Global Times - La dichiarazione congiunta di UE e NATO "riflette pregiudizi e arroganza nei confronti della Cina"

Global Times - La dichiarazione congiunta di UE e NATO "riflette pregiudizi e arroganza nei confronti della Cina"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Global Times

L'Unione Europea (UE) e la NATO hanno firmato martedì una dichiarazione congiunta che affronta specificamente le cosiddette "sfide della Cina". La dichiarazione rivela la parzialità e l'arroganza dell'UE e della NATO nei confronti della percezione della Cina, a cui la Cina si oppone fermamente, ha dichiarato lo stesso giorno un portavoce della missione cinese presso l'UE.

La Cina si oppone fermamente alle accuse irragionevoli e alla mentalità da guerra fredda contro la Cina contenute nella dichiarazione congiunta, ha dichiarato il portavoce cinese. 

Attualmente, il mondo sta affrontando molte sfide serie ed è giusto mettere da parte le ossessioni geopolitiche e ideologiche e lavorare insieme per affrontarle. Ci auguriamo che la NATO e l'UE abbandonino la mentalità da Guerra Fredda, basino le loro opinioni sui fatti, guardino allo sviluppo della Cina in modo razionale e obiettivo e facciano di più per contribuire alla pace e alla stabilità regionale e mondiale", ha dichiarato il portavoce. 

Le due organizzazioni hanno dichiarato di voler portare la loro partnership "a un nuovo livello", secondo la dichiarazione, che riflette l'ennesima pericolosa escalation del pensiero del confronto tra blocchi nella NATO e nell'UE, hanno dichiarato gli esperti cinesi al Global Times.

Oltre a menzionare la sfida della Cina, la dichiarazione congiunta fa diversi riferimenti alla minaccia della Russia alla sicurezza regionale e alla determinazione della NATO e dell'UE a contrastarla. Tuttavia, gli osservatori la considerano più un messaggio politico che un'indicazione di un'azione immediata.

Quella di martedì è la terza dichiarazione congiunta tra le due parti dopo quelle del 2016 e del 2018. Questa dichiarazione è più politica di quelle precedenti, ha dichiarato un funzionario europeo citato dall'agenzia di stampa francese AFP.

Nella dichiarazione, la NATO e l'UE si sono impegnate a "mobilitare ulteriormente l'insieme degli strumenti a loro disposizione, siano essi politici, economici o militari", per perseguire obiettivi comuni.

Attualmente, l'europeizzazione della NATO, o la NATO-izzazione dell'Europa, è diventata una tendenza importante. Tuttavia, il significato dell'ultima dichiarazione congiunta è principalmente quello di unificare ulteriormente le loro posizioni e non indica mosse pratiche nel prossimo futuro, hanno dichiarato gli esperti al Global Times.

Dallo scoppio del conflitto tra Russia e Ucraina, l'influenza della NATO in Europa si è notevolmente rafforzata, ha dichiarato mercoledì al Global Times Zhang Hong, ricercatore associato presso l'Istituto di studi sulla Russia, l'Europa orientale e l'Asia centrale dell'Accademia cinese delle scienze sociali. 

Con il conflitto tra Russia e Ucraina in una situazione di stallo, l'Occidente sembra voler rafforzare l'influenza della NATO in Europa con l'adozione di una dichiarazione congiunta che di fatto immobilizzerebbe le relazioni tra NATO e UE.

Cui Heng, assistente di ricerca presso il Centro di Studi Russi dell'Università Normale della Cina Orientale, ha dichiarato al Global Times che la NATO, in quanto blocco militare rimasto dalla Guerra Fredda, ha sempre avuto un atteggiamento chiaro nei confronti della Russia e della Cina. 

"Tuttavia, con la recente visita del cancelliere tedesco Olaf Scholz in Cina e la possibile visita del presidente francese Emmanuel Macron, la NATO è preoccupata per il cambiamento di atteggiamento dell'UE e spera quindi di regolare il comportamento dell'UE attraverso questa dichiarazione congiunta", ha affermato. 

La dichiarazione riflette chiaramente l'escalation del pensiero conflittuale in Occidente. In Europa e negli Stati Uniti, le forze conservatrici ritengono che Cina e Russia siano "già alleate", il che costituisce la base per un ulteriore rafforzamento del loro blocco, secondo gli studiosi. 

"Questa non è certamente una buona notizia per la sicurezza globale, poiché la NATO sta cercando di mantenere il 'retaggio' della Guerra Fredda e sta cercando di intensificare la tendenza tossica", ha detto Cui. 

Tuttavia, si ritiene che la dichiarazione congiunta sia principalmente un messaggio politico e che il suo impatto pratico a breve termine sia più limitato, secondo gli osservatori. Un'escalation del genere potrebbe minare ulteriormente la sicurezza dell'Europa e persino avere un impatto negativo sull'influenza globale dell'Europa.

Sullo sfondo di una situazione regionale tesa, anche se la dichiarazione contribuirà in un certo senso a rafforzare la fiducia diplomatica dell'Occidente, l'influenza internazionale nella politica globale che l'Europa ha accumulato in passato diminuirà gradualmente man mano che rinuncerà alla sua autonomia diplomatica, ha detto Zhang.

Mentre la NATO e l'UE stanno cercando di costruire un modello di confronto tra blocchi e vogliono che la Cina cada nella trappola seguendo questa linea di pensiero, la Cina riconosce chiaramente che la Cina e l'Europa hanno buone prospettive di cooperazione piuttosto che concentrarsi sul confronto, ha detto Cui.

Martedì, l'ambasciatore cinese presso l'UE Fu Cong ha incontrato per la prima volta a Bruxelles il vice segretario generale della NATO Mircea Geoana. 

La NATO, in quanto importante organizzazione di alleanza militare, dovrebbe attenersi rigorosamente all'ambito geografico stabilito, stabilire una percezione razionale e corretta della Cina e svolgere un ruolo costruttivo per la pace e la sicurezza regionale e globale, ha dichiarato Fu durante l'incontro. La Cina è aperta al dialogo e allo scambio con la NATO ed è disposta a lavorare insieme per promuovere uno sviluppo sano e stabile delle relazioni tra le due parti. 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

 
 

 

 

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti