"Guasto tecnico"?: Un drone israeliano si schianta in Siria

"Guasto tecnico"?: Un drone israeliano si schianta in Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Un drone militare israeliano si è schiantato sabato scorso in Siria, apparentemente a causa di un guasto tecnico, hanno confermato le forze armate del regime israeliano.

Fonti legate alle forze israeliane, che hanno parlato a condizione di anonimato, non hanno fornito ulteriori dettagli sul luogo esatto in cui è avvenuto l'incidente, né hanno menzionato il modello del drone distrutto, secondo quanto riportato ieri dal quotidiano israeliano Yediot Aharonot.

L'esercito israeliano sta indagando sulle circostanze dell'evento, secondo il rapporto, che ha anche indicato che non c'era paura di fughe di informazioni dal dispositivo.

Non è ancora noto se il drone israeliano sia caduto a causa di un difetto tecnico o sia stato abbattuto dalle unità di difesa aerea dell'esercito siriano come accaduto in altre occasioni.

Di tanto in tanto, droni spia e aerei militari israeliani effettuano operazioni di ricognizione sul Mediterraneo orientale, cercando di identificare obiettivi per i loro prossimi attacchi nel paese arabo.

Tuttavia, la difesa aerea siriana sta rispondendo con maggiore efficacia nel suo spazio aereo. Il 25 luglio, le unità di difesa aerea siriana hanno intercettato e distrutto due missili guidati israeliani alla periferia di Damasco.

Non si esclude del tutto, quindi, che la difesa aerea siriana abbia avuto un altro successo.

Dallo scoppio del conflitto in Siria nel 2011, Israele ha più volte attaccato obiettivi militari o civili nel Paese levantino per fermare la rapida avanzata dell'esercito siriano verso i covi dei terroristi; tuttavia, nella maggior parte dei casi, le unità di difesa aerea della Siria hanno sventato queste offensive.

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra