Hong Kong. Perché è buona notizia la rimozione del monumento per il "massacro di Piazza Tienanmen"

Hong Kong. Perché è buona notizia la rimozione del monumento per il "massacro di Piazza Tienanmen"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Sul piano estetico, prima di tutto: vero orrore, questo monumento orribile è stato rimosso dal momento che deturpava il paesaggio.

Dal punto di vista politico, la demolizione di questa merda eretta alla gloria dei rivoltosi formati dalla CIA è stato un atto di giustizia.

Perché il "massacro di Tiananmen" è comunque un capolavoro che rimarrà negli annali dell'affabulazione propagandistica.

Nella narrazione menzognera corrente in Occidente, si noterà una serie impressionante distorsioni rispetto alla realtà.

  1. La composizione del movimento protestatario non era monolitica.

È stato presentato dai media occidentali come un movimento che esortava il partito comunista a dimettersi e chiede l’instaurazione di una “democrazia liberale”. Non è vero. L'attenta indagine pubblicata dal sito Mango Press il 4 giugno 2021 sottolinea che il movimento non comprendeva solo gli studenti, "il gruppo più rumoroso", ma anche "molti operai di fabbrica, lavoratori migranti e rurali della zona di Pechino che hanno partecipato all'azione, ogni gruppo con un orientamento politico diverso. Alcuni manifestanti erano marxisti-leninisti, altri maoisti puri e duri, altri liberali”.

  1. Il coinvolgimento dei servizi segreti occidentali è dimostrato.

«Non è una cospirazione oscura del governo cinese, ma un fatto confermato: un'operazione congiunta MI6-CIA conosciuta come Operazione Yellowbird è stata lanciata per formare fazioni «pro-democrazia» nelle università cinesi. Sul campo, le Triadi sono state inviate da Hong Kong per addestrare gli studenti alla guerriglia, armandoli con pali di ferro e insegnando loro le tattiche di insurrezione. L'obiettivo finale dell'operazione Yellowbird era quello di estrapolare gli individui di grande valore dal movimento di protesta, ed è riuscita a estrarne oltre 400».

  1. La principale portavoce del movimento, Chai Ling, intendeva provocare un bagno di sangue.

Le sue dichiarazioni sono eloquenti. Come ripercorre il documentario americano "The Gate of Heavenly Peace", Chai Ling è stato intervistato da Peter Cunningham il 28 maggio 1989. Ecco le sue parole: «Tutto il tempo l'ho tenuto per me perché essendo cinese pensavo di non dover parlare male dei cinesi. Ma a volte non posso fare a meno di pensare - e potrei anche dirlo - voi cinesi non valete la mia battaglia, non valete il mio sacrificio! Ciò che speriamo davvero è uno spargimento di sangue, quando il governo sarà pronto a massacrare sfacciatamente il popolo. Solo quando la piazza sarà inondata di sangue il popolo cinese aprirà gli occhi. Solo allora sarà davvero unito. Ma come si può spiegare tutto questo ai miei compagni? » Colei che voleva il suo popolo al martirio, nondimeno optò per l'estradizione negli Stati Uniti via Hong Kong.

  1. Il modo in cui le autorità cinesi hanno ristabilito l'ordine dimostra che hanno cercato di evitare lo scontro.

Contrariamente alla versione occidentale, le forze di sicurezza hanno dato prova di grande moderazione fino all'inizio della rivolta. Dal 16 aprile al 20 maggio, le manifestazioni hanno potuto proseguire senza problemi. Il 20 maggio viene dichiarata la legge marziale e i manifestanti ricevono l'ordine di tornare a casa attraverso i giornali e gli altoparlanti. Alcune unità militari tentano di entrare a Pechino, ma i manifestanti vengono repressi nelle zone di ingresso. Il 2 giugno l'esercito fece il suo primo tentativo di evacuazione da piazza Tiananmen senza usare la forza. Le truppe dell'Esercito Popolare di Liberazione inviate sul posto dispongono di rudimentali attrezzature antisommossa, un soldato su dieci armato di un fucile d'assalto.

  1. L'aggressione alle forze di sicurezza da parte dei rivolti provocò le prime violenze.

Risalendo verso ovest per Chang'an Avenue, il 2 giugno, le truppe furono attaccate dalla folla. Alcuni soldati erano disarmati, altri molestati dai rivoltosi. I militari finiscono per farsi strada fino a Piazza Tiananmen, dove soldati disarmati persuadono gli studenti a lasciare l'edificio. Ma nella notte tra il 2 e il 3 giugno scoppiano violenze nei vicoli e lungo Chang'an Avenue. I rivolti che hanno confiscato le loro armi ai soldati passano all'attacco. Decine di veicoli blindati vengono incendiati con bottiglie Molotov e molti militari disarmati vengono catturati.

  1. La rivolta diventò un massacro molto prima dell'intervento muscolare dell'Esercito cinese.

I soldati catturati nel trasporto di truppe venivano linciati o bruciati vivi. Il 3 giugno il bilancio ammonta già a 15 militari e quattro manifestanti uccisi. Il governo ordina allora all'Esercito Popolare di Liberazione di riprendere il controllo dei vicoli. Nella notte tra il 3 e il 4 giugno, i militari entrano in massa nella città e reprimono la rivolta. I combattimenti infuriano nei vicoli adiacenti, ma non ci sono incidenti in piazza Tiananmen.

  1. Il numero delle vittime è stato gonfiato a dismisura dai media stranieri.

È stimato dal governo a 300 persone: soldati, poliziotti e rivoltosi. Un bilancio che il mondo occidentale definisce subito menzogna, e i suoi media parlano da 1.000 a 3.000, poi infine 10.000 vittime.

  1. L'immagine dell'uomo che ferma la colonna di carri armati si basa su un non evento.

Questa foto fa il giro del mondo: illustra il coraggio di un uomo solo, in piedi davanti a dei carri armati che simboleggiano la brutalità della repressione. Ma nel video completo si vede la colonna di carri armati fermarsi per non passare sul corpo. L'uomo si arrampica quindi sul primo blindato. Mentre tiene le borse della spesa, parla con l'equipaggio per alcuni secondi. Poi scende tranquillamente dal blindato e viene portato via dai suoi amici che lo hanno raggiunto. I carri armati continuano per la loro strada. Questo è tutto. Il genio propagandista produrrà un simbolo planetario con un non evento.

Come sottolinea l'articolo di Mango Press, "se dobbiamo credere che una colonna di carri armati si fermi per un solo uomo dopo averne assassinato 10.000, quali bugie ancora più ridicole scriverà l'Occidente sulla Cina? In piazza Tiananmen, il 4 giugno 1989, non ci sono stati massacri. Ci sono stati violenti combattimenti nelle strade laterali tra elementi armati controrivoluzionari, polizia e esercito.

Il numero di morti per l'intero evento è stato di 241 in totale, soldati, poliziotti e rivoltosi. A seguito della violenza, non ci sono state esecuzioni. Wang Dan, leader della protesta e istigatore alla violenza, che non riuscì a fuggire in occidente e fu arrestato. L'uomo ha avuto solo sei anni di carcere. Ora vive liberamente nel meraviglioso mondo del capitalismo occidentale.

Il vero motivo per cui l'Occidente è costretto a mentire sugli eventi di questa giornata è per salvare la faccia. Hanno cercato di rovesciare il governo sovrano della Cina con la violenza fascista e il loro tentativo di colpo di Stato è stato schiacciato”.

Bruno Guigue

Bruno Guigue

Ex funzionario del Ministero degli Interni francese, analista politico, cronista di politica internazionale; Docente di Relazioni internazionali e Filosofia. Fra le sue pubblicazioni, segnaliamo: Aux origines du conflit israélo-arabe: l'invisible remords de l'Occident, 1999; Faut-il brûler Lénine ?, 2001; Économie solidaire: alternative ou palliatif ?, 2002; Les raisons de l'esclavage, 2002; Proche-Orient: la guerre des mots, 2003; Chroniques de l'impérialisme, 2017. Philosophie politique, 2021, un percorso critico, in 354 pagine, della filosofia politica occidentale, da Platone a Badiou passando per gli immancabili Machiavelli, Spinoza, Rousseau, Hegel e Marx. Il suo ultimo libro si intitola Communisme, Editions Delga. 

 

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente   di Bruno Guigue La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno di Gilberto Trombetta Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria di Michelangelo Severgnini Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

La nuova forma di psicologia del mondo digitale di Damiano Mazzotti La nuova forma di psicologia del mondo digitale

La nuova forma di psicologia del mondo digitale

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti