La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Articolo pubblicato originariamente su Le Grande Soir

Tra le analisi che si occupano dei rapporti tra Russia e Occidente, un'interpretazione frequente consiste nell'affermare che la micidiale inesorabilità della NATO contro la Russia è soprattutto un deplorevole errore di calcolo. In una parola, avrebbe avuto l'effetto perverso di spingere questo grande Paese verso il suo spazio asiatico ed estremo-orientale, anche se non chiedeva di meglio, dopo la caduta dell'URSS, che cooperare con l'Occidente.

In altre parole, la Russia aveva l'ardente desiderio di unirsi al concerto delle nazioni europee, ed è stata la miope politica dell'Occidente a impedirglielo, con suo grande dispiacere, tanto potente era la corrente filoccidentale che aveva ha invaso il paese dal regime change nel 1991. Ma non è tutto. I fautori di questa analisi in genere credono, con malcelato dispetto, che questo errore strategico abbia privato l'Occidente di un alleato importante di fronte all'inesorabile ascesa di una potenza cinese più minacciosa che mai.

Non condivido questa visione delle cose, e per due ragioni.

In primo luogo, perché la Russia di Vladimir Putin non si è mai fatta illusioni sulla capacità degli occidentali di tollerare un altro polo di potere, concorrente del loro, suscettibile di pesare minimamente nello spazio europeo. Che Mosca abbia mostrato una pazienza interminabile di fronte alle ripetute violazioni da parte dell'Occidente degli impegni presi con Mikhail Gorbaciov nel 1991 non significa che i vertici russi, dall'ascesa al potere di Vladimir Putin, abbiano nutrito la minima speranza di veder riconosciuta la Russia e rispettato dai suoi "partner".

Da questo punto di vista, l'incredibile decadenza del bombardamento della Serbia sotto falsi pretesti umanitari, nel 1999, ha avuto sufficienti virtù pedagogiche. Smascherando di sfuggita liberali e altri più schietti filoccidentali, ha presto convinto la stragrande maggioranza dei russi della vera natura della "partnership" con l'Occidente. Perché questa aggressione illegale ha dimostrato che un paese europeo poteva subire dalla Nato la stessa violenza che la superpotenza americana, nell'atmosfera apocalittica del “momento unipolare”, infliggeva senza remore alle nazioni sovrane del Medio Oriente.

La seconda ragione per cui la suddetta visione dei rapporti russo-occidentali mi sembra sbagliata strada è che si basa su questa montagna di pregiudizi sulla Cina che la descrivono come "conquistatrice", "dominatrice", "espansionista” per non dire "imperialista". Tuttavia, nessuna di queste qualificazioni si applica seriamente a questo paese. Come mostra la sua storia più antica, almeno a chi la conosce, e come dimostra ogni giorno il suo inserimento pacifico in un mondo globalizzato, la Cina non ha ambizioni imperialiste. Non cerca di ridipingere il mondo con i colori cinesi, ma di sviluppare la sua economia facendo affari con coloro che lo trovano anche vantaggioso. A differenza di Washington, Pechino non interferisce negli affari interni di altri paesi.

In contrasto con l'autoillusione occidentale sulla natura stessa del potere cinese, è sorprendente notare la comprensione da parte della Russia di questa profonda realtà geopolitica. Per la vicinanza geografica e per una ponderata esperienza del passato, sa bene che il colosso cinese si preoccupa soprattutto del suo sviluppo economico e della sua espansione commerciale, e che tali preoccupazioni non lo spingono particolarmente a voler imporre il proprio agenda ai suoi innumerevoli partner, tanto meno usare la forza armata per convertire il resto del mondo. Russia e Cina non sono solo complementari economicamente. Condividono la visione di un mondo multipolare in cui coloro che pensavano di essere i padroni del mondo avranno difficoltà.

Gli occidentali dovranno prendere una decisione: in realtà la Russia non ha mai avuto e non avrà mai l'opportunità di fornire a un Occidente di cui sembra condividere i sacrosanti valori, una sorta di scudo o zona cuscinetto tra il mondo apparentemente libero e la nascente potenza asiatica. Le scommesse sono diminuite, e lo sono state da molto tempo: Russia e Cina sono partner affidabili perché sanno quello che vogliono, e si dà il caso che vogliano più o meno la stessa cosa. A questo proposito, gli europei, e i francesi in primis, farebbero bene a raccogliere la fiaccola dal generale De Gaulle che, nel 1964, seppe riconoscere la Repubblica popolare cinese, poi si recò a Mosca nel 1966, gettare un granello di sabbia nella ben oliata macchina della guerra fredda e dello scontro dei blocchi.

Bruno Guigue

Bruno Guigue

Ex funzionario del Ministero degli Interni francese, analista politico, cronista di politica internazionale; Docente di Relazioni internazionali e Filosofia. Fra le sue pubblicazioni, segnaliamo: Aux origines du conflit israélo-arabe: l'invisible remords de l'Occident, 1999; Faut-il brûler Lénine ?, 2001; Économie solidaire: alternative ou palliatif ?, 2002; Les raisons de l'esclavage, 2002; Proche-Orient: la guerre des mots, 2003; Chroniques de l'impérialisme, 2017. Philosophie politique, 2021, un percorso critico, in 354 pagine, della filosofia politica occidentale, da Platone a Badiou passando per gli immancabili Machiavelli, Spinoza, Rousseau, Hegel e Marx. Il suo ultimo libro si intitola Communisme, Editions Delga. 

 

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente