie a grossolani atti di sicofanzia". Sosteneva che le tradizionali virtù romane, come la fides e la virtus, erano scomparse dalla società, al punto che "Roma non era più romana". "Mi viene voglia di scappare oltre i Sarmati e il mare ghiacciato, ogni volta che quegli uomini che si spacciano per paragoni della virtù di un tempo e vivono in un'orgia, osano declamare qualcosa sulla morale."

Giovenale descrive una società la cui popolazione è priva di qualsiasi responsabilità civica: "La folla segue Fortuna e non si cura d'altro che del pane e del circo" –   le uniche preoccupazioni rimaste a un popolo romano che ha rinunciato al suo diritto di nascita alla libertà politica. "Pane e circo" era un riferimento alla pratica romana di fornire gratuitamente grano ai cittadini romani, oltre a sfarzosi giochi circensi e altre forme di intrattenimento come mezzo per ottenere il potere politico. Di conseguenza, chi bramava il potere poteva facilmente raggiungerlo e governare senza ostacoli, purché offrisse diversivi e distrazioni: ricorrendo alla strumentalizzazione del soddisfacimento delle esigenze più immediate o basilari del popolo...

Un'epoca di banalizzazione, di autoassoluzione, di irrazionalismo, di mancanza di significato

Oggi siamo a un punto di minimo assoluto per quanto riguarda la cultura e le arti. E questo non è limitato a un solo Paese o a un solo impero, ma purtroppo è un fenomeno globale... perché oggi abbiamo un egemone globale la cui ideologia si è infiltrata in tutti i settori della cultura e della società in tutto il mondo.

Noam Chomsky una volta disse: "Chi controlla i media controlla le menti del pubblico." Ma si può estendere questa frase a: "Chi controlla le arti controlla le menti e le anime della gente."

In un mio precedente saggio ho suggerito che, con la progressione dell'ideologia neoliberista, la cultura è stata ridotta a intrattenimento banale, a oggetto di consumo, a distrazione e a strumento per il lavaggio del cervello e la propaganda... e che il "postmodernismo" è stato creato per deprezzare la bellezza, la verità e la sincerità e per rendere privi di significato i movimenti artistici precedenti e la cultura nel suo complesso – per servire gli interessi del neoliberismo e dell'imperialismo. Perché per eliminare l'opposizione al dominio assoluto è necessario distruggere il passato, distruggere la storia, distruggere la civiltà... così si può arrivare a una tabula rasa da cui partire per creare una pura tecnocrazia priva di qualsiasi umanità.

Ho citato il letterato e filosofo tedesco Thomas Metscher nel suo testo intitolato "Postmoderne und Imperialismus": "... vedo il postmoderno come una forma di coscienza di un certo stadio della società capitalista, di una società imperialista avanzata... una forma di coscienza della condizione globale del presente, in relazione alle metropoli imperialiste. [...] ...la "morbosità" della società imperialista di oggi ha raggiunto una portata e una palese (...) che si può legittimamente parlare di una società patologica – una 'cultura della morte'. ..."

In un paradigma neoliberale, tutto è mercificato. La spiritualità oggi è un prodotto confezionato in ritiri esoterici, video di mentoring e guide di auto-aiuto.  Il dilagante gocentrismo ha sostituito le responsabilità civiche e l'etica comunitaria. Gli individui sono motivati a diventare le loro stesse macchine da marketing... a far sfilare il loro "vittimismo unico" e le loro "virtù" sui social network e negli eventi culturali. L'obiettivo paradossale di questa fissazione sull'individualismo è l'omogeneizzazione e la Gleichschaltung dell'intera popolazione – qualcosa che può essere raggiunto solo quando la società è stata distrutta e gli esseri umani sono stati isolati e frammentati.


Il corteo sfarzoso della virtù

L'egemonia culturale della potenza unipolare è particolarmente visibile nei suoi eventi mediatici: festival "internazionali", spettacoli stravaganti, cerimonie di gala, ecc. Un esempio lampante è l'instancabile e disperato inserimento del buffone sniffatore piagnucoloso Zelensky in quasi tutti i recenti eventi "culturali"... siano essi i festival cinematografici di Cannes, Venezia, Berlino, cerimonie come i Golden Globe Awards, i Grammy o i festival musicali come Glastonbury. Zelensky è ormai diventato il rametto di prezzemolo obbligatorio per ogni piatto neoliberista.

È stato creato un marchio su di lui. È probabilmente il personaggio pubblico più visto al mondo oggi. È l'icona dei tempi: un patetico e vuoto burattino, imbottito di denaro e droghe illimitate, che si atteggia a simpatico emissario della coscienza del mondo.

La sua ultima apparizione in video alla grande inaugurazione del Festival di Berlino è stata accolta da applausi e standing ovation da parte di tutto il pubblico, che ha applaudito per tutto il suo discorso... soprattutto quando ha dichiarato: "La cultura sceglie da che parte stare quando decide di parlare contro il male... e si schiera quando rimane in silenzio e di fatto aiuta il male."


Uno dei "clou" di questo festival farisaico è il documentario su Zelensky realizzato da Sean Penn e intitolato "Superpower". Alla fine della prima il pubblico si è ancora una volta alzato ossequiosamente in piedi per tributare una standing ovation sia a Penn che ai suoi collaboratori.

Solo tre anni fa la Berlinale aveva accolto come una star la criminale di guerra Hillary Clinton. Quest'anno la Berlinale ha steso il tappeto rosso per la NATO con la piena condanna dei suoi nemici Russia, Iran, Cina e Bielorussia; persino la mascotte – l'orsetto della Berlinale – è apparsa in azzurro e giallo, i colori nazionali ucraini.


Il pio Hollywood Reporter ha riferito che: "... 'il festival si pone, in modo cristallino, in solidarietà con il popolo ucraino [e] con il movimento di protesta in Iran' – hanno osservato i direttori del festival nella serata di apertura. [...] Dopo aver bandito tutti i partecipanti provenienti dalla Russia o dall'Iran con legami diretti con i regimi dei rispettivi regimi [sic], l'European Film Market di Berlino ha ceduto il controllo dello stand iraniano dell'EFM alla neonata Associazione iraniana dei registi indipendenti, affermando che loro, e non gli organismi sponsorizzati dallo Stato, dovrebbero essere i veri rappresentanti del cinema iraniano. Venerdì il festival e l'EFM hanno appoggiato un gruppo di cineasti in esilio dal regime dittatoriale della Bielorussia per lanciare la prima Accademia cinematografica bielorussa indipendente, ottenendo l'immediato sostegno e promesse di aiuto per i finanziamenti da parte dell'European Film Academy e dell'ente nazionale di promozione cinematografica German Films. La posizione di Berlino come festival più politico del mondo ha dato ulteriore peso ai commenti del regista di Hong Kong e membro della giuria della Berlinale Johnnie To [...] uno dei più grandi registi che Hong Kong abbia prodotto, ha risposto: 'Per me il cinema è sempre stato l'avanguardia. Quando emerge un regime totalitario, quando le persone perdono le loro libertà, il cinema è il primo a subire il colpo. [...] Ecco perché i dittatori prendono sempre di mira il cinema. Penso che Hong Kong... No, scusate. Penso che tutti i Paesi e i popoli che lottano per la libertà in tutto il mondo dovrebbero sostenere il cinema. Perché il cinema parla a nome vostro.'..."

Fuori dal grande "Berlinale Palast", alcuni attivisti per il clima si erano incollati al leggendario Tappetto Rosso. Due giorni dopo, lo stesso tappeto ha accolto una protesta silenziosa con attrici iraniane espatriate dall'aspetto cupo, a sostegno degli attivisti per il cambio di regime in Iran, intitolata "Donne Vita Libertà".


Con l'eccezione dell'elogio di Sean Penn all'Ucraina e al suo giullare, la stampa ha parlato poco dei film del festival... Qualcuno sarà ricordato in futuro come un'opera d'arte degna di nota?


La missione virtuosa


Poiché l'ideologia capitalista occidentale ha avuto un tale successo nel porre il progresso materiale e tecnologico come criterio di "una nuova civiltà" e nel mercificare le virtù e la morale in tutto il mondo, è diventata un credo da seguire per molti... Stabilisce i dettami e le tendenze globali (ad esempio: il riscaldamento globale, la fluidità di genere, cancel culture, i riadattamenti della Storia, le rivoluzioni colorate, ecc.) E, in assenza di spiritualità, molte persone seguono religiosamente queste tendenze e dettami globali per assicurarsi una "identità" nel mondo moderno.

New File


I bersagli e le vittime di questo culto non sono solo i giovani globali, ma anche l'"intellighenzia" borghese globale e gli "artisti contemporanei". La classe operaia è stata fortunatamente trascurata ed è quindi meno colpita. Ed è per questo che i lavoratori di oggi tendono a essere molto più consapevoli delle realtà delle loro società.

Queste "vittime" del neoliberismo sono state pervase da un incrollabile senso di moralità superiore. Si sentono gli eletti illuminati... e, di fatto, molti diventano "missionari" dell'ideologia neoliberista... ambasciatori del soft power transatlantico. Nelle nazioni sovrane che lottano per un mondo multipolare, troviamo questi "missionari" spesso nella quinta colonna. Sono quelli che spesso guidano le rivoluzioni colorate, creano correnti di "movimenti artistici ribelli" e formano movimenti di opposizione "illuminati". Ricevono piattaforme internazionali in occasione di eventi mediatici, soprattutto nei festival cinematografici. Alcuni ricevono persino una formazione nei "Freedom Forum" sovvenzionati dall'Impero. Nelle loro terre, purtroppo, sono inseriti in varie istituzioni culturali e accademiche.

Molte nazioni sovrane si trovano assediate da questi crociati. Rappresentano infatti una grave minaccia – non tanto per i governi – quanto per l'ulteriore sviluppo naturale della cultura e delle arti... nonché per la mentalità delle generazioni future.


Che fare?

È indispensabile, ora più che mai, sostenere e promuovere l'illuminazione, l'istruzione, la cultura e le arti, ricostruendo il ponte (danneggiato dal postmodernismo e dal neoliberismo) verso le nostre radici culturali storiche. Possiamo avanzare veramente solo sulle orme dei maestri della nostra civiltà.

Impegnarsi nella censura di questi crociati e delle loro opere non solo sarebbe controproducente – in quanto non farebbe altro che rivendicare le affermazioni dell'opposizione neoliberale (ad esempio, che stanno "lottando per la libertà in una dittatura"), ma sarebbe impegnarsi nelle stesse pratiche di "cancel culture" dell'egemone.

La strada più sensata da seguire con questi individui sarebbe la critica costruttiva e il dibattito. Il dibattito è esattamente ciò che il mondo neoliberale rifugge freneticamente... è esattamente ciò che tutte le forme di fanatismo aborriscono. Il dibattito richiede tempo, pazienza, coraggio e un ambiente libero dalla paura. Come questo possa essere creato e organizzato è oggetto di dibattito... Ma sono tutti benvenuti!


*   *   *   *   *

* L'articolo esce in contemporanea in lingua inglese su The Saker

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti