Guido Salerno Aletta: "Perché colpire il Psi? Il 1992 è l'anno chiave della fine dello stato imprenditore italiano"

Guido Salerno Aletta: "Perché colpire il Psi? Il 1992 è l'anno chiave della fine dello stato imprenditore italiano"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Guido Salerno Aletta*

 

Perché colpire il Psi?
 
Perché colpire Craxi?
 
Quale scambio di potere salvò il Pci?
 
Già... nel '92 si gioca una partita tra due polarità:
 
una a guida socialista italiana, mette attorno a sé i movimenti moderati dei paesi ex comunisti, coinvolge il méditerraneo per uno sviluppo indipendente dagli Usa;
 
l'altra è a guida tedesca, pilotata dalla CDU, che decide all'opposto di riprendere la solita politica di aggregazione ad est, sotto la protezione degli Usa.
 
La lira italiana andava messa fuori gioco, la industria di Stato pure, la DC che ne era il motore andava distrutta.
 
Mitterand non avrebbe mai permesso all'Italia di guidare il processo di aggregazione, e rimase schiacciato dalla Bundesbank che salvò solo il franco, mandando a fondo la lira.
 
Il franco fu l'unica moneta a non svalutare... a beneficio della industria tedesca: troppo tardi capi il tranello, e si vendico' togliendo il marco alla Germania. Tutta contenta, perché fotteva per sempre l'Italia.
 
Gli Inglesi erano arrabbiati con Andreotti, per il suo colpo gobbo del 1990 quando a Roma cambiò le carte in tavola, sostituendo la Moneta comune con la Moneta Unica.
 
Margaret Thatcher voleva un Hard Euro, mettendo in competizione la sterlina con il marco. L'euro infatti avrebbe stroncato la sterlina, cui la GB non avrebbe mai potuto rinunciare...
 
Gioco' il ruolo filotedesco di Carli, che pilotava le trattative per il Trattato di Maastricht, con cui finalmente si affondava il sistema dello Stato imprenditore.

 

*Editorialista di Milano Finanza. Post Facebook del 8 maggio 2022

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti