Guerra a Gaza, raffica di dimissioni di ufficiali dell’esercito israeliano

Guerra a Gaza, raffica di dimissioni di ufficiali dell’esercito israeliano

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Un gran numero di ufficiali dell’esercito israeliano, compreso il portavoce, Daniel Hagari, si sono dimessi a causa della forte divisione interna sulla guerra a Gaza.

Come riportato dall’emittente israeliana Channel 14, diversi ufficiali militari dell'esercito israeliano, guidato dal contrammiraglio Daniel Hagari, si sono dimessi dal loro incarico. Una situazione che, secondo uno stato di disordine nella divisione di intelligence militare di Israele, secondo  la rivista online The Cradle sul tuo account del social network X.

Le dimissioni di massa sono dovute alla protesta degli ufficiali contro la gestione degli affari operativi e personali.

L’annuncio arriva mentre il divario esplosivo tra governo ed esercito è cresciuto dallo scorso ottobre a causa della sanguinosa offensiva militare contro Gaza che finora ha causato la morte di oltre 30.400 civili.

Le divisioni e i disaccordi tra l’esercito e il gabinetto del primo ministro Benjamin Netanyahu sono aumentati da quando Tel Aviv ha lanciato un’incursione di terra nella Striscia di Gaza alla fine di ottobre.

Nonostante il rifiuto globale di un’offensiva su larga scala contro la città di Rafah, all’estremità meridionale della Striscia, dove si rifugiano più di 1,5 milioni di sfollati, Netanyahu insiste che l’offensiva non si fermerà finché non sarà “sconfitta” la Resistenza palestinese, ovvero HAMAS.

Tuttavia, strateghi militari e analisi politici ritengono che la cessazione dell'operazione nella Striscia potrebbe finire per seppellire il futuro politico di Netanyahu senza risultati come l'“eliminazione di Hamas” o il rilascio dei prigionieri israeliani.

L'elevato numero di vittime dell'esercito israeliano sul campo di battaglia e la mancanza di determinazione da parte del governo di Netanyahu nel riportare a casa gli israeliani prigionieri a Gaza hanno intensificato le divisioni tra la leadership politica e militare di Israele.

 

-----

LA CONOSCENZA E' L'ANTIDOTO PIU' POTENTE PER FERMARE IL GENOCIDIO DI GAZA.



3 LIBRI PER COMPRENDERE E REAGIRE: VAI ALLA PROMO

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti