Global Times - La Cina avverte la NATO di non destabilizzare l'Asia-Pacifico

Global Times - La Cina avverte la NATO di non destabilizzare l'Asia-Pacifico

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Yang Sheng e Fan Anqi - Global Times

Il comunicato del vertice NATO diramato martedì menziona la Cina molto più delle precedenti dichiarazioni finali di questo tipo di summit e ha accusa le relazioni Cina-Russia di sfidare il cosiddetto ordine basato sulle regole, che mostra un maggiore livello di ostilità nei confronti della Cina, hanno affermato gli analisti cinesi. 

Il messaggio inviato dal comunicato viene criticato dagli analisti, i quali avvertono che la Cina deve essere preparata per una maggiore presenza della NATO in Asia, e affermano che anche le divergenze interne all'alleanza guidata dagli Stati Uniti aumenteranno se continuerà la sua incauta espansione nel resto del mondo mentre i problemi di sicurezza esistenti in Europa sono già gravi. 

La Cina si oppone fermamente all'"espansione verso est" della NATO nella regione dell'Asia-Pacifico, ha affermato martedì la Missione cinese presso l'Unione Europea (UE) alla luce del comunicato congiunto rilasciato all'inizio della giornata dai leader dei membri della NATO dopo il loro vertice che descrive la Cina come una "sfida sistemica". 

Il comunicato della NATO di quest'anno afferma che "le ambizioni dichiarate e le politiche coercitive della Cina sfidano i nostri interessi, la nostra sicurezza e i nostri valori", ma dice anche “restiamo aperti a un impegno costruttivo con la RPC". 

Cui Hongjian, direttore del Dipartimento di studi europei presso il China Institute of International Studies, ha dichiarato mercoledì al Global Times che rispetto al vertice di Madrid del 2022, che ha menzionato la Cina solo in una frase della sua dichiarazione, il comunicato di Vilnius ha menzionato la Cina con maggiore frequenza. Presenta un'immagine della Cina che "minaccia" in modo completo la NATO nei settori della politica, della sicurezza, della scienza e della tecnologia, nonché del commercio e dell'economia. 

La missione cinese respinge con forza le dichiarazioni della NATO, affermando che il comunicato è pieno di retorica ripetitiva che riecheggia una mentalità da guerra fredda e un pregiudizio ideologico. Ignora i fatti fondamentali e distorce deliberatamente la posizione e le politiche della Cina, offuscando l'immagine della Cina. In quanto prodotto della Guerra Fredda, la NATO ha un pessimo track record nella storia. Sullo sfondo del deterioramento del panorama della sicurezza internazionale, invece di riflettere sulle proprie responsabilità, la NATO, in quanto blocco militare regionale, ha lanciato accuse infondate, intromettendosi negli affari oltre i suoi confini e creando scontri. Questo mostra pienamente l'ipocrisia della NATO e la sua ambizione di cercare l'espansione e l'egemonia, ha affermato la missione cinese.

L'avvertimento della Cina

La dichiarazione della missione ricorda che la Cina salvaguarderà fermamente i suoi interessi di sovranità, sicurezza e sviluppo e si opporrà irrevocabilmente al movimento verso est della NATO nella regione dell'Asia-Pacifico, e che qualsiasi azione che metta a repentaglio i diritti e gli interessi legittimi della Cina sarà accolta con una risposta risoluta.

In risposta alla dichiarazione del vertice della NATO che accusa le relazioni Cina-Russia di minare l'"ordine internazionale basato su regole", il ministero degli Esteri cinese ha affermato mercoledì che le relazioni Cina-Russia si basano sui principi di non allineamento, non confronto e non prendendo di mira terze parti.

Wang Wenbin, portavoce del Ministero degli Affari Esteri, ha dichiarato mercoledì in una conferenza stampa di routine: "Esortiamo la NATO a porre fine alle accuse infondate e alle osservazioni provocatorie contro la Cina" e che dovrebbe "rinunciare all'approccio sbagliato di cercare la sicurezza assoluta, smetterla di rovinare l'Europa e smetterla di cercare di destabilizzare l'Asia-Pacifico e il resto del mondo".

Li Haidong, professore presso la China Foreign Affairs University, ha dichiarato mercoledì al Global Times che le relazioni della NATO con la Cina saranno determinate dallo stato delle relazioni Cina-USA perché l'alleanza è guidata e profondamente controllata da Washington. In futuro, la Cina deve essere preparata per una maggiore presenza della NATO in Asia ed essere preparata per le potenziali minacce che l'alleanza guidata dagli Stati Uniti pone agli interessi nazionali e alla sovranità della Cina.

Tuttavia, il tentativo degli Stati Uniti di costringere i suoi alleati europei a condividere l'onere di affrontare la Cina nell'Asia-Pacifico ha ricevuto una forte opposizione da parte delle maggiori potenze dell'UE come la Francia. L'ultima prova è che la NATO ha rimosso dal comunicato congiunto un piano per istituire un ufficio di collegamento in Giappone, secondo il media giapponese Nikkei Asia.

Una frase in cui si osservava che la NATO avrebbe continuato le discussioni con il governo giapponese per l'apertura di un ufficio di collegamento a Tokyo era sopravvissuta a diversi round di discussioni, ma è stata cancellata nell'ultimo round di colloqui, ha detto una fonte a Nikkei Asia.

Più Washington spinge i suoi alleati ad espandersi nell'Asia-Pacifico, più emergeranno divergenze all'interno dell'alleanza, hanno affermato gli analisti cinesi.

Paesi europei come la Francia preferiscono perseguire le proprie strategie nell'Asia-Pacifico piuttosto che seguire ciecamente le istruzioni degli Stati Uniti, e considerano una presenza militare della NATO nell'Asia-Pacifico come un'invasione delle proprie strategie e una compromissione dell'autonomia strategica dell'Europa, poiché saranno costretti a seguire gli Stati Uniti nella regione, ha detto Cui.

Inoltre, se la NATO stabilisse un ufficio in Giappone, sarebbe visto come un segno tangibile della sua espansione verso est. Una tale mossa provocherebbe certamente la Cina, e i paesi europei non vogliono essere coinvolti in nuovi problemi in Asia che non hanno nulla a che fare con la sicurezza dell'Europa mentre l'enorme pasticcio in Europa rimane irrisolto, affermano gli esperti.

La parola altamente sensibile "Taiwan" non è stata menzionata nel comunicato della NATO. Uno dei motivi principali per cui alcuni alleati degli Stati Uniti in Asia, in particolare il Giappone, si sentono "minacciati" dalla Cina è che stanno seguendo gli Stati Uniti per intervenire nell'interesse centrale e negli affari interni della Cina: la questione di Taiwan. Molti membri europei della NATO, come la Francia, ritenevano che sarebbe stato molto poco saggio seguire gli Stati Uniti e il Giappone poiché ciò li avrebbe portati in una situazione di inutile pericolo, mentre questi membri dell'UE si stanno anche impegnando molto per avere una relazione stabile e vantaggiosa per tutti con la Cina, hanno osservato gli esperti.

Il primo ministro giapponese Fumio Kishida e il presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol hanno partecipato quest'anno al vertice della NATO.

La collaborazione Giappone-NATO andrà oltre le tradizionali aree di sicurezza e si estenderà alle tecnologie informatiche, emergenti e dirompenti e alle comunicazioni strategiche, ha affermato Kishida mercoledì al vertice sull'accordo recentemente concordato dal Giappone con la NATO, chiamato Individually Tailored Partnership Program (ITPP), secondo i resoconti dei media.

Yoon ha anche affermato che la Corea del Sud aumenterà la condivisione di informazioni militari con la NATO e parteciperà a un fondo fiduciario della NATO per l'assistenza all'Ucraina, secondo quanto riportato da Yonhap News.

La delusione dell'Ucraina

Anche se la parola "Repubblica Popolare Cinese (RPC)" è stata citata 15 volte nel comunicato, la crisi ucraina è il vero tema principale del vertice, poiché si tratta di stabilire fino a che punto i membri della NATO debbano continuare a sostenere economicamente e militarmente questa crisi geopolitica infinita, , hanno osservato gli esperti. 

Il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky martedì ha scosso il vertice dei leader della NATO criticando la loro dichiarazione congiunta sulla futura adesione del suo Paese, definendo la mancanza di una tempistica concreta "senza precedenti e assurda", come riporta il Washington Post. 

Mercoledì scorso, però, i Paesi del G7 hanno concordato un quadro comune per fornire all'Ucraina impegni di sicurezza a lungo termine, un impegno simbolico che, secondo Zelensky, aiuterebbe il Paese nel suo percorso verso l'adesione alla NATO, come riporta il Financial Times. 

Tuttavia, le promesse di sostenere l'attuale sostegno finanziario e militare a Kiev non sono all'altezza dell'obiettivo dichiarato da Zelensky di ottenere un invito a entrare nell'alleanza militare guidata dagli Stati Uniti e, in questa fase, sono più gesti politici che misure concrete. 

Cui Heng, assistente di ricerca presso il Centro di studi russi dell'Università normale della Cina orientale, ha dichiarato mercoledì al Global Times che "è molto chiaro che la NATO ha chiuso la porta all'Ucraina all’entrata nell'alleanza nel prossimo futuro", e questo dimostra ancora una volta che la NATO vuole usare l'Ucraina solo per affrontare la Russia, ma non vuole infrangere le regole per offrire all'Ucraina una vera protezione, quindi Kiev deve considerare come realizzare una pace sostenibile e porre fine al terribile conflitto con la Russia in altri modi più efficaci.

Su questa base, Cui Heng ha affermato che l'Ucraina non può soddisfare le condizioni di completamente la Russia e riprendere il controllo di tutti i suoi territori rivendicati che ora sono sotto il controllo russo, oppure rinunciare a tutti questi territori. Entrambi gli scenari sono estremamente improbabili nel prossimo futuro.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

 

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti