Global Times - Le contromisure cinesi in risposta alla visita di Pelosi a Taiwan non saranno una tantum

Global Times - Le contromisure cinesi in risposta alla visita di Pelosi a Taiwan non saranno una tantum

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Global Times

Martedì sera, la presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi è atterrata di soppiatto nell'isola cinese di Taiwan, facendo esplodere la mina che ha gettato sulla situazione nello Stretto di Taiwan e sui legami tra Cina e Stati Uniti. La Cina ha ripetutamente messo in guardia su quanto fosse grave la natura della visita e quanto gravi potessero essere le conseguenze. Ma Pelosi è rimasta sorda, né Washington ha preso misure efficaci per fermarla, il che ha innescato un nuovo ciclo di tensioni e gravi sfide attraverso gli stretti. 

Questa volta, il mondo intero ha visto chiaramente chi sta cambiando lo status quo nello Stretto di Taiwan, chi ha provocato per primo e chi sta minando la pace e la stabilità nello Stretto. È una grande ironia che questi tre punti siano stati esattamente il bersaglio degli attacchi alla Cina da parte delle opinioni pubbliche statunitensi e occidentali per qualche tempo. Le autorità del Partito Democratico Progressista (DPP) di Taiwan hanno colto l'occasione per fare la "vittima" e giocare la carta della pietà. All'improvviso, l'opinione pubblica internazionale su Taiwan si è trovata in preda al pandemonio.

Ma di fronte alla visita della Pelosi a Taiwan, la retorica degli Stati Uniti di chiamare il nero bianco, la loro mentalità egemonica e la logica da gangster, così come l'essenza delle mosse delle autorità del DPP di "fare affidamento sul sostegno degli Stati Uniti per il loro programma di indipendenza", emergono con chiarezza. Le false controdeduzioni del Segretario di Stato USA Antony Blinken non sono riuscite a convincere nemmeno gli alleati e i partner statunitensi, né a spiegare il comportamento degli Stati Uniti. L'ex primo ministro australiano Paul Keating, il primo ministro di Singapore Lee Hsien Loong e altri hanno espresso preoccupazione per un possibile conflitto tra Cina e Stati Uniti, il che non è certo un'approvazione del comportamento di Pelosi. Le autorità del DPP, che di solito hanno un forte desiderio di mettersi in mostra, questa volta sono state insolitamente poco incisive prima della visita, il che dimostra la loro diffidenza. 

Le stupide, sconsiderate e pericolose azioni provocatorie della Pelosi hanno saldato l'intera responsabilità di minare la pace e la stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan agli Stati Uniti e alle autorità del DPP. Si tratta di una nuova escalation della collusione tra gli Stati Uniti e l'isola di Taiwan, di un cambiamento grave e distruttivo dello status quo nello Stretto di Taiwan e di un tradimento del serio impegno politico degli Stati Uniti nei confronti della Cina. Oltre a violare il principio di una sola Cina e i tre comunicati tra Cina e Stati Uniti, la visita viola anche la risoluzione 2758 delle Nazioni Unite. Alcuni politici statunitensi usano la cosiddetta separazione dei poteri come pretesto per cercare di sottrarsi alle responsabilità. La loro argomentazione non regge affatto.

Qualsiasi Paese sovrano indipendente non permetterà mai che forze esterne di interferenza e forze interne separatiste cospirino insieme per minare la propria sovranità, sicurezza e integrità territoriale, tanto meno un grande Paese come la Cina. Per difendere gli interessi fondamentali della Cina, qualsiasi contromisura adottata da quest'ultima è legittima e necessaria ed esercita i diritti di un Paese sovrano. In realtà, rispetto alle forme, l'effetto delle contromisure è più importante. 

Innanzitutto, il grande rischio creato da Pelosi deve ritorcersi contro di lei. In altre parole, dovremmo creare il rischio che la visita di Pelosi a Taiwan aumenti significativamente il costo della sua performance politica e aumenti il prezzo che deve pagare. Dobbiamo far capire a persone come Pelosi che Taiwan non è un luogo che possono visitare a piacimento". La rotta dell'aereo che Pelosi ha preso martedì mostra che il velivolo ha girato sopra il Mar Cinese Meridionale, nel timore evidente che la PLA conducesse esercitazioni di fuoco vivo nelle acque interessate. Le azioni di deterrenza militare della Cina hanno fatto percepire a Pelosi il pericolo.

In secondo luogo, le contromisure della Cina non saranno una tantum, ma una combinazione di azioni a lungo termine, risolute e in costante progresso. Proprio mentre Pelosi si stava recando a Taiwan, l'aeronautica militare del PLA ha inviato i suoi caccia Su-35 ad attraversare lo Stretto di Taiwan. Il Comando del Teatro Orientale del PLA terrà operazioni militari congiunte intorno all'isola di Taiwan con esercitazioni marittime e aeree congiunte a nord, sud-ovest e sud-est dell'isola, tiri di artiglieria a lungo raggio nello Stretto di Taiwan e test di missili convenzionali nelle regioni marine a est dell'isola a partire da martedì sera. Il PLA condurrà anche importanti esercitazioni militari e attività di addestramento, tra cui esercitazioni con fuoco vivo intorno all'isola di Taiwan, da giovedì a domenica.

Dalla rottura de facto della "linea mediana" dello Stretto di Taiwan, ai regolari pattugliamenti della PLA nello "spazio aereo" sud-occidentale di Taiwan e ai voli a tutto tondo intorno all'isola, fino alla chiara sottolineatura che lo Stretto di Taiwan non è un mare internazionale, ogni provocazione da parte degli Stati Uniti e di Taiwan negli ultimi anni è stata contrastata dall'ulteriore rafforzamento del controllo effettivo della Cina continentale sullo Stretto. Questa volta non farà eccezione.

In terzo luogo, le contromisure della Cina mirano fondamentalmente a promuovere il processo di riunificazione nazionale. Il tempo e lo slancio per raggiungere la riunificazione della madrepatria sono sempre saldamente nelle nostre mani. Indipendentemente dalla forma che assumono per sostenere Taiwan e contenere la terraferma, forze come Pelosi non possono cambiare il fatto storico e legale che Taiwan appartiene alla Cina, né possono ostacolare la tendenza della Cina a realizzare la piena riunificazione. Va notato che ogni passo che le forze esterne, come gli Stati Uniti, e le autorità del DPP compiono per migliorare le loro collusioni e provocazioni, più velocemente la Cina realizzerà la piena riunificazione.

Come un "dio politico della peste", Pelosi non ha fatto nulla di buono per la regione, se non portare rischi e tensioni a Taiwan. Alcuni media di Taiwan hanno rivelato che le autorità del DPP hanno segretamente ritirato l'invito a Pelosi, ma hanno dovuto continuare a organizzare il ricevimento sotto la censura del politico statunitense. Questa notizia è alquanto intrigante, in quanto dimostra in modo vivido la bassa e losca mentalità delle autorità del DPP e l'atteggiamento perentorio ed egoista della Pelosi nei confronti di Taiwan. È un vero e proprio microcosmo delle relazioni tra gli Stati Uniti e Taiwan. È anche una vergogna e un dolore a cui la riunificazione delle due sponde dello Stretto di Taiwan porrà fine.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa di Pasquale Cicalese 30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli