I cinque caccia più temuti dall'aeronautica degli Stati Uniti

I cinque caccia più temuti dall'aeronautica degli Stati Uniti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

 

Gli Stati Uniti lavorano alacremente per conservare la loro superiorità aerea, anche se diversi osservatori mettono in discussione che questa vi sia ancora visto nuovi caccia e radar a disposizione, in quest’ottica sono da giudicare le ordinazioni di nuovi F-35A e F-15 EX. 

Però secondo la rivista Military Watch le altre potenze non sono molto indietro e stanno migliorando le loro forze aeree. 

Durante gli anni della Guerra Fredda, gli aerei sovietici costituivano la più grande minaccia per l'aviazione militare nordamericana. Adesso i velivoli cinesi si sono aggiunti alla concorrenza. Oltre che Russia e Cina, i caccia da loro prodotti vengono esportati in altri paesi alleati come Angola, Algeria e Pakistan. 

Con molte più basi all'estero rispetto a tutte le altre forze aeree messe insieme, l'aeronautica degli Stati Uniti affronta molteplici potenziali avversari in tutto il mondo, dall'Iran e dalla Siria in Medio Oriente alla Russia e alla Bielorussia nell'Europa orientale.

Mentre durante la Guerra Fredda tutte le serie sfide alla superiorità aerea USA provenivano dai progetti di caccia e intercettori sovietici, dal MiG-15 che forniva ai piloti un vantaggio sui caccia statunitensi durante la guerra di Corea all'intercettore MiG-25 che sfidò gli aerei USA sull'Iraq e Kuwait durante gli anni '90, il rallentamento dei progressi nell'aviazione da combattimento russa e l'emergere della Cina come la più grande economia mondiale e leader in molte aree di ricerca e sviluppo hanno reso i suoi velivoli i concorrenti più pressanti.

Questi sono i cinque caccia maggiormente temuti dagli Stati Uniti secondo Military Watch:

J-20

Uno dei soli due caccia di quinta generazione sia in produzione che schierati a livello di squadrone in qualsiasi parte del mondo oggi insieme all'F-35 USA, il J-20 è stato consegnato per la prima volta all'Aeronautica dell'Esercito Popolare di Liberazione della Cina (PLA) nel 2016 e ha visto miglioramenti significativi al suo design da allora. Questi hanno spaziato dalle modifiche strutturali alla sua cellula all'integrazione dei motori WS-10C che gli consentono di volare in modo supersonico per periodi prolungati senza utilizzare postbruciatori, cosa che l'F-35 in particolare non può fare. Il J-20 è uno stretto contendente per il titolo di caccia aria-aria più capace del mondo, con l'F-35 essendo un design a motore singolo molto più leggero destinato principalmente a ruoli d'attacco con l'F-22, che ha visto la produzione terminata nel 2011, meno di sei anni dopo l'entrata in servizio, soffre dell'invecchiamento dell'avionica e dell'architettura dei computer e si conferma che dovrebbe iniziare il pensionamento con diversi decenni di anticipo. I funzionari dell'aeronautica americana hanno espresso un certo grado di ammirazione per le capacità del J-20, e mentre negli Stati Uniti è attualmente in fase di sviluppo un caccia per la superiorità aerea di sesta generazione probabilmente progettato pensando al J-20, e per affrontare la flotta di caccia stealth cinesi in rapido miglioramento e in rapida crescita. Con il programma Su-57 russo e FC-31 cinese che devono ancora produrre uno squadrone a piena forza in servizio attivo, il J-20 rimane l'unico sfidante di quinta generazione alla potenza aerea USA.

MiG-31BM/BSM

Tecnicamente un intercettore piuttosto che un caccia, il MiG-31 Foxhound è entrato in servizio per la prima volta nell'aeronautica sovietica nel 1981 e all'epoca ha fornito nuove capacità rivoluzionarie. Il Foxhound era due decenni avanti a qualsiasi aereo occidentale nell'integrare un radar array a scansione elettronica per il combattimento aria-aria, poteva volare e usare i suoi missili ad altitudini estreme nello spazio e poteva volare per periodi prolungati ad alte velocità supersoniche. I suoi motori rimangono i più potenti al mondo per un caccia o un intercettore diversi da quelli progettati per gli aerei stealth. Con i successori del Foxhound, il MiG-31M che la prima volta ha volato sotto l'Unione Sovietica, e l'ambizioso intercettore Mikoyan 701, entrambi cancellati dopo che il crollo sovietico e il declino economico hanno devastato il settore della difesa russo, il MiG-31 ha continuato ad essere modernizzato con le ultime varianti BM e BSM sono entrate in servizio negli anni 2010 e forniscono capacità aria-aria molto migliorate oltre il raggio visivo. Il radar Zaslon-M fornisce un grado di consapevolezza della situazione come pochi rivali, con le sue dimensioni che compensano ampiamente la maggiore sofisticatezza dei progetti stranieri rivali, mentre i nuovi missili R-37M sono ampiamente considerati i più potenti al mondo con una portata di 400 km, velocità Mach 6 e testate da 60 kg. L'altissima velocità e la capacità del MiG-31 di colpire da altitudini estreme con un massimo di sei R-37M e più missili a corto raggio lo rendono una centrale elettrica anche senza considerare le sue capacità aggiuntive di intercettazione antisatellite, missili balistici ipersonici e missili da crociera.

J-16/J-15B

Si stima che sia entrato in servizio dal 2014, il caccia J-16 è un derivato avanzato del caccia sovietico Su-27 che vanta una gamma di funzionalità avanzate non viste sulle varianti russe. Questi includono rivestimenti stealth avanzati, uso elevato di materiali compositi e accesso ai missili aria-aria PL-15 e PL-10, utilizzati anche da altri caccia PLA post-2000. Il caccia eredita e migliora l'elevata manovrabilità, l'elevata resistenza e l'eccellente velocità e altitudine del caccia Sukhoi, e integra un radar AESA e collegamenti dati avanzati montati sul casco per fornire un grado molto elevato di consapevolezza della situazione. Altri Flanker cinesi avanzati che da allora sono entrati in servizio in numero molto minore includono il J-11BG, un miglioramento del J-11B del decennio precedente che aggiunge un radar AESA, avionica migliorata e fornisce comparabilità con il PL-15 e PL-10 portando le sue capacità aria-aria a uno standard simile al J-16. Il J-15B, un derivato del caccia Sukhoi basato su una portaerei, beneficia delle stesse caratteristiche ma vanta un design della cellula più recente e motori possibilmente più potenti.

Su-35/Su-30SM

Entrato a far parte dell'aeronautica russa dal 2014, il Su-35S ha visto uno sviluppo prolungato per oltre 25 anni a causa del crollo sovietico ed è stato prodotto a un ritmo relativamente basso, con meno di 150 che si pensa siano stati costruiti finora poco più di due terzi dei quali erano per uso domestico. L'aereo è uno stretto contendente con il J-16, sebbene la sua dipendenza da missili aria-aria R-77, R-27 e R-73 molto più vecchi e capacità di guerra incentrata sulla rete lo rendano inferiore. I vantaggi che il caccia conserva includono una maggiore resistenza, una manovrabilità superiore e l'uso di tripli radar tra cui l'Irbis-E montato sul muso e i due radar AESA incorporati nelle ali. Si prevede che l’Su-35 integrerà ampiamente l'R-37M e il K-77M in futuro, il che lo renderebbe molto più potente negli impegni aria-aria a lungo raggio, con questo previsto per la seconda metà degli anni 2020 quando l’Su-35 migliorato, la variante 35SM inizierà ad entrare a far parte della flotta. Questo caccia viene esportato in Kazakistan, Myanmar, Bielorussia e Armenia.

J-10C

Il caccia leggero monomotore J-10C "generazione 4++" è attualmente uno dei caccia più prodotti al mondo, con oltre 200 caccia entrati in servizio dal 2018, quando il caccia è entrato per la prima volta nella flotta del PLA. Abbinando l'avionica alla pari con i caccia di quinta generazione con i missili PL-15 e PL-10 progettati per il J-20 e il J-16, l'aereo più piccolo opera spesso insieme ai due più pesanti con i tre che rappresentano la "nuova generazione" cinese. Il caccia si è comportato bene contro i derivati ??Flanker tra cui il Su-35 e il J-16 durante le esercitazioni e vanta un alto grado di manovrabilità e formidabili capacità di guerra elettronica. Essendo un aereo più leggero, il J-10C non può trasportare tante armi o un radar così grande e ha una portata più breve rispetto ai Flankers o al J-20, ma le sue esigenze di manutenzione e i costi operativi inferiori significano che può essere schierato in numero maggiore e in più essere facilmente mantenuto ad alti livelli di prontezza al combattimento. È probabile che il caccia venga ampiamente esportato e, insieme a derivati futuri più avanzati, potrebbe essere ancora prodotto in gran numero.

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai